Una firma contro i roghi tossici

Nessun commento

accampamenti abusivi

 

 

Buonasera,

segnalo la petizione avviata su change.org visualizzabile al seguente link:
a cui hanno aderito in pochi giorni mille cittadini, riguardante le esalazioni nel secondo Muncipio, quartiere Trieste-Salario, nel cuore di Roma. Da più di un anno ormai si sono stabilmente insediati dei campi nomadi nella zona di Via Mascagni e del Ponte delle Valli. Ogni sera puntualmente vengono accesi roghi tossici dai quali si sprigiona un’aria irrespirabile, con ogni probabilità carica di diossina, che invade il quartiere minando la salute dei cittadini, in particolare bambini. A nulla servono le continue segnalazioni a forze dell’ordine e vigili urbani. Chiediamo un intervento serio e coordinato da parte delle istituzioni preposte per porre fine a questa inaccettabile situazione.

 
Cittadini Quartiere Trieste Salario
 
Parallelamente alla petizione, presso l’Enoteca 075 in Via Mancinelli 23 (nei pressi di Largo Somalia) è stata avviata una raccolta di firme per inoltrare un esposto alle autorità competenti riguardo quest’insostenibile situazione. Firmiamo numerosi!!
 
Grazie, per la cortese attenzione
Domenico Narducci

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

La stazione Pigneto, unica grande opera in costruzione, è impantanata per mancanza di coordinamento da parte dell'assessora #Gatta. Il Campidoglio dia le priorità come farebbe un bravo manager. La denuncia di @metroxroma. @EnricoStefano @LindaMeleo diarioromano.it/?p=26811

Video diario
  • Nasoni: il Sindaco Raggi dà i numeri!?!

    Numeri ridicoli quelli comunicati dal Sindaco sui nasoni riaperti, mentre ACEA lancia una campagna per il risparmio idrico mantenendo lo spreco di acqua

  • Sfruttano il bisogno di lavoro

    C'è tanta fame di lavoro e questi personaggi imbrattano Roma con pochi scrupoli. Ma che lavoro può offrire uno cosi? Anna

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.