Termini: sotto la galleria Turbigo un mondo di emarginazione

No non è un problema di decoro. O meglio è anche quello ma di fronte alla tragedia umana che vede decine di persone costrette a dormire in un tunnel carico si smog e polvere, il decoro passa in ultimo. Quello che non è tollerabile è voltarsi dall’altra parte, pensare che se stanno lì è un problema loro.

Attraversare la galleria Turbigo che passa sotto il fascio di binari della stazione Termini, tra via Giolitti e via Marsala, provoca una stretta al cuore. Immaginare solo per un attimo di dover trascorrere  la notte in quel posto fa venire i brividi. Non solo per il freddo, ma il rumore assordante dei veicoli che sfrecciano, l’aria malsana con le polveri sottili che ti si infilano in gola. Abbiamo scattato alcune fotografie che vi mostriamo. Ma non proprio tutte. Ve ne sono alcune che ledono la dignità personale di chi era in quel posto e ovviamente non le pubblichiamo.

 

I giacigli di fortuna sono almeno 15. Se si considera che ci dormono in due si tratta di 30 persone minimo, più coloro che stanno accovacciati sulle finestre avvolti nei sacchi a pelo come si vede nell’ultima foto qui sopra. Tante persone sbandate, alcuni barboni ma molti immigrati che non hanno più accoglienza nei centri autorizzati. La chiusura del Baobab, del Cara di Castelnuovo di Porto e di altre strutture simili non hanno fatto altro che ingrossare le fila dei senza tetto. L’idea che basti chiudere una struttura per cancellare il problema dell’immigrazione non funziona e a farne le spese sono proprio le grandi città come la nostra, dove vivere ai margini è più facile anche se tremendo. Possiamo sicuramente affermare che una parte di queste persone sono vittime del decreto sicurezza voluto da Salvini. Un testo che contiene alcuni aspetti positivi che ma che blocca ogni possibilità di immigrazione regolare. Nessuno oggi in Italia può emergere dallo stato di clandestinità, pure se ha un lavoro, pure se ha un tetto e uno stipendio. Per cui figurarsi cosa accade a chi non ha neanche quello. Non può far altro che ripararsi dall’umido della notte sotto i ponti, nelle gallerie. Anche il sottopasso di Castel Sant’Angelo o quello di Porta Pia sono pieni di persone che vivono in condizioni disperate.

Un Comune e uno Stato dovrebbero governare il fenomeno non lasciarlo allo sbando. E’ un tema difficile – lo sappiamo – e nessuno ha la ricetta magica, ma certamente dare la possibilità a chi è onesto e vuole inserirsi nella società di farlo regolarmente potrebbe ridurre il numero degli sbandati. E gli altri andrebbero assistiti per un periodo e poi aiutati nei rimpatri. Ma mettere la testa sotto la sabbia e pensare che esseri umani possano vivere in questo modo sol perché si è fatto l’annuncio che il paese adotta la linea dura è davvero privo di umanità oltre che di onestà intellettuale.

 

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Ma ancora così siamo messi, a sprecare i rifiuti differenziati rendendo inutile l'impegno dei cittadini che differenziano correttamente? Questa doveva essere la prima azione da mettere in campo: valorizzare la pur poca differenziata che si fa a Roma! twitter.com/Lavoratori_Ama…

“Procedure più snelle e personale adeguato”, per non perdere l’occasione del #pnrr Centinaia di milioni di euro non spesi nel 2021 dimostrano quali rischi corra #Roma. La denuncia di Caudo con la richiesta di analizzare il problema... 👇📰 diarioromano.it/procedure-piu-…

Il giardino Don Baldoni ha il suo campo di pallavolo. Inaugurato venerdì, all’interno della parte di est di Villa Chigi e installato grazie al lavoro del II Municipio. I ragazzi del quartiere lo chiedevano da tempo (foto R. Ferraresi) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Il giardino Don Baldoni ha il suo campo di pallavolo.

Inaugurato venerdì, all’interno della parte di est di Villa Chigi e installato grazie al lavoro del II Municipio. I ragazzi del quartiere lo chiedevano da tempo (foto R. Ferraresi)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/8Sjqd0ooEP

Le Sette Sale a Colle Oppio, la più raffinata cisterna del mondo antico Alimentava le Terme di Traiano e conteneva 6 milioni di litri d'acqua. E' chiusa al #pubblico da troppo tempo ma un #bando da 5 milioni di euro potrebbe permettere il suo recupero 👇 diarioromano.it/le-sette-sale-…

Domenica sospeso il tram 2 Domani, 23 gennaio, per lavori alla sede tramviaria, il 2 verrà sostituito dai bus e il 19 farà capolinea a Valle Giulia. La tratta fino a Risorgimento sarà servita da una navetta #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Domenica sospeso il tram 2

Domani, 23 gennaio, per lavori alla sede tramviaria, il 2 verrà sostituito dai bus e il 19 farà capolinea a Valle Giulia. La tratta fino a Risorgimento sarà servita da una navetta
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/lo8GliFXs7

Riprendere il controllo sui tavolini riguarda anche le tipologie di arredo. Mentre l'assessore al #commercio cerca di limitare l'atavico #abusivismo delle OSP, perché l'assessore alla Cultura e la Sovrintendenza non mettono mano agli arredi consentiti? 👇 diarioromano.it/riprendere-il-… Retweeted by diarioromano

Visto che recentemente ha affermato: "Il tema del decoro urbano e della pulizia della città è per noi centrale", speriamo che l'assessore @GotorMiguel voglia accogliere il suggerimento. Disponibili a dare una mano se occorre. @lorenzabo @gualtierieurope twitter.com/diarioromano/s… Retweeted by diarioromano

Riprendere il controllo sui tavolini riguarda anche le tipologie di arredo. Mentre l'assessore al #commercio cerca di limitare l'atavico #abusivismo delle OSP, perché l'assessore alla Cultura e la Sovrintendenza non mettono mano agli arredi consentiti? 👇 diarioromano.it/riprendere-il-…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close