Tredici milioni per lasciare i Lungotevere così come sono

Lungotevere Sanzio

Nessuno mette in dubbio che fosse necessario rifare l’asfalto dei Lungotevere romani, pieni di buche e avvallamenti. Ma l’importante investimento messo in campo per il Giubileo avrebbe potuto prevedere opere collaterali altrettanto rilevanti che in qualche modo avrebbero lasciato un segno. Parliamo di piste ciclabili, corsie preferenziali e modifica dell’ampiezza delle carreggiate.

Il Campidoglio ha stanziato 13 milioni di euro per risistemare Lungotevere Sangallo, Fiorentini, Altoviti, Augusta, Pierleoni, Tebaldi, Aventino, Testaccio, Maresciallo Diaz, Armi, Mellini, Michelangelo, Prati, Gianicolense, Farnesina, Sanzio e Ripa. I cantieri dovrebbero aprire entro settembre e concludersi a ridosso dell’apertura della Porta Santa prevista per l’8 dicembre. Già si capisce che il tempo a disposizione è molto poco ed essersi ridotti all’ultimo momento non permette grandi progetti.

Ma è anche vero che un lavoro così radicale si fa ogni 10 anni, per cui non sfruttare questa occasione significa rimandare a chissà quando una serie di opere necessarie.

Lungotevere Maresciallo Diaz
Lungotevere M.llo Diaz: la carreggiata è larghissima
Lungotevere delle armi
Lungotevere delle Armi: qui la larghezza è più contenuta

 

Chiunque può osservare che i Lungotevere hanno una conformazione molto diversa tra loro: alcuni tratti sono larghissimi e permettono, oltre la sosta laterale, molte corsie di marcia. Altri tratti sono stretti. Questa difformità è a volte la causa di imbottigliamenti: le auto che procedono su più file ad un certo punto si trovano ad immettersi in un tratto che si restringe. Per cui rendere i lungotevere più omogenei in larghezza delle carreggiate renderebbe più fluido il traffico e permetterebbe di creare opere rilevanti nello spazio guadagnato. Cosa si potrebbe realizzare in questa differenza di spazio?

In primo luogo una pista ciclabile: ne avevamo parlato tempo fa e – sebbene il tempo sia scarso – si sarebbe potuto realizzarne almeno un tratto per sperimentare l’efficacia. Si tratta di una cosiddetta “ciclabile leggera” che si ottiene spostando la sosta delle auto di qualche metro e lasciando uno spazio dedicato alle bici tra il marciapiede e le vetture.

Ipotesi di realizzazione
Ipotesi di realizzazione

 

In secondo luogo una serie di corsie preferenziali dove dirottare alcune linee di bus già esistenti e dove inviarne una nuova, espressa, che permetta un rapido collegamento tra i  quartieri che insistono sui lungotevere.

In altri tratti si sarebbero potuti allargare i marciapiedi per agevolare il passeggio e creare nuovi luoghi di attrazione pedonali.

Una pianificazione migliore avrebbe permesso con le stesse somme di denaro o forse con pochi soldi in più di lasciare un segno in città. Sebbene questa volta l’asfalto verrà steso con tecniche “europee” e non romane e dunque dovrebbe resistere almeno 8 anni (parola del Sindaco e dell’assessore Pucci), dispiace perdere un’occasione speciale e uno stanziamento di fondi straordinario.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon. Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Un’antica colonna emerge durante lavori in zona Pantheon.
Il reperto, forse di epoca romana o posteriore, era incassato in un muro accanto al Caffè Di Rienzo, in Salita de’ Crescenzi. La scoperta durante un cantiere (foto Salvo I.)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/3tKT8tMveu

A Roma i #disabili non esistono! Anche quest'anno la Giornata Internazionale delle persone con #disabilità a Roma passerà come nulla fosse, come se vivessimo in una città dove i disabili hanno gli stessi diritti di tutti 👇📰 diarioromano.it/a-roma-i-disab…

Parcheggiare a Termini? E che problema c’è? In quale altra grande città europea si può parcheggiare fuori la stazione centrale in divieto di fermata con la certezza di non essere sanzionati? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Parcheggiare a Termini? E che problema c’è?

In quale altra grande città europea si può parcheggiare fuori la stazione centrale in divieto di fermata con la certezza di non essere sanzionati?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y0i0TCILyO
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

A Roma i disabili non esistono!

Anche quest’anno la Giornata Internazionale delle persone con disabilità a Roma passerà come nulla fosse, come se vivessimo in una città dove i disabili hanno gli stessi diritti di tutti

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close