Un piano per far fallire Atac: il 60% dei nuovi bus arriverà solo nel 2021

E’ di queste ore un comunicato stampa di Atac con il quale si esaltano i dati sulla lotta all’evasione tariffaria. L’azienda afferma che nel mese di novembre sono state elevate 600 multe al giorno a passeggeri senza biglietto, il 36% in più rispetto al novembre del 2017. Ma è realmente un dato di cui vantarsi? L’analisi di Mercurio Viaggiatore

 

di Mercurio Viaggiatore (@mercuriopsi)

I comunicati stampa di ATAC si appigliano ormai alle percentuali sui controlli ai passeggeri. Gli incassi da multe sono una voce infinitesimale sul Bilancio: 1,76 Milioni di euro in tutto il 2017 (→ se anche nel 2018 gli incassi raddoppiassero +100%, si tratterebbe sempre di bruscolini che non ripagano nemmeno 100 controllori). Gli incrementi di vendite di biglietti sono altri bruscolini irrilevanti. Passiamo invece al “core business” di ATAC, cioè il servizio di trasporto.
Come avevamo previsto il numero di autobus ATAC in circolazione per Roma è tornato a diminuire. Da Novembre è quindi iniziata la caduta libera della produzione di superficie, ed il servizio per i prossimi mesi sarà in costante diminuzione verso nuovi minimi storici.

 

 

Nel frattempo diverse gare sono andate deserte, tra cui una importantissima per l’acquisto di 320 nuovi autobus. L’acquisto di ripiego di 227 autobus tramite Consip (inizialmente dovevano essere solo 58, in aggiunta ai 320) si sta rivelando molto più problematico del previsto, e nella migliore delle ipotesi i nuovi bus inizieranno ad arrivare nel secondo semestre 2019, troppo tardi per rispettare gli obiettivi posti nel concordato.

Già l’obiettivo 2018 per la superficie di produrre il +3% rispetto al 2017 non sarà raggiunto. Al primo semestre 2018, infatti, la produzione era calata addirittura del -3,5%, con perdite per mancata produzione quantificabili in oltre 25 Milioni€ in soli 6 mesi e solo per il trasporto su “gomma”.

Ma quello che stupisce fortemente è proprio il Piano Industriale posto a base del Concordato. Gli investimenti programmati a fine 2017 nei bilanci di previsione 2018-2020 sono così ripartiti:

 38 Milioni di euro nel 2018 (ancora NON spesi)
 30 Milioni di euro nel 2019 (per autobus in consegna al 2020)
 99 Milioni di euro nel 2020 (per autobus in consegna al 2021)

Per un totale di 167 Milioni di euro, per acquistare i famosi 600 autobus nuovi. La domanda sorge spontanea: perché concentrare il grosso degli acquisti nel 2020 (il 60% del totale) , quando la priorità assoluta per salvare ATAC è avere quanti più autobus possibili nell’immediato?

 

 

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Dopo sette anni il restringimento di via Nairobi è sempre lì. L'intervento previsto per lo scorso aprile è stato annullato per sopravvenute complicazioni alla galleria dei sottoservizi e a settembre andrà trovata una nuova soluzione... 👇📰 diarioromano.it/dopo-sette-ann…

Uno slargo per Simonetta Cesaroni. Il largo della Gancia prenderà il nome della giovane che fu uccisa nel 1990. A pochi passi da via Carlo Poma, luogo dell’omicidio. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Uno slargo per Simonetta Cesaroni.
Il largo della Gancia prenderà il nome della giovane che fu uccisa nel 1990. A pochi passi da via Carlo Poma, luogo dell’omicidio.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/E6AW907eE2

#ATAC - alle aste immobiliari, previste dal Concordato, MANCANO circa 54 MLN€‼️ Sconosciuto l'esito del 4° tentativo di fine Luglio Comune #Roma si è impegnato a comprare 5 immobili per circa 23 MLN€ (e ha perso il 6°, la pregiata Rimessa Vittoria per #tram e #bus elettrici) Retweeted by diarioromano

Sapete che anche noi #disabili andiamo in vacanza? La domanda è chiaramente provocatoria ma la situazione è molto difficile, basta vedere i dati delle #BandiereLilla. Raccontatemi la vostra esperienza! travelquotidiano.com/mercato_e_tecn… (via @TravelQuot) #disabilità #SiamoTuttəUguali Retweeted by diarioromano

Nuovo porto al faro di #Fiumicino: ospiterà yacht o grandi navi da crociera? L'area, oggi in stato di abbandono, è stata acquisita da Royal Carribean che ne vuole fare un suo scalo. I #cittadini in allarme: i fondali non sono adatti 👇📰 diarioromano.it/nuovo-porto-al…

Al Ghetto si moltiplicano i guadagni dei locali ma anche la spazzatura. I locali cominciano dal primo pomeriggio ad ammucchiare la spazzatura in strada. Da una parte moltiplicano i tavoli e dall'altra i rifiuti in strada. Qualcuno che riprenda il controllo? #fotodelgiorno

test Twitter Media - Al Ghetto si moltiplicano i guadagni dei locali ma anche la spazzatura.
I locali cominciano dal primo pomeriggio ad ammucchiare la spazzatura in strada. Da una parte moltiplicano i tavoli e dall'altra i rifiuti in strada. Qualcuno che riprenda il controllo?
#fotodelgiorno https://t.co/HI6rk8uSHA

#Rinnovabili: l’ambizioso piano di Zingaretti, le utopie e la realtà. Secondo il presidente della Regione, entro il 2050 il Lazio sarà alimentato solo da energia green... 👇📰 diarioromano.it/rinnovabili-la…

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close