Dalle consigliere e consiglieri municipale nel Municipio I abbiamo ricevuto il seguente messaggio:

 

Buongiorno  alla Redazione

Le invio il link ove è riportata  correttamente la spiegazione di alcuni articoli del  ” Nuovo Regolamento del Commercio sulle Aree Pubbliche ” di Andrea Coia.

E’ fondamentale informare i cittadini e Basilare che ciò avvenga nella maniera corretta, poiché abbiamo riscontrato delle difficoltà nella giusta comprensione di alcune norme  e di conseguenza della loro divulgazione ad un pubblico del tutto inconsapevole, vi proponiamo l’esatta lettura degli articoli che hanno creato confusione:

[link]

Saluti Dai Consiglieri Municipali M5S, Municipio Roma I Centro

Raffaella S.

Giusi C.

Enzo S.

 

Questo il contenuto del documento:

Quali portavoce del Primo Municipio, abbiamo il compito di portare la voce dei cittadini all’interno delle istituzioni e gli atti delle Istituzioni ai cittadini per garantire la massima saldatura tra cittadini e rappresentanze. Riteniamo che sia quindi doveroso, verso i cittadini, fare il possibile per liberarli dalla disinformazione, in modo massimo quando questa è dolosa ed offensiva della loro intelligenza. Pertanto intendiamo chiarire e spiegare il “ Nuovo Regolamento delle Attività su Aree Pubbliche “ redatto dal Consigliere Comunale Andrea Coia del Movimento 5 Stelle.

Innanzitutto è bene ricordare che dal 2006 esiste la Direttiva Bolkestein, che formula una serie di principi tendenti ad armonizzare le normative nazionali e regionali per promuovere una maggiore competitività di mercato, l’Italia ha recepito la direttiva europea nel 2010 con il D.Lgs. n.59 ma solo il 5-7- 2012 è stata raggiunta un’intesa in conferenza Stato-Regioni, nella quale sono stati individuati i criteri per il rilascio e il rinnovo della concessione dei posteggi per l’esercizio del commercio su aree pubbliche . Siamo nel 2017 : è stata attuata ? Nel 1998 il Decreto Bersani, D.Lgs.114, riformò radicalmente il settore del commercio andando verso la Liberalizzazione, in sintesi : Chiunque potrà aprire un negozio e potrà vendere ciò che vorrà. In riferimento al commercio su Area Pubblica leggere Art. 27,28,29,30 del Decreto.

Nel 1999 la Legge regionale n.33 stabilì norme per: L’esercizio dell’attività di vendita al dettaglio su aree pubbliche ( Capo II ).

Nel 2003 il 19 febbraio con la Deliberazione del consiglio regionale n. 139 si sancì: Adozione del documento programmatico per il commercio su aree pubbliche .

Senza dimenticare che nel 2006, sindaco Veltroni, venne approvata la Delibera n.35 : Regolamento delle attività commerciali su aree pubbliche. Glissando sugli articoli dell’Intesa Stato Regioni che stabiliscono i criteri applicati per la scelta dei Posteggi su area pubblica e loro concessione .
Da tutto questo nasce il Nuovo Regolamento, che sarebbe dovuto esistere già da tempo, per riordinare il Gran Marasma che ha potuto svilupparsi a causa del mancato controllo sull’attuazione di norme che se correttamente applicate non avrebbero permesso il generarsi di questa “Babilonia”.

Analizziamo alcuni articoli divulgati in maniera Imprecisa:

Le Licenze, Art.15, sono per la prima volta limitate per Titolare dei posteggi e per famiglia anagrafica, come già stabilito dalla Conferenza Stato/Regioni, fino ad un massimo di 10 ossia 5 settore alimentare e 5 settore non alimentare, proprio per combattere i Monopoli.
Si parla di Sanatoria per le Concessioni Anomale, l’Art.53 spiega in 3 righe cosa si sarebbe dovuto fare e cosa si farà.

Queste concessioni Non sono Abusive ma sono chiamate anomale perché generiche nell’indicare, ad esempio, zone o numeri civici dove l’operatore poteva esercitare, il fatto che vengano trasformate in posti fissi era già stabilito nella 35/2006 art.31 ( mai attuata), nel D.Lgs.59/2010 , saranno i Municipi, tramite conferenza dei Servizi, che potranno dare il diniego sull’eventuale posizionamento degli “operatori anomali”.
Gli Itineranti , Art.41, avranno l’autorizzazione rilasciata dai Municipi. Per motivi di tutela storica, artistica, archeologica, ambientale nonché per motivi di sicurezza è vietato in tutto il territorio del Primo e del Secondo Municipio e gli altri Municipi potranno comunicare l’elenco delle strade, dove sarà vietato il commercio svolto in forma itinerante, che verrà inserito nell’allegato A .
Nella Del. 35/2006 Art. 20 L’attività di vendita in forma Itinerante è autorizzata, fatti salvi quei luoghi dove esistono provvedimenti di divieto per motivi di tutela storica etc.etc. come già precedentemente elencati.

