Tornano le oscene plance elettorali e devastano i marciapiede

Plance elettorali 4

Plance elettorali 3

 

Non se ne sentiva affatto la nostalgia. Anche perché le abbiamo viste e subìte troppo recentemente, durante i lunghi mesi della campagna elettorale del 2013. E ora dopo soli 3 anni queste carcasse arrugginite compaiono di nuovo nei giardini, nelle piazze, sui marciapiede.

Le plance elettorali sono un residuato di un tempo che fu, quando la comunicazione era veicolata solo attraverso i manifesti. Ma oggi, tutti gli studi confermano che ad incidere e a trasmettere i messaggi sono i social network, la radio, la tv, internet. Insomma le affissioni sono del tutto inutili per i candidati e sono rovinose per il decoro della città.

A Roma, che del peggio non si fa mancare nulla, si aggiunge la vetustà delle plance, completamente corrose dalla ruggine (ma non saranno pericolose in caso qualcuno ci si ferisca?), sbilenche su pali storti dal tempo e dall’eccessivo uso. E così gli operai che maldestramente le montano, sono costretti a fare buchi sempre più grandi nell’asfalto e a ficcarci dentro zeppi di legno sempre più vistosi.

Plance elettorali 2

 

Una devastazione estetica e fisica, perché la chiusura di quei buchi avverrà chissà quando e chissà come.

Ma il 2016 non doveva essere l’anno nel quale Roma si doveva mostrare con un look ripulito per dare ospitalità ai pellegrini del Giubileo? Cosa penseranno i turisti (almeno 4 o 5 milioni devono ancora arrivare entro dicembre) nel vedere questa roba sulle nostre strade?

Auguriamoci almeno che i candidati ne facciano buon uso, utilizzando solo i pannelli riservati al proprio partito, senza coprire quelli degli altri. Assieme ad altri siti e associazioni abbiamo lanciato la campagna #nonvotarechisporca per segnalare, tra l’altro, anche l’abuso degli spazi sulle plance elettorali. Purtroppo la speranza che le regole vengano rispettate è molto scarsa.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

2 risposte

  1. ma come caxxo si fa ad installare certe schifezze!!!
    una città destinata ad essere stracciona … ce l’ha nel dna evidentemente 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711 Retweeted by diarioromano

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709 Retweeted by diarioromano

Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore. . Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto!

test Twitter Media - Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore.
.
Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto! https://t.co/gX753oVegk

Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate. . #Roma #coronavirus #photo #lettori

test Twitter Media - Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate.
.
#Roma #coronavirus #photo #lettori https://t.co/J6wQJLyzvS

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close