Stazione Jonio: non ha neanche due anni ed è già devastata

Nessun commento

foto centro storico 309

 

Sono passati due anni da quando su questo sito avevamo affrontato il degrado sui treni e nelle stazioni. Ritorniamo sull’argomento pur consapevoli che non c’è stato nessun cambio di rotta positivo, nessun miglioramento tangibile e costante nelle politiche manutentive delle stazioni e del materiale rotabile.

Dopo esserci occupati della fermata Valle Aurelia, ci soffermiamo sulla linea B1, in particolare sulla stazione Jonio inaugurata il 21 aprile 2015. In quell’occasione eravamo presenti e realizzammo un’indagine sul campo relativa alle prospettive e criticità del progetto. In particolare analizzammo la sistemazione superficiale sia in termini di viabilità e parcheggi che di qualità urbana.

Siamo tornati sul posto per verificare la situazione: il primo impatto visivo è l’incrocio tra Viale Jonio e Via Scarpanto.

 

Montesacro 293

Via Scarpanto: richiesta la rimozione di scritte e manifesti in data 13 marzo

 

Questo è quello che vediamo: muri ricoperti di manifesti e graffiti vandalici, passaggio sul marciapiede impedito dagli arredi della bancarella con annesso furgone in sosta selvaggia.

L’ingresso alla stazione è costellato dalle bandiere sfilacciate della Salini-Impregilo: non sarebbe meglio rimuoverle?

 

Montesacro 201

 

 

E siamo alle dolenti note: come già saprete, l’edificio che ospita il parcheggio multipiano e il giardino pensile, è già stato vandalizzato e ricoperto nella sua interezza dalle scritte vandaliche.

 

Montesacro 276

 

 

L’ennesimo sfregio a un bene pubblico di interesse e utilità collettiva, nonché di grande valore estetico-architettonico. La stazione Jonio infatti è stata disegnata dal noto architetto Franco Purini: si tratta di una vera e propria opera di architettura contemporanea. Il progetto si prefigge, oltre a soddisfare le esigenze funzionali di mobilità, di creare una nuova identità urbana, ridisegnando e valorizzando l’area della stazione.

Ma purtroppo per noi romani, il concetto di uniformità cromatica delle superfici, legato all’identità estetica dei luoghi, è bistrattato e deriso dall’esercito dei vandali graffitari.

L’equilibrio estetico e l’armonia visiva sono il bersaglio ideologico del pensiero unico dominante dei muri sporchi/colorati. Un pensiero unico veicolato dai media e dagli intellettuali, furbescamente propagandato dal variegato mondo delle associazioni culturali che operano nell’area della “street art”. E promuovono gli interessi loro e dei loro amici…

 

Montesacro 274

 

Questa egemonia culturale ha prodotto cittadini indifferenti al degrado e assuefatti al brutto.

 

Ancora una volta la politica si dimostra inconsapevole del valore educativo e sociale degli spazi pubblici. Ecco i danni collaterali inevitabili: gli insulti ai volontari di Retake Roma.

 

Montesacro 278

 

 

C’è un piccolo giallo che riguarda le scritte di minaccia: sono apparse nel febbraio 2016. Che cosa è avvenuto nel frattempo? La realizzazione del murales di “A Panda Piace” nel giugno 2016.

 

 

Montesacro 208

 

Dal comunicato stampa:

“L’iniziativa testimonia la volontà di Atac di proseguire la sinergia tra il mondo del trasporto pubblico e quello della street art.”

Mettiamo da parte le facili battute sull’Atac benevola col mondo dei writers che devasta i suoi treni e le sue stazioni. Domandiamoci piuttosto se l’ipotetica ditta incaricata da ATAC per la piccola manutenzione, o l’azienda preposta al decoro urbano (AMA), in concomitanza dell’intervento decorativo, abbiano cancellato le minacce sui muri.

Confrontiamo la foto qui sotto, risalente al febbraio 2016, con quella scattata a distanza di mesi.

 

foto centro storico 305

FEBBRAIO 2016

 

LE SCRITTE CONTRO RETAKE SONO ANCORA AL LORO POSTO, SEDIMENTATE SOTTO UNA TAG NUOVA DI ZECCA!

 

Montesacro 272

MARZO 2016

 

 

Montesacro 308

 

 

Montesacro 281

 

 

Neanche gli altri graffiti sono stati cancellati, quasi fossero degni di affiancare il murales decorativo.

