Vogliamo renderle finalmente sicure le strisce pedonali a Roma?

Dopo 5 anni in cui non si è fatto nulla per fermare la "mattanza pedonale", proviamo a ricordare l'urgenza del problema ai due candidati sindaco

Che le strisce pedonali a Roma non siano sicure lo sanno tutti, inclusi i turisti che vengono adeguatamente istruiti dalle guide a non fidarsi ciecamente delle strisce quando attraversano le strade.

 

In passato ci siamo tolti la curiosità di conoscere il livello di attenzione degli agenti della Polizia Locale di Roma al rispetto delle strisce pedonali da parte degli automobilisti. Abbiamo infatti chiesto alla Polizia Locale di conoscere tutti i verbali elevati per infrazione all’art.191 del codice della strada (Comportamento dei conducenti nei confronti dei pedoni) e questi sono state le risposte: 1.105 verbali nel 2017, 1.143 nel 2018 e 1.735 nel 2019.

Tali numeri vogliono dire circa tre verbali al giorno nei primi due anni e poco meno di cinque nel 2019. Considerata la situazione romana, si capisce bene come tali numeri vogliano dire un sostanziale disinteresse nei confronti del problema. Se si pensa infatti alle centinaia di migliaia di veicoli in transito ogni giorno e le molte migliaia di attraversamenti pedonali esistenti a Roma, un migliaio di multe per mancato rispetto le si potrebbero fare ogni giorno.

 

Parliamo di nuovo di questa vergogna tutta romana perché qualche giorno fa è stato creato un nuovo gruppo facebook dove si è ricordata un’iniziativa partita nell’autunno 2018 e andata avanti in modo intermittente per circa un paio di anni. Questo il post dove è spiegata la storia:

 

 

 

L’iniziativa partì il 16 ottobre 2018, giorno in cui fu elevata la prima sanzione, e noi non abbiamo potuto non notare che ciò avvenne qualche mese dopo la nostra prima analisi delle sanzioni elevate per violazioni dell’art.191.

Potremmo allora avergliela data noi l’idea all’amministrazione di rimpinguare un po’ i numeri di quelle sanzioni, mostrando così di fare qualcosa per fermare la strage di pedoni a Roma, quella che già nel 2015 chiamammo “mattanza pedonale“.

 

Come che siano andate le cose, l’iniziativa si è rivelata incredibilmente timida (4 controlli settimanali!?!) e infatti il numero delle sanzioni elevate nel 2019 non mostra il salto di qualità che sarebbe stato necessario.

Insomma, una cosa buona per qualche comunicato stampa o articolo di giornale, ma del tutto inutile per dare una svolta alla pericolosità delle strisce pedonali a Roma.

 

Archiviata l’amministrazione Raggi, quella che ha senz’altro ampliato la distanza tra le parole spese sulla sicurezza stradale e i fatti messi realmente in campo, e preso atto che a Roma i pedoni continuano a rischiare la vita ad ogni attraversamento, l’auspicio che facciamo è che il prossimo governo cittadino affronti il problema con la dovuta decisione.

 

Purtroppo guardando il programma di Enrico Michetti non siamo riusciti a trovare traccia del termine “sicurezza stradale“, mentre quello di Roberto Gualtieri ne fa una timidissima menzione:

Metteremo al primo posto delle nostre politiche per la mobilità l’accessibilità e la sicurezza.

 

Occorre molto altro per mettere mano alla “mattanza pedonale” in corso a Roma e come sempre noi non mancheremo di segnalarlo fin da subito al nuovo sindaco.

 

Condividi:

Una risposta

  1. È lampante che il numero di multe elevate per mancato rispetto degli attraversamenti pedonali è basso in termini assoluti, ma manca il dato del totale di multe elevate (eventualmente dettagliate per tipo di infrazione) per poter capire se la Polizia
    Locale ignori questa infrazione o tenda semplicemente a non fare multe (e quindi a ignorare qualsiasi infrazione)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni. I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni.

I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y4oMqVH7Af

@diarioromano twitter.com/bikediablo/sta… Retweeted by diarioromano

Chiaramente non si tratta di pochissimi episodi isolati ma di un fenomeno che in qualche modo va affrontato. Se @gualtierieurope volesse porlo all'attenzione del Comitato Provinciale di Sicurezza ... twitter.com/Pino00895828/s…

Considerato il ruolo ricoperto e la sconsideratezza del gesto, in una città normale le dimissioni sarebbero molto appropriate. Ma nella Roma del 2022, per di più reduce da 5 anni di M5S alle vongole, anche in questo caso non accadrà nulla. twitter.com/gianluigidella…

Ex Circolo degli artisti: l’edificio comunale chiuso dal 2015, in totale abbandono. Per 18 anni non fu pagato l'affitto al #Campidoglio e nessuno fece controlli. La storia di possibili #corruzioni e strani legami con la politica 👇📰 diarioromano.it/ex-circolo-deg…

Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70. Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno. #Roma

test Twitter Media - Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70.
Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno.
#Roma https://t.co/bWAzrBRnwB
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close