Chiude la metro Baldo degli Ubaldi e la Raggi accusa (ingiustamente) “quelli di prima”

Venerdì prossimo chiuderà la stazione Metro A di Baldo degli Ubaldi, e resterà chiusa per circa 3 mesi. La motivazione è la revisione contemporanea di tutte le 12 scale mobili e i 7 ascensori.

Dopo la diffusione della notizia in rete, è apparso un inspiegabile post della Sindaca Raggi:
“Dopo vent’anni di mancata manutenzione la nostra amministrazione sta intervenendo per le dovute revisioni di ascensori e scale mobili della stazione metro A Baldo degli Ubaldi.
Un disagio purtroppo necessario dato il totale disinteresse di chi in questi decenni sarebbe dovuto intervenire”.

 

Questo attacco gratuito sa tanto di giustificazione non richiesta che, secondo una locuzione latina (“excusatio non petita, accusatio manifesta”), costituisce un vero e proprio atto di auto-accusa.

Ma qual è la VERITÀ?
La stazione di Baldo degli Ubaldi, insieme a Battistini e Cornelia, è stata aperta al pubblico il 1° gennaio del 2000.

 

Il D.M. 23/85 del Ministero Infrastrutture e Trasporti (MIT), impone per gli ascensori e le scale mobili la revisione generale al 10° e 20° anno dalla prima apertura al pubblico.

Già al momento dell’apertura della stazione quindi, cioè 20 anni fa, si sapeva PER CERTO che doveva essere fatta la Revisione ENTRO il 31 dicembre 2019. Essendo una scadenza calendariale e imposta per Decreto, non è prorogabile.

 

Teoricamente ATAC, sapendo da sempre che gli sarebbero scaduti tutti gli impianti in 3 stazioni, sarebbe dovuta partire con largo anticipo per fare la revisione a singole scale mobili e ascensori, in modo da limitare i disagi e soprattutto NON chiudere la stazione.

Per ora ATAC ha comunicato solo il problema su Baldo degli Ubaldi, ma anche Cornelia è nelle stesse condizioni e quindi a fortissimo rischio chiusura. Per Battistini il problema non si pone, perché a differenza delle altre due la stazione ha anche normali scale fisse ed è poco profonda.

A breve ci saranno quasi 6.000 persone al giorno private della stazione Baldo degli Ubaldi, a cui potrebbero aggiungersi altre circa 14.000 persone per la chiusura di Cornelia.
Un totale di 20.000 passeggeri al giorno buttati per strada a causa dell’incapacità di ATAC di programmare per tempo la NORMALE manutenzione programmata.

E il bello è che ATAC non ci rimetterà nulla perché fattura sui km percorsi dalle Metro (km che anzi potrebbero pure aumentare, non dovendo perdere tempo a fare una o due fermate). Difficile inoltre immaginare un calo sulla vendita di biglietti e abbonamenti, se non in piccolissima misura.

Magra consolazione, il responsabile delle Metro e quello delle scale mobili sono stati già indagati e sospesi dalla Magistratura per un anno.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

2 risposte

  1. Ma se per tutte e tre la manutenzione deve avvenire entro il 31/12, mica penseranno di farle una dopo l’altra? Con questi tempi dichiarati Cornelia e battistini sarebbero realizzate oltre i termini! Che faranno, le chiuderanno dal 1 gennaio o le lasceranno aperte in modo illegale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo. Cosa resta delle #amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo #libro di @A_Ambrogetti 👇📰 diarioromano.it/giunte-rosse-d…

Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico. La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi modi per accaparrarsi lo spazio pubblico.
La carenza di posti auto favorisce escamotage degni di Totò. Basta delimitare lo spazio necessario, come fa egregiamente il fioraio di Via del Gambero, ed il gioco è fatto. (Claudio)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HI0FeUIPcc

Proroga governativa per le #OSP “COVID”, che ha reso inutile l'intervento del Campidoglio. Rimane però inaffrontato il tema dei controlli, resi difficili (impossibili?) dalle carenze d'organico. Serio rischio di proroga del far west. @gualtierieurope diarioromano.it/?p=48847

Finalmente qualcuno che ricorda l’importanza di non chiuderli i #cinema. Veltroni interviene sulla moria di sale cinematografiche, ricordando la loro importanza e indicando nuovi modelli da seguire... 👇📰 diarioromano.it/finalmente-qua…

Giardino di piazza Armellini già in abbandono. Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Giardino di piazza Armellini già in abbandono.

Rifatto completamente nel 2019, lo square centrale non viene mai pulito e si sta lentamente degradando. Anche le piante necessitano di essere potate.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/uK905On4y0

@diarioromano Venite a parlarne con noi domenica a Ostia. Partiamo dalla triste vicenda della delega al litorale per discutere di come sia impossibile amministrare 15 municipi grandi come medie città italiane senza poteri né risorse. @10azione @F_Carpano @anderboz @globefaro @AndreaVenanzoni Retweeted by diarioromano

Sarebbe utile avere dall'amm.ne capitolina un'indicazione di quando ragionevolmente pensano che i cumuli di rifiuti fuori i cassonetti sarranno una rara eccezione. In mancanza di ciò, è comprensibile che i cittadini continuino a documentare ogni giorno lo schifo. twitter.com/Lavoratori_Ama…

#Riforma di Roma Capitale: dalla Camera l’ipotesi di una “quasi” regione. Può funzionare? L'accordo tra le forze politiche è molto vicino. Tante competenze a #Roma tranne la #sanità... 👇📰 diarioromano.it/riforma-di-rom…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Giunte Rosse: dieci interviste sul buon governo

Cosa resta delle amministrazioni locali guidate dal Partito Comunista italiano? Il nuovo libro di Andrea Ambrogetti cerca di mettere in luce l’impegno politico e sociale di quei sindaci e assessori e della loro presa sulla memoria collettiva

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close