Da un’amica del blog che ha chiesto di rimanere anonima per le ragioni che emergono dal suo stesso messaggio, riceviamo il seguente contributo che volentieri pubblichiamo.

File 1
“Quello che vi mostro oggi ha dell’eclatante e pur essendo un problema sotto gli occhi di tutti è sempre stato ignorato.

Ci troviamo nel quartiere San Lorenzo, tra la ferrovia e lo scalo è presente una enorme baraccopoli, fatta di lamiere, eternit, edifici pericolanti, abusivismo, degrado e discariche abusive.

Il tutto a 5 minuti dalla stazione termini.

Essendo nata in questo quartiere posso assicurare che sotto i miei occhi ho visto individui occupare giorno dopo giorno, indisturbati fette di questo enorme lotto, senza permessi, senza autorizzazioni. Le autorità a quanto pare si “disinteressano”.
Esempio eclatante è quello di via di Porta Labicana, in cui è stato eretto un muretto di cinta pericolante a difesa di un altro appezzamento di terra occupato da i soliti personaggi noti e temuti del quartiere. Nessuno gli ha detto nulla mentre alla luce del giorno tirava su un muretto con tanto di cazzuola, malta e mattoncini di risulta.

La mia vuole quindi essere una denuncia pubblica che possa smuovere a tutti i livelli questa insopportabile e decennale situazione.

Vi consiglio in caso di accertamenti e ulteriori reportage di stare attenti ai personaggi che vi vivono, ostili a chiunque osi fotografare e/o solamente mostrarsi troppo interessati allo schifo di impero che gli è stata data possibilità di crearsi.

Vi chiedo infine aiuti concreti su chi contattare, chi supplicare perché questa infame situazione venga risolta.

Aiutatemi a bombardare con segnalazioni gli organi competenti, quali vigili, forze dell’ordine, municipio, comune, partiti, chiunque possa aprire uno spiraglio sulla risoluzione di questo schifo.”
File 2

File 3

File 4

File 5
Nell’accogliere e pubblicare la segnalazione provvederemo a girarla alla Polizia Roma Capitale, responsabile prima del controllo del territorio, al Municipio II, l’istituzione di prossimità che dovrebbe essere il primo referente dei cittadini per ogni esigenza, ed alla Questura, sempre competente per questioni di ordine pubblico.
Vediamo quanto ci vorrà per ottenere qualche risposta o vedere qualche risultato.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Strage di paracarri a largo dei Lombardi. Che problemi hanno a largo dei Lombardi con i paracarri? Ce ne sono due abbattuti e abbandonati lì. Neanche uno straccio di rete arancione meritano… #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Strage di paracarri a largo dei Lombardi.

Che problemi hanno a largo dei Lombardi con i paracarri? Ce ne sono due abbattuti e abbandonati lì. Neanche uno straccio di rete arancione meritano…
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/M0kyZCw8p3

Per chi sia interessato al Municipio II, segnaliamo l’interessante incontro organizzato per oggi da @carteinregola twitter.com/carteinregola/…

Perché ponte Lanciani non è più transitabile a piedi? Dopo la segnalazione di questa mattina, è la volta di Luca che ci scrive da via Lanciani: da 3 anni chiusi i collegamenti pedonali. Pubblichiamo una segnalazione ricevuta qualche giorno fa... 👇📰 diarioromano.it/perche-ponte-l…

Balduina, via le erbacce dopo la #pubblicazione della denuncia su diarioromano Piccolo #risultato grazie alla segnalazione di un lettore. Ma il #problema del diserbo resta gravissimo. Richiesta di intervento anche per il parco di via Proba Petronia. 👇📰 diarioromano.it/balduina-via-l…

L’ultima settimana dì campagna elettorale si apre con un tris imbarazzante dì stazioni metro chiuse, come a voler ricordare agli elettori a cosa si va incontro confermando la sindaca uscente (eppure pare ce ne sia dì gente che voglia questo!?!) twitter.com/mercuriopsi/st…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close