Cosa aspettano a rimuovere le scritte, affidare a una ditta i lavori di piccola manutenzione necessaria a garantire il decoro della stazione oppure occuparsene direttamente o tramite l’AMA?

Le regole ci sono, gli esempi di buone pratiche sono rintracciabili ovunque, da Napoli a Torino e Milano e il nuovo decreto legge sul decoro aiuta i sindaci. Mentre parliamo, i viaggiatori si fermano per scattare foto al murales con i graffiti vandalici. Il peggior modo di creare confusione tra arte e vandalismo, murales autorizzati e graffiti vandalici e illegali. Preparando terreno fertile per la diffusione del vandalismo politico-ideologico, quello dei “muri puliti, popoli muti”. Ci rendiamo conto di quante e quali conseguenze deleterie sul piano dei comportamenti sociali abbia la sottovalutazione del vandalismo grafico? Senza contare i danni prodotti al patrimonio architettonico pubblico e privato.

Cosa ne pensa l’assessore all’urbanistica Luca Montuori?

E l’assessore ai trasporti Linda Meleo, cosa dice?

Qual’è invece l’opinione dell’assessore alla “crescita culturale” Luca Bergamo?

 

Montesacro 277

 

 

Ricordiamo, per completezza d’informazione, le proposte dei candidati sindaco:

 

Virginia Raggi:

“Investire con continuità proprio sulle giovani generazioni per affermare il principio condiviso del rispetto dei beni pubblici: occorre infatti colmare la deformazione culturale che determina il disprezzo e l’incuria dei luoghi pubblici e, al tempo stesso, promuovere azioni che migliorino il decoro urbano, la vivibilità degli spazi comuni, il benessere di tutti i cittadini.”

 

Roberto Giachetti:

“definire un piano straordinario di manutenzione dei treni e di decoro delle stazioni, potenziando controlli e  sicurezza con personale e con sistemi tecnologici. Riprendendo esperienze di altre realtà, utilizzeremo la tecnologia (ad esempio database delle tag) per risalire ai responsabili e per proteggere aree a rischio come le stazioni della Metropolitana e i depositi.”

 

Giorgia Meloni:

“sarò implacabile con chi offende la bellezza di Roma. Questo vale anche per chi imbratta i muri e realizza graffiti sulle facciate di case e palazzi. Mi impegnerò personalmente per trovare spazi appositi a queste forme belle e positive di creatività urbana, ma chi imbratta dove non è consentito deve pagare, senza invocare un vago diritto alla fantasia.”

 

Non ci resta che denunciare il degrado della stazione Jonio, scrivendo agli uffici competenti, evidenziando che analoga situazione è rintracciabile nelle altre fermate della metro A e B (vedi Conca d’Oro)

 

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Vai di cartelloni! @virginiaraggi la riforma tenetela bella imboscata nei cassetti Retweeted by diarioromano

test Twitter Media - RT @aventinerome: Vai di cartelloni! @virginiaraggi la riforma tenetela bella imboscata nei cassetti https://t.co/6NBZyxsRzs

Fermate metro chiuse. Non basta revocare l'appalto alla ditta di manutenzione. Occorre individuare la responsabilità politica. @virginiaraggi dovrebbe chiedere le dimissioni di Linda #Meleo. diarioromano.it/?p=31547

Atac e @virginiaraggi stanno per revocare l'appalto alla ditta di manutenzione delle scale mobili. Ma i problemi nascono nel 2017 e già da allora l'impresa non rispetta il contratto. Gli scenari futuri sono ancora peggiori. Un articolo di @MercurioPsi diarioromano.it/?p=31548

test Twitter Media - Atac e @virginiaraggi stanno per revocare l'appalto alla ditta di manutenzione delle scale mobili. Ma i problemi nascono nel 2017 e già da allora l'impresa non rispetta il contratto. Gli scenari futuri sono ancora peggiori. Un articolo di @MercurioPsi https://t.co/cE5KU6hjSo https://t.co/xieirj7PPa

Allora @andreavenuto , riusciamo a far aggiornare le pagine @InfoAtac in tempo reale così che chi ha problemi deambulatori non finisca sequestrato in qualche stazione? @virginiaraggi : che altro occorre per congedare @LindaMeleo ? twitter.com/mercuriopsi/st…

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.