Tour senza filtri nei luoghi della Festa del Cinema: che desolazione

Nessun commento

 

Festa del Cinema 2

 

Si è aperta la decima edizione della Festa del Cinema che per l’occasione riacquista il vecchio nome a sottolinearne l’aspetto di condivisione popolare. L’evento nasce infatti per celebrare il rapporto tra pubblico e cinema, e per onorare la relazione creativa tra i grandi registi e la città eterna. Quest’edizione cade in un momento positivo per il settore cinematografico, che grazie alle misure di tutela e sviluppo messe in campo dal ministero dei Beni Culturali (confermate e potenziate nella legge di stabilità) ha visto l’aumento esponenziale delle produzioni italiane e straniere girate sul territorio romano. Sulla scia di questo entusiasmo, Roma Capitale e l’Istituto Luce hanno candidato Roma tra le città creative dell’Unesco per il cinema. Tra le motivazioni della candidatura leggiamo: “la promozione dell’identità, storia, esperienze, capacità professionali della città, per rivitalizzare la sua industria creativa e culturale”.

A sostegno del progetto di internazionalizzazione del cinema italiano, anche la nuova edizione del Mercato dell’Audiovisivo (MIA) che che da quest’anno si svolge in contemporanea con la Festa, all’interno dell’Hotel Boscolo Exedra di Piazza della Repubblica e, soprattutto, nel complesso monumentale delle Terme di Diocleziano.

Secondo il presidente Nicola Zingaretti – impegnato nel rilancio del settore audiovisivo con la Roma Lazio Film Commission – “questo appuntamento nasce da una scelta strategica ben precisa: quella di puntare sull’audiovisivo come un elemento identitario della nostra cultura, ma anche come un asset fondamentale della nostra economia, che produce ricchezza e lavoro”.

Di promozione dell’immagine unitaria dell’Italia parla il ministro dei beni culturali Dario Franceschini: Adesso l’impegno è quello di  continuare ad investire su questo comparto che consideriamo per lo sviluppo dell’industria creativa italiana e la valorizzazione dell’immagine del Paese nel mondo”.

E si ripresenta la vecchia domanda:

Roma è in grado di mostrare il suo lato migliore della città per promuovere la sua immagine a livello internazionale? Sfruttiamo al meglio le potenzialità del cineturismo, fenomeno in crescita che valorizza il territorio producendo ricchezza e posti di lavoro?

La risposta negativa può essere suffragata dal degrado delle location de “La Grande Bellezza” e di “007-Spectre”, che veicolerà l’immagine turistica di Roma come e più del Giubileo della Misericordia.

Con l’avvio della festa del cinema, siamo andati a verificare le condizioni delle aree interessate dal festival.

Iniziamo dalla sede principale, l’Auditorium Parco della Musica.

cinema 014

 

cinema 015

 

cinema 016

 

Ma vogliamo spostarci dai luoghi più istituzionali e battuti della festa, per concentrarci sulle aree limitrofe, porta d’accesso per turisti e addetti ai lavori, biglietto da visita per la città. Usando le parole dell’art director Sabina Leoni:

 

“Per alcuni gli scenari, gli studios e le location che offre Roma sono familiari. Per altri, la decima Festa del Cinema sarà l’opportunità per avvicinarsi alla Città Eterna e scoprirne il fascino con un’esperienza diretta e reale, senza il filtro dei ciak e delle macchine da presa.

 

Vediamole senza filtro, dunque, le zone adiacenti all’Auditorium…

cinema 003

 

Erba alta e sterpaglie ricoprono i marciapiedi, decine di cartelloni pubblicitari dall’aspetto inguardabile, uno diverso dall’altro, deturpano il contesto.

cinema 005

 

cinema 006

 

cinema 007

I soliti nastri della polizia locale abbandonati da chissà quando.

 

cinema 008

 

Veduta d’insieme del Palazzetto dello Sport degli architetti Vitellozzi e Nervi, capolavoro tardo-razionalista oscurato dai cartelloni e deturpato dai graffiti!

cinema 011

Complimenti al Coni per la tutela delle sue strutture!

