Sulle strade romane si continua a morire

Nessun commento

L’ultima volta che abbiamo parlato di “mattanza pedonale” a Roma era lo scorso novembre. Lo facemmo in occasione della giornata mondiale delle vittime della strada, che nel 2018 cadde giusto il giorno dopo l’ennesimo pedone morto sulle strade di Roma.

 

Ci torniamo oggi a parlare di pedoni morti sulle strade romane in occasione dell’ennesima vittima: un 52enne investito a morte sulla via Ostiene all’altezza del civico 170.

Le notizie di stampa dicono che forse l’uomo stava attraversando sulle strisce pedonali, anche se la cosa deve essere ancora verificata.

A nostro avviso non è tanto importante se il pedone stesse attraversando sulle strisce o meno. Tutti i romani sanno bene che ciò non significa molto, stante che a Roma praticamente nessun automobilista capisce il concetto della precedenza dei pedoni sulle strisce.

 

Quello che per noi conta è che l’attuale amministrazione dimostra ancora una volta di essere del tutto disinteressata alla strage di pedoni che da troppi anni avviene a Roma.

Non una misura è stata adottata per combattere questa mattanza, nonostante vi sia una “Consulta Cittadina per la Sicurezza Stradale” che a suo tempo promise mari e monti, salvo poi velocemente eclissarsi in un nulla più totale.

Non un’iniziativa è stata promossa dalla Polizia Locale, a parte qualche vuoto proclama tipo i “Controlli mirati e sanzioni per la mancata precedenza ai pedoni …” sbandierati a ottobre del 2018 e mai visti applicati.

 

Questo ennesimo pedone investito a morte è ormai una responsabilità diretta del Sindaco Raggi, di tutti i responsabili della mobilità cittadina, Linda Meleo e Enrico Stefàno in primis, e dei vertici della Polizia Locale.

Questi ultimi in particolare continuano ad aggiornare la conta dei morti senza decidersi a mettere in campo qualche iniziativa che possa almeno far sperare in una svolta di sicurezza. Stiamo per richiedere numeri aggiornati per il 2018 riguardo i verbali elevati per mancato rispetto della precedenza per i pedoni sulle strisce pedonali, ma siamo pronti a scommettere che la situazione non sarà molto diversa da quella rilevata lo scorso anno.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Tavolini e dehors ovunque? E' un po' quello che propone @AndreaCoiaM5S nella sua delibera che vede pochi oppositori tranne @OrlandoCorsetti. Inspiegabile il silenzio di @Sabrinalfonsi. diarioromano.it/?p=36334

La parabola discendente del car sharing comunale. Mentre @car2goItalia, @Enjoy e @sharengozd fanno numeri sempre maggiori, il servizio pubblico si ferma a 34 mila noleggi l'anno. Tanto vale chiuderlo. @materia__prima diarioromano.it/?p=36270

Video diario
  • Guadagnare coi rifiuti, a Roma

    Mentre l'amm.ne non ha trovato ancora il bandolo della matassa, c'è chi i rifiuti li conferisce vendendoli. Perché non replicare la cosa?

  • Al Roxy bar, da Roman

    Il modo migliore di riconoscere il coraggio di chi ha reagito legalmente ad una vigliacca aggressione è frequentare il loro bar

  • Una discarica a San Pancrazio

    In via di S. Pancrazio a Monteverde, a due passi dal Fontanone, ecco una vera discarica. Meno male che Grillo dice che Roma è pulita. A. D.

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.