Sui cordoli di viale Eritrea, il Messaggero come la pensa?

Lo chiediamo di nuovo al direttore Virman Cusenza e perché no, al suo editore, Francesco Gaetano Caltagirone. Sui cordoli a viale Libia e viale Eritrea, il Messaggero come la pensa? Il re del cemento, in occasione della festa per i 140 anni del quotidiano, ha citato addirittura Seneca per trasmettere la linea del suo giornale: “Da nulla bisogna guardarsi meglio che dal seguire, come fanno le pecore, il gregge che ci cammina davanti, dirigendoci non dove si deve andare ma dove tutti vanno. E niente ci tira dietro i mali peggiori come andare dietro alle chiacchiere della gente, convinti che le cose accettate per generale consenso siano le migliori”.

Una frase straordinaria che potrebbe riferirsi al populismo imperante oggi, alle soluzioni facili rispetto ai problemi complessi, al “l’ho letto su Facebook”. Ebbene se questa è linea del Messaggero perché, in un taglio basso della prima pagina della cronaca, Pietro Piovani elenca le false convinzioni sulla pericolosità dei cordoli per i ciclomotori, tutto condito dalla solita tiritera delle buche e dei tombini profondi come pozzi? Perché dare voce a chi si lamenta per partito preso piuttosto che analizzare i vantaggi per la cittadinanza tutta e spalleggiare la giunta 5stelle che per una volta ha avuto coraggio?

 

Il Messaggero non è nuovo a battaglie oscurantiste e passatiste. Nel 2013, dopo la chiusura di via dei Fori Imperiali, aizzò i lettori a ribellarsi contro la decisione di Ignazio Marino. Riassumemmo in questo pezzo su bastacartelloni, la serie di articoli campati in aria che ogni giorno venivano pubblicati nelle pagine di cronaca per criticare la scelta più di rottura che si potesse fare in quel momento. Sulle sue pagine raccontò di improbabili turisti spaventati dalla pedonalizzazione (!), di présidi  preoccupati perché i genitori non avrebbero potuto portare i loro figli a scuola. Una visione ottusa che nulla ha a che vedere con la natura innovativa citata da Caltagirone.

Le scelte dei grandi giornali di schierarsi contro la modernità e il progresso sono una delle cause dell’arretratezza di Roma. E’ riconosciuto in tutte le grandi città d’occidente che l’arredo urbano è l’unica soluzione al caos: carreggiate più strette per evitare la doppia fila, dissuasori di sosta sui marciapiedi, preferenziali protette dai cordoli. Da un quotidiano con quella storia ci si aspettano battaglie per avvicinare Roma alle grandi capitali d’Europa e non per renderla simile al sud povero del mondo.

Guardate cosa è successo ieri in viale Romania, accanto all’Università Luiss e al Comando Generale dei Carabinieri. Una macchinetta di un ragazzino cresciuto con la mentalità del “tutto è permesso” lasciata in quel modo sul ciglio della strada e un’auto parcheggiata al centro della carreggiata hanno bloccato il traffico per tutta la mattina.

 

Il bus bloccato e nessuno che riusciva ad andare avanti o indietro. Episodi come questo accadono ogni momento in tutta Roma per l’errato arredo urbano. Per un dimensionamento sbagliato delle strade. E a viale Eritrea la doppia fila perenne rallentava un’arteria di collegamento tra quartieri popolosissimi e il centro. Ogni giorno da Porta di Roma, Montesacro, Talenti, Africano, partono migliaia di persone dirette al centro in bus o col mezzo privato che restavano ostaggio di pochi idioti che parcheggiavano perennemente in doppia fila. Con i cordoli questo problema non esisterà più e la vita di tantissimi pendolari sarà migliore.

Perché non incitare l’amministrazione a riproporre i cordoli anche in altre strade di Roma, invece di dare voce alla pancia di chi sa solo lamentarsi? Perché non condurre un’inchiesta sul tempo che i pendolari risparmiano grazie alle preferenziali protette? Perché non intervistare un esperto che spieghi che nessun pericolo per i ciclomotori è provocato dai cordoli invece di accodarsi, come diceva Seneca, “alle chiacchiere della gente, convinti che le cose accettate per generale consenso siano le migliori”?

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

La praticamente inutile delibera sulle #bancarelle proposta dalla maggioranza Anche se lo scopo della delibera è adeguare la normativa al Testo Unico sul Commercio approvato dalla Regione Lazio nel 2019, così com'è risulta l'ennesima occasione sprecata 👇 diarioromano.it/la-praticament…

Laurentino: il nuovo parco dedicato a Luca Petrucci. E’ stato inaugurato ieri dal presidente del Lazio Zingaretti. Era in abbandono e ora ospita campo da calcetto e giochi per bambini. Petrucci fu presidente Ater #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Laurentino: il nuovo parco dedicato a Luca Petrucci.

E’ stato inaugurato ieri dal presidente del Lazio Zingaretti. Era in abbandono e ora ospita campo da calcetto e giochi per bambini. Petrucci fu presidente Ater
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/l6kD0m6O22

Roma ha il record europeo di #monopattini parcheggiati male I dati di Consumerismo No Profit mettono a paragone le capitali europee. Le linee guida previste dal #Campidoglio per risolvere la questione dal 2023 👇📰 diarioromano.it/roma-ha-il-rec…

Perché chi transita sulla corsia d’emergenza la fa sempre franca? Quando si potrà vedere un serio contrasto al malcostume di saltare le file sul GRA transitando sulla corsia d’emergenza? Ci sarebbe la hola per le pattuglie! #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Perché chi transita sulla corsia d’emergenza la fa sempre franca?

Quando si potrà vedere un serio contrasto al malcostume di saltare le file sul GRA transitando sulla corsia d’emergenza? Ci sarebbe la hola per le pattuglie!
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/AoiwjZlf2l

Cinema Metropolitan: per la #Regione Lazio il progetto di riconversione è da rifare. La trasformazione bocciata perché prevedeva una quota di commerciale del 90%, in contrasto con la normativa regionale sui #cinema che concede al massimo il 30% 👇📰 diarioromano.it/cinema-metropo…

Il murales per Alfredino finanziato dai residenti. L’opera, in piazza Carbonara alla Garbatella, ricorda la tragedia avvenuta nel 1981 del bimbo caduto nel pozzo. E’ frutto di una raccolta durata mesi su una piattaforma on line. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Il murales per Alfredino finanziato dai residenti.

L’opera, in piazza Carbonara alla Garbatella, ricorda la tragedia avvenuta nel 1981 del bimbo caduto nel pozzo. E’ frutto di una raccolta durata mesi su una piattaforma on line.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/HsTVsNZAG2
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close