A Roma c’è chi prende sul serio la sicurezza stradale e non è la Raggi

Qualche giorno fa abbiamo dato conto di come l’amministrazione romana abbia già archiviato le due giovani vite perse nell’incidente di corso Francia. Senza sorpresa ha quindi già ripreso a correre il conteggio dei pedoni che muoiono sulle strade di Roma: il 15 gennaio è stato investito a morte da un’automobile un 89enne in via Casetta Mattei mentre lo scorso mercoledì 22 a morire è stato un pedone travolto nel piazzale della stazione Tiburtina da un mezzo Atac (UN MORTO A SETTIMANA!?! Il coronavirus ci spiccia casa a noi romani).

 

Con il Sindaco Raggi e gli assessori Calabrese (mobilità) e Meleo (lavori pubblici) che continuano a non fare una piega di fronte alla mattanza pedonale in corso a Roma ci sarebbe solo da farsi prendere dallo sconforto e fare con ancor più vigore il conto alla rovescia di quando un’amministrazione così inadeguata e criminale (come altro chiamarlo se non crimine il continuare ad esporre gli utenti deboli della strada a rischi mortali senza neanche provare a fare qualcosa?) sarà costretta ad andarsene a casa.

 

C’è però un barlume di speranza in città a cui appigliarsi ed è rappresentato dalla realtà del Municipio VII, dove fin dall’inizio del mandato hanno dimostrato di comprendere bene l’importanza della sicurezza stradale e vi si sono dedicati seriamente.

Avevamo già parlato di questa realtà cittadina e delle diverse sperimentazioni che stava promuovendo in tema di sicurezza stradale, attraversamenti rialzati o illuminati su tutte.

Vogliamo riparlarne approfittando dell’annuncio che qualche giorno fa hanno fatto la presidente Monica Lozzi e l’assessore Salvatore Vivace di un ulteriore passo avanti nelle sperimentazioni per garantire una maggiore sicurezza alle utenze deboli della strada, pedoni in primis.

Si tratta di una serie di infrastrutture, da realizzare sulle strade prospicenti una scuola, costituite da una decina di attraversamenti pedonali rialzati, due piattaforme rialzate, attraveramenti illuminati e indicatori di velocità.

Nel seguente video (cliccare sull’immagine per lanciarlo) pubblicato dalla presidente Lozzi tutti i dettagli:

 

 

 

Dal video si può cogliere come grazie all’attivismo di questo Municipio è stato adottato dall’amministrazione comunale un attraversamento rialzato tipo che può essere replicato in tutti gli altri municipi (cosa che però non appare si stia realizzando). In altri termini, non solo in Municipio VII si stanno dando un gran da fare sulla sicurezza stradale, ma stanno facendo anche da battistrada per la stessa amministrazione comunale che evidentemente non ha lo stesso livello di competenza e di passione.

 

Guardando il video non abbiamo potuto fare a meno di confrontare idealmente i due protagonisti con i loro omologhi in Comune.

L’assessore Vivace si occupa di lavori pubblici e mobilità, per cui andrebbe verificato di fronte agli assessori Calabrese e Meleo. Sul primo caliamo un velo pietoso, per i motivi che abbiamo più volte descritto, l’ultima qui.

Riguardo la seconda, per dimostrare la sua comprensione della materia “sicurezza stradale” riportiamo un’immagine presa da un post di ottobre dell’assessore dove si magnifica l’intervento #StradeNuove in via Bissolati:

 

 

Per commentare la qualità di un tale rifacimento ci affidiamo al commento che dello stesso hanno dato quelli del SULPL Roma:

 

 

 

Proviamo ad immaginare di poter invertire i ruoli e di avere il Vivace ai lavori pubblici in Comune. È facilmente intuibile come la sicurezza stradale diverrebbe la giusta priorità in ogni intervento cittadino e finalmente si potrebbe dire di aver cominciato ad affrontare seriamente la mattanza pedonale a Roma.

 

Noi andremmo anche avanti ed immagineremmo un avvicendamento tra Virginia Raggi e Monica Lozzi al vertice Capitolino, sicuri che un tale cambio farebbe fare enormi passi avanti alla città, ma questo è senz’altro chiedere troppo.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati. In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Al Celio marciapiedi in asfalto e pure disastrati.

In un rione storico come il Celio non solo ancora vi sono marciapiedi in asfalto, ma molti risultano disastrati, vere e proprie barriere invalicabili per i disabili motori
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/U4uu20fkiI

Noi facciamo richiesta formale al Dip. Ambiente, ma non sarebbe meglio che l’assessore @Sabrinalfonsi spiegasse subito cosa sta succedendo con le fototrappole? Tanto più se non c’è nulla da nascondere. twitter.com/diarioromano/s…

@rcalcina @comuneroma @ComunediTrieste Lo potevi fare con un comandante vigili serio e onesto e osteggiato come quello scelto da Marino quando iosegnalo funzionava poi adesso neppure più sistema funziona. Tralasciando quando ti contatta vano minacciando anche parenti vigili perché lavoravano troppo... Retweeted by diarioromano

Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche. Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Che brutto il plexiglass intorno alle aree archeologiche.

Da tempo immemore alcune aree archeologiche a Roma sono circondate da indegni pannelli in plexiglass rovinati e imbrattati. A quando la loro rimozione?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/OidSLFYrT1

Semplicemente sconfortante, segno che in fondo nulla è ancora cambiato. @gualtierieurope twitter.com/battaglia_pers…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close