Uno spettacolo degno di p.za del Popolo

Da tempo ci vengono segnalate delle cosiddette esibizioni di artisti di strada in piazza del Popolo con l’utilizzo di impianti di amplificazione.

Essendo piazza del Popolo inserita nell’elenco delle aree individuate dall’allegato “B” del Regolamento per l’arte di strada (delibera C.C. n.24 del 12/04/2012), in tale luogo non è possibile utilizzare impianti di amplificazione di alcun tipo, come da comma 5 dell’art.4 del Regolamento, di seguito riportato:

le suddette postazioni non potranno essere impegnate contemporaneamente e non si potrà utilizzare, nell’esercizio dell’attività artistica, attrezzature foniche di alcun genere, né amplificatori ovvero diffusori acustici né strumenti alimentati da corrente o a batteria incorporata allo strumento stesso”.

 

Purtroppo una tale previsione non è ben conosciuta dagli agenti della Poliza Locale di Roma, i quali a chi la fa presente spesso rispondono che il divieto di utilizzo degli amplificatori era previsto dall’art. 1 del succitato Regolamento ma una sentenza del TAR ha cassato tale articolo nel 2013.

 

Recentemente ci siamo passati in piazza del Popolo ed abbiamo potuto apprezzare, si fa per dire, il livello di esibizioni “artistiche” che vi si tengono.

 

[youtube url=”https://youtu.be/tuot2tlFa7M”]

 

 

Come si può cogliere con un po’ di attenzione, la persona nel video non sta veramente suonando il violino bensì lo mima maldestramente ed anche l’abbigliamento non ha alcunché di artistico (a costo di passare per bacchettoni lo troviamo addirittura indecente).

Come diavolo sia possibile che uno spettacolo tanto sgraziato e di infimo livello, oltre che in violazione di norme vigenti, sia tranquillamente permesso in uno degli scenari più straordinari di Roma è cosa che sfugge a qualsiasi comprensione.

 

Ringraziamo di cotanta cialtroneria nell’ordine:

  • la presidente della commissione cultura Eleonora Guadagno, che dopo un timido tentativo di modifica del vigente Regolamento per l’arte di strada ha gettato la spugna per manifesta incapacità,
  • l’assessore alla cultura Bergamo, che in tre anni non ha ritenuto di prendere alcuna iniziativa per tutelare la vera arte di strada e scoraggiare le troppe cialtronate presenti a Roma,
  • il Sindaco Raggi, che forse neanche si accorge del livello di degrado che in tutti gli ambiti e in tutte le zone ha raggiunto Roma.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

2 risposte

  1. Sono d’accordo. Troppi cialtroni finti artisti girano per Roma. E lo dice un musicista di strada e lo faccio per vivere. Ma non al centro perché oramai è territorio di finti musicisti, tra i tanti zingari, rumeni e africani. Infatti preferisco suonare “acusticamente” ( senza nessun supporto tecnologico) il mio sax, nelle strade site in quartieri “bene” dove c’è camminamento e shopping. Io proporrei alle autorità capitoline di fare un po’ di ordine, e dare permessi solo chi sia veramente musicista, magari con “audizioni” competenti che possano convalidare i permessi.

  2. Il problema è che mettere nella stessa frase “artisti” e “quella gente lì” è errore da matita blu !!!
    Io non amo particolarmente questi spettacoli ma girando per Parigi, Londra e Berlino vedi gente veramente brava, originale e con qualcosa da dire, qui abbiamo solo gente che si arrabatta per fare due soldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Rigenerazione urbana❗ Inaugurato a #Roma il coworking space definito “la nuova Silicon Valley romana”, un progetto che pare inserirsi alla perfezione nella #stagione di cambiamenti dettati dalla #pandemia. #25settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/rigenerazione-…

... poi Andrea Coia ha messo mano alla normativa sugli arredi esterni dei locali ed ora chiunque può esporre quello che gli pare. Non male per un sito #UNESCO. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - ... poi Andrea Coia ha messo mano alla normativa sugli arredi esterni dei locali ed ora chiunque può esporre quello che gli pare. Non male per un sito #UNESCO.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/dlnM1kouT0

Bancarellopoli: le responsabilità di Virginia #Raggi e del M5S. Non bastano gli arresti a risolvere il problema dell'ambulantato romano. Occorrono regole che però il #M5S a tutti i livelli ha sempre boicottato. #Roma #24settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/bancarellopoli… Retweeted by diarioromano

Bancarellopoli: le responsabilità di Virginia #Raggi e del M5S. Non bastano gli arresti a risolvere il problema dell'ambulantato romano. Occorrono regole che però il #M5S a tutti i livelli ha sempre boicottato. #Roma #24settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/bancarellopoli…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close