 

 

cinema 032

Aiuole distrutte lungo Viale De Coubertin. Sullo sfondo, le case del Villaggio Olimpico progettate da Luigi Moretti e Adalberto Libera.

cinema 019

 

cinema 024

 

 

Sovrastate da decine di antenne televisive che continuano a proliferare nonostante l’approvazione di una delibera che mira ad eliminarle al posto dell’antenna centralizzata.

Tutte cose che forse pubblico, giornalisti e addetti ai lavori non noteranno, arroccati dentro l’Auditorium, al cui ingresso troneggiano un cartellone pubblicitario avvolto dal nastro giallo della “municipale” e un camion bar, tanto per ricordarci di stare a Roma.

 

cinema 030a

 

Spostandoci al centro di Roma, troviamo le location d’eccezione del Mercato Internazionale dell’Audiovisivo, fiore all’occhiello dell’iniziativa di rilancio del made in Italy.

cinema 051

 

Boscolo Hotel di Piazza della Repubblica: qui si tengono gli incontri tra gli operatori accreditati per la vendita di films e prodotti dell’audiovisivo.

All’ingresso dell’hotel a 5 stelle, una bancarella di souvenirs, trasferitasi qui dopo lo sgombero di piazza dei Cinquecento.

 

cinema 050

 

Un’altra bancarella sulle strisce pedonali, ad angolo col porticato e davanti alla nuova sede di Eataly. Cartellone orologio, di profilo, in mezzo alle strisce pedonali!

cinema 054

 

Questa mattina, si terrà nell’area archeologica delle Terme di Diocleziano la conferenza di presentazione delle nuove opportunità regionali dedicate al sostegno delle produzioni cinematografiche, all’internazionalizzazione e alla promozione del territorio.

cinema 060

 

Di fronte all’entrata torreggia il banchetto itinerante di cianfrusaglie, regolarmente autorizzato. Di sicuro, gli illustri invitati al convegno di stamane potranno fare visita al giardino-letamaio di fronte alle Terme di Diocleziano (e al Boscolo hotel) per ammirare le bellezze della Città Eterna tanto celebrate in questi giorni. Ecco la verità: una città che non regge il confronto con la sua cartolina irreale e patinata.

 

cinema 062

 

Sconvolge la mancanza di programmazione dell’Agenzia Regionale del Turismo e Direzione Generale turismo del Mibact, strutture che fanno capo al presidente Zingaretti e al ministro Franceschini. Fattivamente impegnati in un rilancio del turismo e dell’industria culturale che mai avverrà senza un progetto di cura e abbellimento estetico di Roma, dal centro alle zone più periferiche, concordato assieme al governo e agli enti locali.

Se hai trovato l'articolo interessante, condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Finalmente una cosa buona da @LindaMeleo: revisione tariffe strisce blu con eliminazione degli assurdi abbonamenti… twitter.com/i/web/status/9…

Convegno in Campidoglio sul bike sharing e nessuno, né @virginiaraggi@LindaMeleo@EnricoStefano, dice una pa… twitter.com/i/web/status/9…

Con due candidate imbarazzanti al ballottaggio, esprimiamo vicinanza a chi dovrebbe andare a votare di nuovo domeni… twitter.com/i/web/status/9…

Riforma cartelloni pubbl.: approvati dalla Giunta i piani di localizzazione. Ora si può procedere con i bandi.… twitter.com/i/web/status/9…

Video diario
  • E alla fine #ciaone è stato

    La batosta elettorale del PD non può non dipendere dal suo coinvolgimento con Mafia Capitale ma anche dal suo mancato rinnovamento

  • Scivoli per disabili “alla romana”

    Perché perdere tempo e soldi a fare bene gli scivoli? Basta togliere un paio di soglie di travertino e spianare l'asfalto. Peracottari! A.B.

  • Stazione Euclide sempre più umida

    Se non si mette mano alle infiltrazioni d'acqua presto nella stazione Euclide della Roma-Viterbo ci vorranno le calosce. Federico

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.