What the hell …

1 Commento

Ammetto che l’abuso nell’utilizzo di espressioni straniere nel parlato quotidiano è una mia personale idosincrasia.

Ma come può essere venuto in mente al Sindaco Raggi di pubblicare su twitter gli auguri alla città di Roma per il suo Natale in inglese?!?

 

raggi1

Oltre al provinciale “Happy Birthday”, c’ha messo anche la storpiatura del nome della città: “Roma” si chiama “Roma” da 2770 anni e se qualcuno all’estero ha necessità di tradurlo questo nome, passi pure, ma che lo faccia il Sindaco della città è semplicemente inammissibile.

Per secoli Roma ha civilizzato il mondo diffondendo la propria lingua, il latino, e facendone la base per le tante nuove lingue che si sarebbero poi sviluppate.

Va bene la decadenza della città, ma arrivare ad utilizzare un idoma straniero per fare gli auguri di compleanno a Roma, con tanto di storpiatura del nome, è davvero troppo.

 

E sorvoliamo qui sulla svista contenuta nella primissima versione del tweet, dove all’età di Roma erano stati tolti una settantina d’anni:

 

raggi2

 

Va detto che questo malcostume si va diffondendo a tutti i livelli della società italiana, arrivando ad essere praticato anche dalle istituzioni più alte.

Guardate nella foto che segue come alla Camera dei Deputati sono riusciti ad infarcire di termini stranieri la scheda di presentazione di un convegno da loro organizzato:

 

scuolaNoHate

Va bene la necessità di utilizzare termini tecnici che spesso risultano di difficile traduzione, ma si poteva ben evitare di metterli nel sottotitolo del convegno. L’hashtag scelto è poi un capolavoro di cattivo gusto e provincialismo. Ma perché “scuolecontrolodio” gli faceva proprio schifo?

Che tristezza assistere alla colonizzazione culturale anglosassone con le maggiori istituzioni del paese ad agire da complici, per di più probabilmente inconsapevoli.

 

Se hai trovato l'articolo interessante, condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Articoli correlati

1 Commento

  1. Antonio Longo

    Perché è una povera provinciale, priva di vera cultura.

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Finalmente una cosa buona da @LindaMeleo: revisione tariffe strisce blu con eliminazione degli assurdi abbonamenti… twitter.com/i/web/status/9…

Convegno in Campidoglio sul bike sharing e nessuno, né @virginiaraggi@LindaMeleo@EnricoStefano, dice una pa… twitter.com/i/web/status/9…

Con due candidate imbarazzanti al ballottaggio, esprimiamo vicinanza a chi dovrebbe andare a votare di nuovo domeni… twitter.com/i/web/status/9…

Riforma cartelloni pubbl.: approvati dalla Giunta i piani di localizzazione. Ora si può procedere con i bandi.… twitter.com/i/web/status/9…

Video diario
  • Pacatamente, sul Sindaco Raggi

    La gravità della situazione a Roma richiede ben altra serietà da parte del Sindaco, a cominciare dall'assumere atteggiamenti più decorosi

  • Forse qualcuno l’ha fermato a Coia

    Meloni mette fine (forse) alle pazzie di Coia sulla Befana, che però apre subito un nuovo fronte sulla Bolkestein, con una curiosa compagnia

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.