Sventata l’installazione di un presunto cartellone abusivo

Il settore della cartellonistica è ancora nel caos, nonostante nel 2014 l'Assemblea Capitolina, e la stessa Raggi, hanno approvato la riforma degli impianti pubblicitari. Perché la Raggi continua a tenerla nel cassetto?

 

Breve ma significativa storia: una ditta stava piantando un cartellone pubblicitario in piazza Don Minzoni, quando alcuni cittadini dell’omonimo comitato hanno chiesto spiegazioni, gli operai se ne sono andati di corsa.

 

Dopo oltre sei anni dall’approvazione in Assemblea Capitolina della riforma degli impianti pubblicitari, riforma votata anche dall’allora consigliera Virginia Raggi, stiamo ancora con le dittucole che vanno in giro ad installare impianti di dubbia liceità senza nessuno che gli dica nulla, se non qualche cittadino più sensibile ed attento.

La città è ancora stuprata da migliaia di impianti ridondanti, indecorosi e spesso illegali, gli introiti del Comune sono ridicoli rispetto alle potenzialità, Roma continua a mancare di un servizio di bike sharing tradizionale che invece la riforma prevede.

 

Perché Virginia Raggi continua a tenere nel cassetto, dopo oltre quattro anni, quello che sarebbe stato un prezioso regalo per Roma?

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

3 risposte

  1. La questione è politicamente molto scottante per la sindaca e rischia di comprotterne le possibilità di rielezione.
    Tanto scottante che le fa rinfacciato questo grave iadempimento:
    Oltre a non aver fatto nulla per approvare la riforma dei cartelloni e non aver sostiuito un assessore evidentemente distratto, si continua con questa pantomima della guardia e dei ladroni, con rimozioni degli impianti abusivi si verificano con ritardi di vari anni o vengono subito vanificati da nuovi abusi.
    Attenzione, non solo le dittucole continuano ad installare liberamente, ma sto accertando che su numerosi impianti esistenti e precedentemente dotati di codice (sappiamo bene quanto poco questo significhi dal punto di vista della legalità, ma almeno equivaleva al pagamento delle tasse), il codice sta venendo rimosso.

  2. Tranquilli, hanno impiantato il cartello in via anastasio II, sotto la ferrovia.
    Oppure quello è solo un altro esempio della campagna di installazioni fantasiose di questa ditta….
    In ogni caso:
    ASSESSORE CAFAROTTI DIMETITTI IMMEDIATAMENTE
    RAGGI, SVEGLIA! QUESTO TI COSTERA’ LA RIELEZIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

“Per la #Raggi e la sua Giunta non è una priorità sconfiggere le #mafie”. La rete di associazioni Libera emana un durissimo comunicato dopo la bocciatura della mozione per l'istituzione del Forum dei beni confiscati alla #criminalità (atteso da 3 anni) 👇 diarioromano.it/per-la-raggi-e…

La rampa che collega via Nomentana con piazza Vulture è coperta dalla vegetazione. Ogni giorno è percorsa da molte persone che si recano, tra l’altro, alla Chiesa Avventista. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - La rampa che collega via Nomentana con piazza Vulture è coperta dalla vegetazione. Ogni giorno è percorsa da molte persone che si recano, tra l’altro, alla Chiesa Avventista.
#Roma  #fotodelgiorno https://t.co/FJ1spqdxnp

“Le mille lingue di Roma”. Un saggio di Luca Serianni spiega perché il #romanesco non è un vero dialetto ma un modo di parlare. #Cinema, tv e inclusione degli #stranieri l'hanno reso un "contenitore" di idiomi #libri @CastelvecchiEd @ComeUnaCitta 👇📰 diarioromano.it/le-mille-lingu… Retweeted by diarioromano

Bello e assolutamente opportuno ricorso. Grazie @RiccardoPennisi! @threadreaderapp unroll, grazie. twitter.com/riccardopennis…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

“Le mille lingue di Roma”

Un saggio di Luca Serianni spiega perché il romanesco non è un vero dialetto ma un modo di parlare. Cinema, tv e inclusione degli stranieri l’hanno reso un “contenitore” di idiomi

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close