Sui rifiuti è cambiato ben poco, inclusa un’amm.ne che si sottrae al confronto pubblico

Comitati ed esperti illustrano perché i biodigestori non sono i più adatti a trattare i rifiuti organici, ma il Campidoglio non ritiene di intervenire spiegando il perché della scelta fatta

L’incontro online organizzato per illustrare le opzioni disponibili per trattare i rifiuti organici, di cui anche noi avevamo parlato, si è effettivamente tenuto lo scorso mercoledì e purtroppo si è sentita solo una campana.

Scopo dell’incontro era parlare della recente scelta fatta dall’attuale amministrazione capitolina di dare mandato ad AMA per realizzare due impianti di biodigestione anaerobica con cui produrre metano a partire dai rifiuti organici. Gli organizzatori avevano dichiarato la loro contrarietà ad una tale scelta, preferendo il metodo alternativo del compostaggio dei rifiuti organici per ottenere compost, ed hanno pensato ad un momento di dibattito pubblico per fornire indicazioni tecniche sulle due opzioni ai cittadini, in modo che possano farsi un’opinione informata.

All’incontro era stata invitata anche l’assessora all’ambiente, Sabrina Alfonsi, contando che lei, o qualcuno da lei incaricato, potesse spiegare il perché della scelta dei biodigestori. Purtroppo però nessuno dell’amministrazione si è fatto vedere, per cui si sono potute sentire solo le tesi contrarie ai biodigestori e favorevoli al metodo di compostaggio.

 

L’assemblea è stata registrata e si può rivedere su Youtube. Sono oltre tre ore di interventi, tutti di persone qualificate che hanno spiegato i problemi che i grandi impianti di biodigestione anaerobica comportano, la loro scarsa sostenbilità sia ambientale che economica, facendo pensare che la scelta dell’amministrazione capitolina sia più dovuta a dinamiche di investimento legate al PNRR che ad un’analisi costi/benefici delle opzioni disponibili.

Si è parlato anche dei problemi che impianti simili stanno creando in Friuli, dove peraltro vengono spediti i rifiuti romani, come emerso in un’inchiesta di Fanpage.it.

 

In estrema sintesi le principali criticità degli impianti anaerobici sarebbero le seguenti:

  • rischi di deflagrazione e incidenti rilevanti in zone urbane,
  • l’impatto dei mezzi per trasportare i rifiuti da tutti i municipi verso quei municipi a cui toccheranno gli impianti,
  • i residui della biodigestione sono consistenti e vanno a loro volta trattati,
  • vi sono soluzione aerobiche che costano un quarto per tonnellata trattata.

La dottoressa Laura Reali, presidente dell’ISDE medici per l’ambiente di Roma, ha anche illustrato i rischi per la salute delle persone che gli impianti di tipo anaerobico comportano.

 

Sarebbe stato utile ed interessante sentire qualche parere opposto e pensiamo che l’amministrazione capitolina abbia perso un’occasione per dimostrare di avere preso il controllo della questione rifiuti a Roma e stare lavorando verso soluzioni efficaci e sostenibili.

Dal lato della raccolta continuiamo a vedere periodicamente le solite criticità, con i cassonetti della differenziata spesso pieni e i rifiuti che si ammucchiano per terra, mentre le notizie che giungono dall’interno di AMA fanno pensare al perdurare delle solite dinamiche dove la raccolta e il trattamento dei rifiuti è l’ultimo degli interessi della dirigenza.

Dagli operatori del LILA continuiamo a sentire di concorsi mancati, opache promozioni interne e il perdurare della mancanza di utilizzo dei circa 1.500 lavoratori parzialmente idonei.

Anche qualsiasi iniziativa per ridurre la produzione dei rifiuti, a partire da qualche soluzione per il riuso, non appare alle viste e tutti questi segnali fanno davvero temere che non si sia neanche iniziato un percorso che con i tempi dovuti possa far uscire Roma dall’emergenza rifiuti.

 

Il dato meno comprensibile è comunque la chiusura dell’amministrazione al confronto costruttivo con i cittadini. Da questo punto di vista non c’è stata alcuna discontinuità con l’amministrazione precedente e considerati i disastri che dopo cinque anni abbiamo dovuto registrare, di nuovo c’è molto di cui preoccuparsi.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Forse qualcuno dovrebbe spiegare all'architetto che il muro non serve a cingere il giardino bensì proprio a crearlo, ossia a contenere la terra dove mettere le piante. Quello che doveva essere un parcheggio interrato è venuto un po' fuori terra e da qui la necessità del muro. twitter.com/rep_roma/statu…

Piano per la #mobilità durante le festività natalizie: il migliore da molti anni, nonostante qualche ombra. Per la prima volta viene prevista l'attivazione fissa delle #ZTL e i collegamenti con alcuni parcheggi... 👇📰 diarioromano.it/piano-per-la-m…

#Domenica di giochi a villa Ada per i bambini. La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto

test Twitter Media - #Domenica di giochi a villa Ada per i bambini.
La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto https://t.co/H3ClE8Wsnz

Se questa discarica in via Prenestina deve proprio rimanere lì, probabilmente a disposizione di occupanti abusivi, perché non metterci un cassone? È più decoroso ed evita agli addetti di raccogliere da terra. Neanche le cose facili … @Sabrinalfonsi

test Twitter Media - Se questa discarica in via Prenestina deve proprio rimanere lì, probabilmente a disposizione di occupanti abusivi, perché non metterci un cassone? È più decoroso ed evita agli addetti di raccogliere da terra.
Neanche le cose facili …
@Sabrinalfonsi https://t.co/cgVKt12ZPc
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close