Un malcostume da estirpare subito

1 Commento

Nell’ottobre dello scorso anno, subito dopo la caduta del Sindaco Marino, pubblicammo una riflessione sulla condizione dei disabili a Roma. Il pezzo terminava così:

Si vocifera che ad assumere il ruolo di commissario straordinario possano essere o Alfonso Sabella o Riccardo Carpino. […]

Se uno di questi due (ma lo stesso vale per chiunque altro dovesse assumere il ruolo di commissario del comune) vorrà dare un segno immediato dovrà pensare alle auto in sosta selvaggia che offendono migliaia di disabili ogni giorno. Perché la legalità non si deve chiedere solo ai politici che portano la moglie a cena al ristorante. Ma si deve pretendere da tutti i cittadini di Roma. Altrimenti l’indignazione per gli scontrini di Marino è solo ipocrisia pelosa.

 

Poi come sappiamo al ruolo di commissario straordinario fu nominato Francesco Paolo Tronca, e noi provammo a girargli direttamente il suggerimento:

 

barriera disabili

barriera disabili

Parta allora da qui il neo-commissario Tronca, chiamando tutti i comandanti dei vigili e dandogli il mandato chiaro di perseguire con fermezza tutte le situazioni che determinano ostacoli insormontabili per chiunque abbia problemi deambulatori (oltre che creare pericoli per i cosiddetti “normodotati”). La foto precedente mostra un esempio classico, con lo scivolo per le carrozzine reso inutilizzabile dall’idiota che vi ha parcheggiato contro. Questa è una situazione che a nostro avviso richiederebbe l’intervento immediato di un carroattrezzi, mentre ad oggi l’idiota di cui sopra ha ottime possibilità di non rischiare neanche una sanzione.

 

Purtroppo il commissario Tronca non deve aver neanche preso in considerazione il suggerimento, avendo lasciato la situazione nello stesso vergognoso stato in cui l’ha trovata.

 

Ma siccome la tenacia (o cocciutaggine, se si preferisce) è tratto che ci contraddistingue, facciamo un giusto tentativo anche con la nuova amministrazione cittadina, indirizzando la proposta al vicesindaco con delega all’accessibilità, Daniele Frongia.

Che si metta in piedi un servizio di pronto intervento rimozione che su segnalazione dei cittadini intervenga immediatamente nelle situazioni in cui la mobilità dei pedoni, siano essi normodotati o disabili, sia preclusa. Un tale servizio non solo metterebbe rapidamente fine al malcostume di troppi automobilisti, non solo si ripagherebbe da solo, ma sarebbe anche un ottimo modo per rimpinguare le casse del Comune.

La scelta è quindi facile: si vuole continuare a permettere ai mascalzoni delle foto che seguono (dal facebook di Riprendiamoci Roma) di impedire impunemente gli spostamenti a disabili, carrozzine e passeggini, o si vuole finalmente riconoscere a tutti, nessuno escluso, il diritto fondamentale alla mobilità?

A noi sembra una scelta facile facile, no brainer, come direbbero gli anglosassoni. Che ne penserà il vicesindaco Frongia?

 

carriA11

 

carriA41

 

carriA31

 

carriA2

 

 

Articoli correlati

1 Commento

  1. Anonimo

    Anni fa ho conosciuto una meravigliosa ragazzina con i capelli neri malata di spina bifida.. La sua mamma spesso mi raccontava di quali difficoltà incontrasse per portare Ale anche solo a fare una passeggiata, dal medico, a prendere un gelato.. Dovremmo pensarci tutti.. S.V.

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Scusa @virginiaraggi, ma c’è o non c’è questa emergenza rifiuti? Considerato che i @Lavoratori_Ama sono tutt’altro che pregiudizialmente contro attuale amm.ne (nonostante essa continui ad ignorarne pareri e consigli) noi saremmo seriamente preoccupati. twitter.com/Lavoratori_Ama…

Sulle Torri dell'Eur, @AssLucaMontuori fa una ricostruzione molto parziale. Gliela contesta @giocaudo che, carte alla mano, dimostra che siamo tornati all'inizio della vicenda. diarioromano.it/?p=34811

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.