Spostamento bancarelle: zoom su piazza di Spagna

Ancora euforici per lo spettacolo di interi pezzi di città liberati da bancarelle che parevano ormai eterne, abbiamo voluto fare un approfondimento sulla zona di piazza di Spagna, dove alcune postazioni sono state mantenute.

La Determinazione Dirigenziale (DD) che ha disciplinato lo spostamento di tutte le postazioni indica che su piazza di Spagna dovrebbero rimanere solo tre banchi, tutti dedicati esclusivamente alla vendita di fiori. Due di essi li abbiamo individuati, uno dovrebbe essere l’edicola nel mezzo della piazza, mentre l’altro il banco in cima alla scalinata, vicino la rampa di accesso alla metropolitana.

Ebbene entrambi questi banchi da tempo immemore erano dediti alla vendita di tutt’altro che fiori, con quello in cima alla scalinata che non ne ha fatto vedere mai uno. A seguito dello spostamento però questa loro furbata è venuta allo scoperto in maniera inequivocabile ed entrambi i banchi sono stati costretti ad attenersi al contenuto della licenza. Va detto che almeno per quello in mezzo alla piazza la cosa non sarebbe avvenuta senza l’esplicita richiesta d’intervento pervenuta alla PLRC da parte della consigliera Nathalie Naim. Agli agenti, presenti in gran numero anche in piazza di Spagna, era infatti sfuggito il particolare della tipologia di merce ammessa per quel banco, e bene ha fatto la consigliera Naim ad invitarli a segnalarlo al gestore, il quale evidentemente non ha potuto che adeguarsi.

Di seguito le foto col prima e dopo di questi due banchi.

 

Il banco al centro di piazza di Spagna
Il banco al centro di piazza di Spagna, prima (sopra) e dopo (sotto)

 

Il banco in cima alla scalinata, prima (sopra) e dopo (sotto)
Il banco in cima alla scalinata, prima (sopra) e dopo (sotto)

Questo secondo banco, liberato da tutta la paccottiglia che ammorbava il luogo, fa quasi tenerezza ora (ma temiamo non durerà).

Dicevamo che la DD dello spostamento prevede 3 postazioni di fiorai nella zona di piazza di Spagna; quale sarà quindi la terza? Ne rimane una sola, questa:

spagna1

Non sembra un fioraio, vero? Eh no, proprio per niente. Si tratta infatti dell’ormai mitico caldarostaro di piazza di Spagna angolo via Condotti, quello che in virtù di un titolo “anomalo” non deve sottostare alle stagioni e smettere di sfornare caldarroste il 31 marzo, come tutti gli altri.

Leggende metropolitane dicono che ci ha provato addirittura Monsieur Arnault in persona a far spostare il banchetto dall’angolo di uno dei suoi negozi più prestigiosi (Christian Dior fa parte del gruppo LVMH), ma senza successo. E parrebbe che anche questa volta la postazione storica abbia resistito al tornado che ha spazzato la gran parte delle altre.

C’è però da chiarire a che titolo quel banco può stare lì, e se dovesse venir fuori che è il terzo fioraio di piazza di Spagna, si dovrà giocoforza convertire dalle castagne ai fiori.

 

Chiudiamo segnalando quello che sta accadendo in una delle postazioni liberate lo scorso 10 luglio, quella all’angolo tra via della Croce e piazza di Spagna, dove da anni un banchetto oscurava le vetrine del negozio Hogan.

furbetto

Invece del banchetto oggi vi è stata parcheggiata tutto il giorno l’auto della foto, forte del contrassegno per invalidi che si intravede sul parabrezza. Dovrebbe trattarsi del veicolo di un commerciante di zona che usa parcheggiarlo tutto il giorno dove capita, tanto col permesso esposto nessuno gli dice niente. Non sappiamo se si tratti di un permesso valido, se esso viene utilizzato in modo abusivo o se è tutto in regola (il tipo non pare aver problemi deambulatori di sorta). Quello che sappiamo è che se le bancarelle devono essere sostituite da veicoli in sosta, di chiunque essi siano, allora non ci siamo proprio. Se qualcuno con disabilità ha necessità e diritto a sostare in zona, che venga individuato ed assegnato un posto dedicato. Sarebbe però ora, tanto più adesso che si è riusciti a fare il bel repulisti con le bancarelle, che i troppi furbi che abusano dei permessi disabili vengano messi a posto.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Viale Carso, angolo via Monte Pertica. Strisce pedonali ridipinte in questo modo. "Civilizziamo Roma" via #Facebook . #Roma #foto #lettori

test Twitter Media - Viale Carso, angolo via Monte Pertica. Strisce pedonali ridipinte in questo modo. "Civilizziamo Roma" via #Facebook 
.
#Roma #foto #lettori https://t.co/UqtchPoF7h

Rimborso degli abbonamenti agli utenti del Tpl. A Milano lo fanno e non mettono dipendenti in Cig. A Roma niente rimborsi e 4000 in cassa integrazione. @MercurioPsi ci spiega le differenze e la cattiva gestione di #Atac. @materia__prima @virginiaraggi diarioromano.it/?p=38875

Il parroco della S.S. Trinità di viale Arrigo Boito ha deciso ieri di celebrare la messa sul tetto. Molti i fedeli affacciati che hanno ricevuto la benedizione. . #Roma #photo #lettori

test Twitter Media - Il parroco della S.S. Trinità di viale Arrigo Boito ha deciso ieri di celebrare la messa sul tetto. Molti i fedeli affacciati che hanno ricevuto la benedizione.
.
#Roma #photo #lettori https://t.co/F5y22yOUeh

Dopo 5 anni diarioromano rinnova la sua grafica, aggiunge nuove rubriche e migliora la fruibilità sui dispositivi mobili. I numeri dei contatti e gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni. @MercurioPsi. #blog #redazione #news. diarioromano.it/?p=38859 Retweeted by diarioromano

Dopo 5 anni diarioromano rinnova la sua grafica, aggiunge nuove rubriche e migliora la fruibilità sui dispositivi mobili. I numeri dei contatti e gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni. @MercurioPsi. #blog #redazione #news. diarioromano.it/?p=38859

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close