Sul Pums interviene Enrico Stefàno: c’è spazio per modifiche

Nessun commento

 

Qualche giorno fa abbiamo raccontato della delusione di tanti cittadini riguardo il Pums, il Piano per la Mobilità Sostenibile che è stato sottoposto al voto popolare prima di essere approvato dalle Commissioni Mobilità e Urbanistica.

I romani che avevano partecipato alla consultazione on line si erano espressi fortemente a favore delle metropolitane (completamento Linea C, prolungamenti della linea A e B e progettazione della D). Il piano presentato in commissione Mobilità, invece, conteneva tutt’altre opere tra le quali funivie e nuove linee tranviarie. Dopo il nostro articolo, il presidente della commissione Enrico Stefàno ha preannunciato un post di chiarimento che in effetti è arrivato. Ci sembra giusto, dunque, darne conto e riferire la versione di Stefàno.

 

Non è vero che nel piano non ci sono le opere votate dai cittadini, spiega, ma siamo stati costretti a dare la priorità ad opere che erano finanziabili fin da subito per non perdere l’occasione del bando del Ministero dei Trasporti in scadenza al prossimo 31 dicembre.

Stefàno scrive: “Tre sono gli scenari: di Riferimento (quello che già oggi è in cantiere o comunque si sta per avviare), di Piano (opere che nei successivi dieci anni andrò a progettare e finanziare) e Strategico (opere in cui credo sulle quali lavorerò successivamente)“. Dunque si tratta di infrastrutture che – secondo il presidente della Commissione – necessitano ancora di approfondimento e non sono al momento cantierabili.

Quelle già progettate sono invece le seguenti: tranvie Cavour, Tiburtina e Togliatti, la riapertura e prolungamento della Roma Giardinetti, le Funvie Magliana e Casalotti.

Sarebbe piaciuto anche a me inserirci da subito la MC fino a Grottarossa o la MD – prosegue –  ma ad oggi non ho un progetto aggiornato (anche se su T1 e C2 ci stiamo lavorando, Roma Metropolitane ha appena fatto una stima dei costi)“.

Fin qui la spiegazione di Stefàno. C’è un però che i cittadini hanno evidenziato nei commenti al suo post. Se davvero la priorità era proseguire sulle metropolitane perché in questi due anni e mezzo non si è spinto sulla progettazione di queste opere e invece si è insistito sulle funivie? Insomma è facile ora giustificarsi dicendo che quei progetti non sono pronti. Ma non lo sono proprio perché nessuno in giunta ci ha creduto e invece ha preferito spendere risorse e tempo per infrastrutture, come le funivie, di dubbia utilità. A questa obiezione, Stefàno ha risposto che c’è tempo per fare ulteriori modifiche al Pums che verrà approvato definitivamente non prima di giugno.

Bene, staremo a vedere. Anche se l’impressione iniziale resta. Il bravo Enrico ce la mette tutta, ma alle spalle ha una giunta e un consiglio comunale che non credono nelle grandi infrastrutture e che preferiscono una Roma con trasporti “diversi” da quelli delle altre grandi città occidentali. Presentare un piano vincolante per i prossimi dieci anni è una grande responsabilità perché significa condannare una capitale alla retrocessione o promuoverne la modernità.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Un articolo di @rep_roma ricorda quante bancarelle impallano i monumenti più belli di Roma. Una risposta da @virginiaraggi anche sul caldarrostaro di piazza di Spagna sarebbe utile. Ma forse oggi la Sindaca ha altro cui pensare #DeVito diarioromano.it/?p=31400

Previsione sul bilancio #Atac 2018. Dalla simulazione di @MercurioPsi emerge un pessimo risultato di produzione per bus e tram. Leggermente meglio le metro. diarioromano.it/?p=31334

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.