Un pesce d’aprile che invece sarebbe proprio quello che serve a Roma

L'Ufficio Mobilità Attiva è stato annunciato per scherzo, come pesce d'aprile, ma se istituito sul serio farebbe fare il necessario salto di qualità a Roma per la mobilità sostenibile. Perché no assessore Patanè?

Ieri, primo di aprile, in molti si sono divertiti a fare pesci d’aprile, con i social che rendono la cosa facile ed efficace.

Abbiamo letto di Calenda che, divenuto presidente del Codacons, ne decide l’immediato scioglimento, di parlamentari di Forza Italia che passano al PD (cosa però tutt’altro che surreale) e poi abbiamo letto il seguente tweet:

 

 

 

Sarà che una cosa del genere la sognamo da anni, sarà che i numeri ci sono apparsi finalmente adeguati, fatto sta che noi l’abbiamo presa per una cosa seria.

Riportati velocemente alla realtà del pesce d’aprile, ci siamo però ricordati di quanto annunciato dall’assessore Patanè agli inizi di marzo:

 

Queste le piste ciclabili che dovrebbero essere revisionate:

  • Gregorio VII
  • Galleria Pasa
  • Tuscolana
  • Prenestina
  • Pineta Sacchetti

 

Ci siamo allora chiesto: quale ufficio dovrà rivedere tutte quelle piste ciclabili?

Non si finirà con l’assegnare il compito alle stesse persone e con le stesse procedure che hanno portato a quelli che sono considerati degli errori (sempre ammesso che lo siano, cosa della quale ci permettiamo di dubitare)?

 

Perché invece non prendere finalmente sul serio la mobilità attiva e assegnarle le risorse necessarie affinché quello che si faccia non debba essere rivisto in continuazione, ma soprattutto raggiunga gli obiettivi prefissati?

E quella che è stata proposta come boutade da pesce d’aprile (ma poi neanche tanto) definisce invece a nostro avviso molto bene da dove un tale ufficio potrebbe partire: dieci tecnici, sia progettisti ma anche comunicatori (la comunicazione di Roma Capitale sulla mobilità attiva è da sempre inesistente!), dieci milioni di euro (qui forse ci si potrebbe accontentare di qualcosa meno) e la competenza anche sui progetti europei.

 

Se l’attuale amministrazione capitolina vuole fare sul serio sulla mobilità alternativa, metta su una struttura del genere di quella suggerita.

Se non lo farà, come tutti i segnali purtroppo fanno credere, si continuerà con interventi  qua e là, ma i risultati saranno sempre men che ottimali. In questo modo la mobilità attiva rimarrà una cosa di nicchia che la gran parte delle persone continueranno a vedere come un qualcosa di avulso da Roma, una roba per pochi eccentrici.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

La moltiplicazione romana dei parcheggi. A piazza Manfredo Fanti, all'Esquilino, gli spazi di sosta vengono moltiplicati ogni giorno, tanto le possibilità di essere sanzionati sono praticamente nulle. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - La moltiplicazione romana dei parcheggi.
A piazza Manfredo Fanti, all'Esquilino, gli spazi di sosta vengono moltiplicati ogni giorno, tanto le possibilità di essere sanzionati sono praticamente nulle.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/nwjMMJeMKJ

#Caos rifiuti in centro storico: tutto ancora a “carissimo amico”. Dopo quasi un anno di nuova #amministrazione e con una specifica "commissione emergenza rifiuti", in Municipio I la situazione è ancora fuori controllo... 👇📰 diarioromano.it/caos-rifiuti-i…

Oggi e domani, in II Municipio, i giovani fanno arte e musica. In piazzale Ankara, prima edizione de “L’Isola che non c’era” frutto del bando comunale per promuovere cultura e aggregazione. Eventi sabato e domenica dalle 18 alle 24

test Twitter Media - Oggi e domani, in II Municipio, i giovani fanno arte e musica.

In piazzale Ankara, prima edizione de “L’Isola che non c’era” frutto del bando comunale per promuovere cultura e aggregazione. Eventi sabato e domenica dalle 18 alle 24 https://t.co/icVa36YmZd

Linee bus di #periferia: la gara vinta da Trotta e Troiani. Fuori Busitalia. Il gruppo che fa capo alle #Ferrovie era dato per favorito e invece non ce l'ha fatta. L'appalto da un miliardo assegnato con 4 anni di ritardo. Il servizio migliorerà? 👇📰 diarioromano.it/linee-bus-di-p…

Piazza dell’Inferno (altro che Paradiso). Piazza del Paradiso, nei pressi di S. Andrea della Valle, è l’ennesimo non-luogo del centro di Roma: sporcizia, immondizia, transenne abbandonate e sosta selvaggia di auto e moto #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Piazza dell’Inferno (altro che Paradiso).
Piazza del Paradiso, nei pressi di S. Andrea della Valle, è l’ennesimo non-luogo del centro di Roma: sporcizia, immondizia, transenne abbandonate e sosta selvaggia di auto e moto
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/9v9Ybl02SJ
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close