Un’altra piazza dei Cinquecento, improvvisamente!

Sorprendente epilogo, almeno per ora, della storia delle bancarelle di piazza di Cinquecento.

Avendola seguita fin dall’inizio ci ricordiamo di quando, a febbraio di quest’anno, i vertici del Municipio I, ossia la Presidente Sabrina Alfonsi ed il vice-presidente nonché assessore al commercio Jacopo Pescetelli, fecero un improvviso controllo sulla piazza trovando tutti i banchi irregolari, per un motivo o per l’altro.

In molti, noi compresi, si fecero illusioni sulle possibilità che gli abusi rilevati avrebbero portato ad una sistemazione dell’area, ripristinando decoro e legalita, ma nulla cambiò per mesi.

Si è poi continuato a fare l’altalena tra una situazione apparentemente regolare, come affermato ad un certo punto dai vigili, e sanzioni con qualche sporadica rimozione, senza però che si riuscisse mai ad incidere sulla situazione complessiva.

Poi improvvisamente l’amministrazione qualche giorno fa ha deciso di spostare tutti i banchi in un angolo della piazza, in prossimità dei portici (realizzando una specie di suk), e così facendo ha completamente rivoluzionato l’aspetto di piazza dei Cinquecento. Qualche immagine che dovrebbe rendere bene l’idea.

t3
Nessun segno di bancarelle

 

t2
Banchine sgombre e ariose

 

t5
Incredibilmente si vede attraverso le varie banchine (prima era impossibile)

 

t4
Da non crederci: il percorso pedonale completamente sgombro!

 

t7
E questo è il piccolo suk che è stato realizzato

 

t8
Vista del suk dal lato dei portici (non un bello spettacolo)

 

A dire il vero una postazione pare aver resistito allo spostamento di massa e guarda caso è uno degli inossidabili camion bar che hanno la capacità di intrufolarsi di soppiatto ovunque. Sarebbe interessante sapere se quello della foto è autorizzato a sostare lì sul marciapiedi; parrebbe fuori luogo ma con le normative romane non si può mai dire.

t6
L’unico intruso rimasto sulla piazza

 

A parte quest’ultima anomalia c’è però da dire che la piazza ha riacquistato un aspetto normale, il che equivale ad una vera e propria rivoluzione a Roma (qui è la normalità ad essere straordinaria). E c’è da dire che lo spettacolo del grande piazzale, impreziosito dai tanti pini e non più ammorbato da banchi strabordanti robaccia è davvero suggestivo.

L’assessore Pucci, che dovrebbe occuparsi di lavori pubblici ma che ha assunto ormai un ruolo da quasi vice-sindaco, ha detto che questa è una sistemazione definitiva e questa è senz’altro una buona notizia. Ci sarà però da vigilare con costanza perché l’assessore, così come l’amministrazione tutta, non sarebbe nuova a proclami poi non rispettati.

Noi nutriamo più di una speranza che si approfitterà della scadenza di tutte le licenze ambulanti nel 2017 per non rinnovarne la stragrande maggioranza, che le strade di Roma non hanno proprio bisogno del commercio straccione rappresentato dalle bancarelle attuali. Discorso diverso si potrebbe fare per banchi di ben altro tipo, circoscritti in luoghi particolari (tipicamente i mercati rionali) e con mercanzia di una qualche particolarità. Ma questa è un’altra storia. Cominciamo col liberarci dal pessimo ambulantato attuale e l’intervento effettuato in piazza dei Cinquecento è un ottimo passo avanti.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Uno scomposto presidente Coia. Grande nervosismo mostrato dal presidente @AndreaCoiaM5S che forse comincia a rendersi conto delle responsabilità sue e della sua amministrazione nel caos del #commercio cittadino. #Roma #2luglio #news @RiprendRoma ▪️ 👇📰 diarioromano.it/uno-scomposto-…

P.za del Popolo un tempo era un enorme parcheggio di automobili. A distanza di anni è ora divenuta il luogo dove lasciare decine di #monopattini in #sharing. Non è la stessa cosa ma siamo sicuri che sia da trattare così uno dei luoghi più preziosi di #Roma? 📸

test Twitter Media - https://t.co/RBM7rmB5wV del Popolo un tempo era un enorme parcheggio di automobili. A distanza di anni è ora divenuta il luogo dove lasciare decine di #monopattini in #sharing. Non è la stessa cosa ma siamo sicuri che sia da trattare così uno dei luoghi più preziosi di #Roma?
📸 https://t.co/iZNmBbD1OA

Se @Sabrinalfonsi volesse rincuorare tutti mostrando un progetto che migliori via Sistina ne saremmo piacevolmente stupiti, ma temiamo proprio che ciò non accadrà. twitter.com/diarioromano/s…

Il Municipio I si accinge a rifare via Sistina ma sembra senza modificarne la struttura, lasciando così due marciapiedi ridotti ed una carreggiata che consente la sosta in doppia fila. Verso un nuovo spreco di soldi #pubblici? 💵 #Roma #1luglio ▪️ 👇📰 diarioromano.it/rifacimento-di…

Ogni giorno, a qualunque ora, ecco lo spettacolo di ponte Cestio pieno di auto in divieto! Sul ponte transitano spessissimo ambulanze e le auto parcheggiate creano problemi e ritardi. (Marco) . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Ogni giorno, a qualunque ora, ecco lo spettacolo di ponte Cestio pieno di auto in divieto! Sul ponte transitano spessissimo ambulanze e le auto parcheggiate creano problemi e ritardi. (Marco)
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/5kENSvpX2V

Avevamo segnalato l'allarme della #Caritas già agli inizi di maggio‼️I dati sono in continuo aumento, si teme un +15% nei prossimi mesi. A #Roma serve subito una #politica di intervento 🗣️📢.

test Twitter Media - Avevamo segnalato l'allarme della #Caritas già agli inizi di maggio‼️I dati sono in continuo aumento, si teme un +15% nei prossimi mesi. A #Roma serve subito una #politica di intervento 🗣️📢. https://t.co/vaL67ypZtQ
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close