Termini: su 10 bancarelle illegali per ora rimosse solo 2

“Via le bancarelle da piazza dei Cinquecento”, “seguirà presto un atto formale per ripristinare il decoro”“Nessun commerciante rispetta le regole”: quando a febbraio leggemmo queste dichiarazioni, pronunciate dall’assessore al commercio del I municipio Pescetelli e della consigliera Di Serio, di sicuro non immaginavamo che sarebbe finita così. Neanche quando leggemmo le affermazioni di Raffaella Matarrazzo, delegata del sindaco alla sicurezza: spostamento delle bancarelle di piazza dei Cinquecento in un’area meno caotica» in vista del Giubileo.

bancarelle 010

 

In queste ultime ore è arrivata la notizia del piano di riqualificazione della stazione Termini. Anche se qualche speranza arriva dall’assessore Pucci che sulla versione cartacea di Repubblica parla di “limitazione e riordino del commercio fisso e ambulante” sulla piazza, per adesso, a quasi 6 mesi dal primo annuncio, gli ulteriori controlli dei vigili hanno di fatto smentito le parole di Jacopo Pescetelli e Stefania Di Serio. Ve le ricordate?

“Qui è tutto completamente illegale. Serve davvero un giro di vite, e ci stiamo lavorando con l’assessorato al commercio del Comune. Una cosa è certa: non possono restare dove sono in quello stato”

In realtà c’era stata già la palese sconfessione dei vigili urbani alla nostra prima richiesta di chiarimenti al fatto che le bancarelle abusive sostavano ancora al loro posto. Oggi ne abbiamo la conferma. Dopo i controlli di fine luglio, sono state rimosse solo 2 bancarelle su 10 presenti sulle banchine della stazione Termini. E le altre 8? Non erano tutte illegali? Evidentemente no. E perché allora tanto clamore sui titoli di giornale?

Chissà. Persino l’assessore a Roma Produttiva, Marta Leonori s’era sbilanciata:

“Ripristinare decoro e sicurezza in un luogo così strategico è un’operazione di grande respiro sulla quale in maniera coordinata eravamo al lavoro da tempo con il Municipio e che mi auguro saprà ora restituire questa bella piazza a romani e turisti”.

E invece……gli agenti della Polizia Locale hanno deciso che solo 2 bancarelle occupavano le piattaforme degli autobus. Ieri mattina siamo andati a controllare e….guardate un po’

bancarelle 018
Panoramica delle banchine G, H, I: tre bancarelle sui marciapiedi di attesa
 
 
bancarelle 004

 

bancarelle 003

bancarelle 005
Bancarella di souvenir sulla fermata del 64 diretto a San Pietro

 

bancarelle 006
Ben 5 posteggi ambulanti sulle banchine di attesa E, F, G

bancarelle 007

bancarelle 019

bancarelle 017

bancarelle 016

bancarelle 014

bancarelle 013

bancarelle 012

 

In totale fanno 8 bancarelle, di cui 7 sulle pedane di attesa dei capolinea dell’Atac e una decentrata rispetto alla banchina A, più 2 rappresentanti di una compagnia telefonica low cost muniti di ombrellone.

Questa la prima immagine che vedono i turisti in arrivo per l’Expo e il Giubileo. Ed il trattamento riservato ai romani che non possono avere una stazione civile ed ordinata come negli altri capoluoghi d’Italia.

Un altro quesito: che fine hanno fatto le due postazioni rimosse che secondo la polizia locale intralciavano il passaggio di pedoni e disabili e non ottemperavano alle ordinanze di sgombero? Non le avranno per caso “ricollocate” altrove, davanti altre stazioni o magari in strade già invase da bancarelle? Dato che i due banchi rimossi erano già stati colpiti da misure di allontanamento più volte ignorate, dovrebbe essere applicata la norma del regolamento del commercio su area pubblica che annovera tra i motivi di sospensione della concessione le precedenti violazioni. Si spera che i due ambulanti plurimultati non costituiscano un’eccezione.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

  1. proprio un bel lavoretto hanno fatto. diciamo che come antipasto potrebbe anche andare, ma ci aspettiamo un repulisti totale a brevissimo.
    con che coraggio poi l’assessore al commercio del primo municipio pescetelli si prende il merito di questa brillante operazione non si capisce. il plauso se l’è meritato quando hanno fatto il primo controllo, ma poi lasciare per sei mesi la situazione immutata è davvero inqualificabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#assistenticivici: grande confusione nella politica. 60 mila cittadini per vigilare le piazze della #movida, mentre la #polizia penitenziaria viene destinata all'assistenza sociale.🤷🏻‍♂️ #27maggio #Roma #news #GuardieCiviche ▪️▪️▪️▪️ 👇📰 diarioromano.it/gli-assistenti…

Residenti in subbuglio per il taglio indiscriminato di alberi in via Pozzuoli. L’ufficio tecnico ha spiegato che era necessario per la nuova viabilità. La strada diventerà a doppio senso di marcia e questo non permette di avere alberi sui due lati della carreggiata. (📸Nicolò P.)

test Twitter Media - Residenti in subbuglio per il taglio indiscriminato di alberi in via Pozzuoli. L’ufficio tecnico ha spiegato che era necessario per la nuova viabilità. La strada diventerà a doppio senso di marcia e questo non permette di avere alberi sui due lati della carreggiata.
(📸Nicolò P.) https://t.co/bNLD8LYgNI

In questa #propaganda si sta superando il limite della decenza e del rispetto verso i cittadini che ogni giorno cercano di denunciare quanto sta accadendo in #città ‼️🗣️📢 ▪️▪️▪️▪️ #Roma #news @HuffPostItalia @SchwarzGuido @MercurioPsi @RiprendRoma @marcolatini19 @francis_rojo_

test Twitter Media - In questa #propaganda si sta superando il limite della decenza e del rispetto verso i cittadini che ogni giorno cercano di denunciare quanto sta accadendo in #città ‼️🗣️📢
▪️▪️▪️▪️
#Roma #news @HuffPostItalia @SchwarzGuido @MercurioPsi @RiprendRoma @marcolatini19 @francis_rojo_ https://t.co/FYiFdr2Bk1
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close