Città in rovina – L’ex centro Rai di Tor Pagnotta

Nessun commento

Centro Rai Tor Pagnotta 4

Centro Rai Tor Pagnotta 6

 

Le onde corte fanno parte ormai di un ricordo antico. Trasmissioni radiofoniche in grado di raggiungere l’altro capo del mondo con pochissima potenza. Il segnale non è puro, la voce sembra provenire da una scatola, ma almeno il messaggio arriva ovunque. Mussolini, convinto che i notiziari del regime dovessero essere ascoltati anche all’estero, non vuole che si risparmi. Dà mandato di costruire a Tor Pagnotta, all’epoca piena campagna, il più importante centro di trasmissione in onde corte d’Europa.

Durante la guerra diventa obiettivo dei bombardamenti che lo distruggono completamente.  A partire dagli anni 50, la Rai ricostruisce l’impianto e ci installa 6 ripetitori. Per tre decenni continua a trasmettere in onde corte, poi viene trasformato e convertito con tecnologie più moderne, fino a che nel 2007 chiude. Raiway, la società che si è costituita appositamente per gestire le trasmissioni e i ripetitori, non lo ritiene più necessario.

In pochi anni la struttura finisce nel consueto abbandono che tante volte vi abbiamo mostrato in questa rubrica. Arrivano i soliti furti di rame, poi vengono portate vie le suppellettili, i quadri, i sanitari dei bagni.

Radio Roma Capitale è riuscita ad introdursi negli edifici e ha documentato con queste fotografie lo stato in cui si trovano. La Rai ha speso soldi pubblici per la vigilanza e per sfalciare l’erba (altrimenti il rischio di incendio sarebbe stato alto). Poi ha cessato la vigilanza e il centro è diventato terra di nessuno.

Centro Rai Tor Pagnotta 7

Centro Rai Tor Pagnotta 2

Centro Rai Tor Pagnotta

Centro Rai Tor Pagnotta 3

 

Delle originarie 6 antenne oggi non ne rimane nessuna. Nel 2013, anche a seguito di esposti degli abitanti della zona, l’azienda radiotelevisiva le ha fatte smontare. L’obiettivo era vendere il terreno bonificato e gli edifici che insistono sui diversi ettari, ma sembra che non si sia arrivati a concludere una trattativa con il gruppo Caltagirone che aveva avanzato un’offerta.

Drammatiche le foto pubblicate da youreporter mentre della struttura si parla anche nel film “Sacro Gra” di Gianfranco Rosi che cita il glorioso passato delle onde corte, di Rai International e mostra lo stato attuale. Una delle antenne, opera diretta di Guglielmo Marconi, con soli 7kw riusciva a raggiungere il nord America. Molti appassionati di radiofonia avrebbero voluto qui un museo della radio. Ma la realtà è ben diversa ed quella della solita Città in rovina!

 

Le foto sono tratte dalla pagina Facebook di RadioRomaCapitale e da youreporter.it

 

Cliccare qui per le precedenti puntate di Città in rovina

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

La storia recente di via del #Babuino dimostra che il Campidoglio non hai mai avuto le idee chiare sulla sosta e le aree pedonali. Oggi la normalità è camion sui marciapiedi a caos a tutte le ore. @virginiaraggi @Sabrinalfonsi @materia__prima. diarioromano.it/?p=38067

Il più giovane dei parcheggi di scambio, ad Arco di Travertino, nel degrado totale. La grande struttura in legno è chiusa dal 2013 e presto finirà nel degrado. Qualcuno si svegli!!! @virginiaraggi @materia__prima @LindaMeleo diarioromano.it/?p=37993

Sembra che le #stradenuove non sempre prevedano la segnaletica orizzontale, come nel lungo tratto dell’Aurelia rifatto da settimane. . #Roma #rubriche #photo #città #Temi #primopiano #sicurezza #sicurezzastradale

test Twitter Media - Sembra che le #stradenuove non sempre prevedano la segnaletica orizzontale, come nel lungo tratto dell’Aurelia rifatto da settimane.
.
 #Roma #rubriche #photo #città #Temi #primopiano  #sicurezza #sicurezzastradale https://t.co/6tLQyMRPq8

Una vergogna di #atac (e una vergogna di amministrazione) @materia__prima @virginiaraggi twitter.com/iltrenoromalid…

Video diario