ATAC – la pagella del 1° quadrimestre: BOCCIATA

I report ufficiali ATAC dei primi 4 mesi 2021 mostrano un servizio peggiorato rispetto al 2016: autobus in calo, crollo dei filobus e tram ai minimi storici. Ci arriverà ATAC fino alle elezioni?

Continua ad andare molto male il servizio di trasporto pubblico a Roma: dai report ufficiali ATAC dei primi 4 mesi 2021 (ultimi disponibili), si scopre che il servizio è addirittura peggiorato rispetto al 2016.

In particolar modo colpisce il calo degli autobus del -5,4%  nonostante da fine 2016 ai primi mesi 2021 siano arrivati oltre 750 nuovi mezzi. Un dato inspiegabile.

 

 

Salta all’occhio il crollo del servizio filobus, svolto sia nel 2016 che nel 2021 solo dai modello Trollino (su linea 90), mentre i 45 filobus Breda del corridoio Laurentino (linea 74) sono abbandonati in deposito da quasi 15 mesi.

Anche il servizio tram è ai minimi storici, con un catastrofico -27,8% rispetto al 2016 ed un servizio che, in valore assoluto, è sotto il 60% rispetto gli obiettivi del concordato!?!

 

Migliorano Metro A e B, ma non bastano a compensare il pessimo risultato della superficie. Va inoltre sottolineato che la maggior parte degli spostamenti dei passeggeri (64%) avviene con bus e tram, come dichiarato da ATAC stessa.

 

Le perdite per mancata produzione nei primi 4 mesi del 2021 ammontano a -12 Milioni€ circa, a cui si vanno a sommare le perdite per la mancata vendita di biglietti, verosimilmente pari ad altri -30 Milioni€ circa. ATAC ha anche ricevuto dei “bonus” per COVID, scioperi (ATAC viene pagata lo stesso in caso di sciopero) e altre cause “esogene”, per circa +8 Milioni€, di cui la fetta più consistente (+2,8 Mln€) per i filobus che non hanno fatto servizio. Un eclatante paradosso.

 

Va ricordato anche che le penali per la qualità del servizio sono pressoché azzerate per tutta la durata dell’emergenza pandemica.

Condividi:

Una risposta

  1. “Quando siamo arrivati, nel 2016, ATAC era sull’orlo del baratro.
    Con la nostra gestione gli abbiamo fatto fare un bel passo in avanti…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni. I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni.

I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y4oMqVH7Af

@diarioromano twitter.com/bikediablo/sta… Retweeted by diarioromano

Chiaramente non si tratta di pochissimi episodi isolati ma di un fenomeno che in qualche modo va affrontato. Se @gualtierieurope volesse porlo all'attenzione del Comitato Provinciale di Sicurezza ... twitter.com/Pino00895828/s…

Considerato il ruolo ricoperto e la sconsideratezza del gesto, in una città normale le dimissioni sarebbero molto appropriate. Ma nella Roma del 2022, per di più reduce da 5 anni di M5S alle vongole, anche in questo caso non accadrà nulla. twitter.com/gianluigidella…

Ex Circolo degli artisti: l’edificio comunale chiuso dal 2015, in totale abbandono. Per 18 anni non fu pagato l'affitto al #Campidoglio e nessuno fece controlli. La storia di possibili #corruzioni e strani legami con la politica 👇📰 diarioromano.it/ex-circolo-deg…

Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70. Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno. #Roma

test Twitter Media - Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70.
Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno.
#Roma https://t.co/bWAzrBRnwB
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close