L’Anzianità, Art.12, non è favorita ma rispetta un punteggio stabilito dalla conferenza Stato/Regioni del 5 Luglio 2012 calcolato fino ad un massimo di 250 punti, e solo il 40% è relativo alla professionalità acquisita con l’Anzianità. Sono stati inseriti punteggi definiti di Qualità, in linea con il Movimento, riferiti al : riuso, riciclo, basso impatto sull’ambiente, etc..

E’ vietato appendere merci, Art.3, agli aggetti tendari, questi devono rispettare le dimensioni prescritte, è Vietato l’uso di generatori di energia elettrica salvo che non rispettino i Requisiti igienico-sanitari e siano necessari .

Le sanzioni, Art.45, non sono state abbassate, sono desunte dalla normativa nazionale, non si potrebbero assolutamente diminuire poiché il Comune è un organo legislativo di livello inferiore, sono addizionali ossia si aggiungono le sanzioni a quelle previste dalla Legge, per es.: “Chi appende abiti agli aggetti tendari paga una multa accessoria che non è prevista nella normativa nazionale” stessa sorte chi non rispetta l’obbligo di pulizia, o per gli Itineranti che non rispettano i limiti o le prescrizioni imposte dalla disciplina vigente , fino alla Sospensione dell’Autorizzazione e della Concessione fino ad un massimo di 20 giorni.

A garanzia del pagamento delle Sanzioni è introdotta la Polizza Fideiussoria. E’ interessante anche l’Art. 44 sugli Obblighi per l’esercizio del commercio su Area Pubblica.

L’Art. 42 stabilisce che la Festa della Befana a Piazza Navona sarà competenza del Dipartimento Sviluppo Economico Attività produttive e Agricoltura e i Municipi avranno competenza per le altre fiere a rilevanza territoriale.

Le Rotazioni ? Già la Del.35 del 2006 Art.15 esprimeva la stessa norma del Regolamento di Coia, Art.36 : “Il Dipartimento di concerto con i Municipi, provvede a delimitare le soste autorizzate con paline e apposita segnaletica” e altro ancora.

Il Nuovo Regolamento ha come obiettivo il ripristino del Decoro nella Capitale, trasferendo ai Municipi maggiori competenze, anche a causa del futuro Decentramento, e cerca un reale equilibrio, ordine e organizzazione con l’inserimento di nuovi criteri o semplicemente con la loro attuazione.

 

Abbiamo volentieri dato eco al messaggio che consigliere e consiglieri M5S ci hanno inviato, cogliendo questo positivo, seppur limitato, segnale di dialogo in un movimento che invece normalmente dimostra autoreferenzialità e incapacità di ascolto.

Dobbiamo però dire che rimangono valide tutte le nostre perplessità per un regolamento che anziché riformare un settore che negli ultimi anni a Roma è esploso in maniera assolutamente anomala (circa 12.000 licenze ambulanti, più di Toscana, Umbria e Marche messe insieme), si limita essenzialmente a ricodificare l’esistente.

Il risultato non potrà che essere la cristallizzazione della situazione che vediamo da anni sulle strade e marciapiedi romani, come d’altronde ha anche fatto capire lo stesso assessore al commercio Meloni.

Tanto per fare un esempio, il divieto di utilizzo dei generatori elettrici, “salvo che non rispettino i Requisiti igienico-sanitari e siano necessari” non potrà che portare alla diffusione degli stessi in ogni bancarella, col titolare che spergiurerà sul fatto che esso è “necessario” alla sua attività.

 

elettrogeno

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Piazza Salerno: un’auto è finita sul marciapiede tra gennaio e febbraio 2020. Sarebbe il caso di riparare il danno! . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Piazza Salerno: un’auto è finita sul marciapiede tra gennaio e febbraio 2020. Sarebbe il caso di riparare il danno!
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/vAiHz0ksXw

La rivista "ilMulino" (@rivistailmulino) ha lasciato aperto il saggio di @marcosimoni_ sulla questione "Romana", per garantirne una maggiore circolazione, perché ormai i problemi della Capitale sono sempre di più una questione "Nazionale". 👇📰 rivistailmulino.it/journal/articl…

test Twitter Media - La rivista "ilMulino" (@rivistailmulino) ha lasciato aperto il saggio di @marcosimoni_ sulla questione "Romana", per garantirne una maggiore circolazione, perché ormai i problemi della Capitale sono sempre di più una questione "Nazionale". 
👇📰
https://t.co/20b4pRX5Y3 https://t.co/WEGXhQ2GQv

In strada, il 24 settembre, per difendere i pini di Corso Trieste: “Si possono curare”. Residenti e #comitati organizzano una #manifestazione a difesa dei 157 alberi che il #Comune minaccia di tagliare. Sì alle cure naturali, no alle motoseghe. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/in-strada-il-2…

Via S. Polo dei Cavalieri. Cassetta postale sbilenca, palo divelto, #rifiuti ovunque. Questa sarebbe una città decorosa? . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Via S. Polo dei Cavalieri. Cassetta postale sbilenca, palo divelto, #rifiuti ovunque. Questa sarebbe una città decorosa?
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/FqAj4ccZPV

L'assessore Calabrese afferma ci sia parità di trattamento per fare #pubblicità sui bus, ma perché nel 2018 #Atac rifiutò la pubblicità dei promotori del #referendum mentre oggi accoglie quella del #M5S? #Roma #17settembre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/pubblicita-sui… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close