Sul Pums interviene Enrico Stefàno: c’è spazio per modifiche

Nessun commento

 

Qualche giorno fa abbiamo raccontato della delusione di tanti cittadini riguardo il Pums, il Piano per la Mobilità Sostenibile che è stato sottoposto al voto popolare prima di essere approvato dalle Commissioni Mobilità e Urbanistica.

I romani che avevano partecipato alla consultazione on line si erano espressi fortemente a favore delle metropolitane (completamento Linea C, prolungamenti della linea A e B e progettazione della D). Il piano presentato in commissione Mobilità, invece, conteneva tutt’altre opere tra le quali funivie e nuove linee tranviarie. Dopo il nostro articolo, il presidente della commissione Enrico Stefàno ha preannunciato un post di chiarimento che in effetti è arrivato. Ci sembra giusto, dunque, darne conto e riferire la versione di Stefàno.

 

Non è vero che nel piano non ci sono le opere votate dai cittadini, spiega, ma siamo stati costretti a dare la priorità ad opere che erano finanziabili fin da subito per non perdere l’occasione del bando del Ministero dei Trasporti in scadenza al prossimo 31 dicembre.

Stefàno scrive: “Tre sono gli scenari: di Riferimento (quello che già oggi è in cantiere o comunque si sta per avviare), di Piano (opere che nei successivi dieci anni andrò a progettare e finanziare) e Strategico (opere in cui credo sulle quali lavorerò successivamente)“. Dunque si tratta di infrastrutture che – secondo il presidente della Commissione – necessitano ancora di approfondimento e non sono al momento cantierabili.

Quelle già progettate sono invece le seguenti: tranvie Cavour, Tiburtina e Togliatti, la riapertura e prolungamento della Roma Giardinetti, le Funvie Magliana e Casalotti.

Sarebbe piaciuto anche a me inserirci da subito la MC fino a Grottarossa o la MD – prosegue –  ma ad oggi non ho un progetto aggiornato (anche se su T1 e C2 ci stiamo lavorando, Roma Metropolitane ha appena fatto una stima dei costi)“.

Fin qui la spiegazione di Stefàno. C’è un però che i cittadini hanno evidenziato nei commenti al suo post. Se davvero la priorità era proseguire sulle metropolitane perché in questi due anni e mezzo non si è spinto sulla progettazione di queste opere e invece si è insistito sulle funivie? Insomma è facile ora giustificarsi dicendo che quei progetti non sono pronti. Ma non lo sono proprio perché nessuno in giunta ci ha creduto e invece ha preferito spendere risorse e tempo per infrastrutture, come le funivie, di dubbia utilità. A questa obiezione, Stefàno ha risposto che c’è tempo per fare ulteriori modifiche al Pums che verrà approvato definitivamente non prima di giugno.

Bene, staremo a vedere. Anche se l’impressione iniziale resta. Il bravo Enrico ce la mette tutta, ma alle spalle ha una giunta e un consiglio comunale che non credono nelle grandi infrastrutture e che preferiscono una Roma con trasporti “diversi” da quelli delle altre grandi città occidentali. Presentare un piano vincolante per i prossimi dieci anni è una grande responsabilità perché significa condannare una capitale alla retrocessione o promuoverne la modernità.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Scusa @virginiaraggi, ma c’è o non c’è questa emergenza rifiuti? Considerato che i @Lavoratori_Ama sono tutt’altro che pregiudizialmente contro attuale amm.ne (nonostante essa continui ad ignorarne pareri e consigli) noi saremmo seriamente preoccupati. twitter.com/Lavoratori_Ama…

Sulle Torri dell'Eur, @AssLucaMontuori fa una ricostruzione molto parziale. Gliela contesta @giocaudo che, carte alla mano, dimostra che siamo tornati all'inizio della vicenda. diarioromano.it/?p=34811

Video diario
  • Messaggi d’amore imbecilli

    Le scritte comparse sui muri di Villa Ada simbolo della legittimazione culturale del vandalismo e della devastazione

  • Palatino svenduto

    Sotto al Palatino non si paga nulla per sostare. È o no da pazzi? R.T.

  • Magazzino del riuso

    Un'idea per dare attuazione alla "gerarchia dei rifiuti", base delle attuali potiche di gestione dei rifiuti cittadini

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.