Vediamo se così si capisce …

2 Commenti

… il problema delle bancarelle a Roma.

C’è un tweet odierno di @sbywor che a nostro avviso mostra in maniera esemplare ed emblematica qual è questo problema:

 

La prestigiosa gioielleria Tiffany …

New York, Parigi, Milano, Roma.

 

TifNY

New York

TifParigi

Parigi

TifLondra

Milano

TifRoma

Roma

Sono gli altri, a Milano, Parigi o New York, che non hanno ancora colto la potenzialità che qualche bancarella davanti ai Tiffany locali potrebbe dispiegare oppure siamo noi a Roma che non ci rendiamo conto dei danni che bancarelle in sovrannumero e mal posizionate, benché regolari, creano al commercio cittadino?

Ci si arriva a capirlo che un’attività che è in grado di attribuire un valore aggiunto enorme agli oggetti che vende (bravi loro che ci riescono) non può coesistere fianco a fianco con altre che invece fanno dei ricarichi minimi la loro forza (motivo per cui riescono a vendere tutto per pochi euro)?

Ed in una così stretta coesistenza non è la bancarella che viene spinta verso la direzione di Tiffany, ossia portata ad aumentare i propri margini e quindi consentire maggiori guadagni al gestore, bensì è l’attività di pregio che inesorabilmente vedrà ridursi l’efficacia della propria offerta e quindi il valore aggiunto generato.

È quindi questa la scelta di fondo che va infine fatta a Roma: si vuole puntare su attività ad alto valore aggiunto che permettono guadagni più alti per tutti (gestori, personale, indotto, ecc.), oppure conviene continuare a spingere verso attività sempre più improvvisate ed a basso costo, aumentandone ulteriormente i numeri e lasciando che i loro margini continuino ad essere erosi dalla concorrenza al ribasso?

Detta in altri termini, vogliamo cercare di essere tutti più ricchi (o, per gli appassionati pauperisti, meno poveri) ed operare e vivere in condizioni migliori, oppure preferiamo essere via via sempre più poveri e rassegnarci a vivere e lavorare sempre peggio?

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Signor Smith

    Un’immagine vale più di mille parole.

  2. Angela Ciardi

    Sempre detto ” in nessuna delle grandi capitali si vede quel che succede a Roma ” !

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

La disavventura dei disabili che aspettano il tram o usano la metro a Colli Albani raccontata da una mamma. @andreavenuto sappiamo che non ha la bacchetta magica ma davvero @virginiaraggi è sorda a basilari istanze di civiltà? #barrierearchitettoniche diarioromano.it/?p=37833

Video diario
  • Oltraggio al poeta G. G. Belli

    Aiuole di piazza Belli (gestione servizio giardini). Che stridente differenza con quelle gestite da Confcommercio su stessa piazza. Marco