Solidarietà con i poveri ambulanti spostati!

Lo scorso 10 luglio abbiamo tutti gioito per lo storico spostamento dei camion bar e di tante bancarelle dall’area archeologica centrale e dal Tridente. Sulla sola via della Croce ne sono stati rimossi due di banchi, uno dal lato via del Corso e l’altro dal lato di piazza di Spagna, con particolare sollievo degli esercenti che da anni dovevano subire l’oscuramento delle loro vetrine.

Se però in via della Croce lo spostamento delle bancarelle è stato fulmineo ed efficace, non altrettando può dirsi delle numerose OSP della strada che invece appaiono sempre meno rispondere a norme di diritto e sempre più al mero profitto degli esercenti, senza riguardo alcuno per le norme di sicurezza, quelle igieniche, la presenza di abitazioni e la stessa decenza.

Quelle che seguono sono delle immagine prese di recente sulla strada in serata, allorché tutti i locali si arrogano il diritto di occupare il suolo pubblico a piacimento ed a prescindere dal possesso di un regolare titolo. Se infatti di giorno si contano 5 OSP su 11 del tutto illegali, la sera tale proporzione passa ad un 5 a 9, con i locali titolari di concessione OSP che si sentono in diritto di raddoppiare o anche triplicare lo spazio loro concesso.

 

croce8
Tavolini davanti la profumeria chiusa. Tutto regolare?
croce7
Tavolini davanti altro negozio chiuso. Tutto regolare?
croce6
Tavolini davanti negozio di arredo bagni. Tutto regolare?
croce5
Tavolini davanti negozio di abbigliamento. tutto regolare?
croce4
Portone inglobato dai tavolini. Tutto regolare?
croce3
Portone inglobato dai tavolini
croce2
Tavolini davanti negozio di elettrodomestici
croce1
Tavolini davanti negozio di pantofole. Tutto regolare?

 

Da notare che via della Croce è una delle strade dove il vincolo del Tridente, emanato dalla Soprintendenza, ha escluso qualsiasi utilizzo commerciale del suolo pubblico, con conseguente decadenza di tutte le OSP a fine 2015.

Se però oggi non è dato cogliere alcuna differenza tra una OSP autorizzata ed una illegale, come possiamo attenderci che la sparizione di tutti i tavolini dalla strada venga effettivamente realizzata?

Chiariamo che noi non saremmo contrari a pochi decorosi tavoli su via della Croce, ma da lì all’indecorosa mensa a cielo aperto di oggi ce ne passa …

Ma soprattutto, se questi locali violano così palesemente le norme relative alle OSP, cosa possiamo aspettarci di tutte le norme igieniche, della qualità dei cibi e delle materie prime, della preparazione del personale, del rispetto delle norme di sicurezza e tributarie? Detta in altri termini, è chiaro o no che un sistema che tollera l’illegalità difficilmente riesce a confinarla entro certi ambiti ma necessariamente offre terreno fertile ai peggiori e più totali abusi? Non è certo un caso se ormai una percentuale spaventosa di locali del centro storico sono in mano della malavita organizzata. Chi meglio di loro infatti sa gestire l’illegalità in maniera efficacie e profittevole?

Per concludere, hanno o no diritto a lamentarsi i titolari delle bancarelle rimosse pochi giorni fa, per il pugno duro mostrato nei loro confronti, mentre si continuano a tollerare comportamenti illeciti plateali sulla stessa strada?

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711 Retweeted by diarioromano

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709 Retweeted by diarioromano

Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore. . Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto!

test Twitter Media - Diarioromano si rifà il look. Saremo off line per poche ore.
.
Per interventi di manutenzione il sito non sarà raggiungibile né da desktop, né da mobile. Torniamo presto! https://t.co/gX753oVegk

Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate. . #Roma #coronavirus #photo #lettori

test Twitter Media - Anche le periferie illuminate con i colori della bandiera. Corviale ricorda E. De Crescenzo, morto per il #Covid, che ha lavorato una vita per le zone più disagiate.
.
#Roma #coronavirus #photo #lettori https://t.co/J6wQJLyzvS

Essere investiti a #Roma mentre la città è deserta. Ennesima tragedia che deve far riflettere sulla mattanza pedonale che vive la Capitale d'Italia. @materia__prima @virginiaraggi @EnricoStefano. diarioromano.it/?p=38709

Per il weekend di #quarantena un #film che ci riporta agli anni '50: Stazione Termini di Vittorio De Sica. Il genio del neorealismo ci fa scoprire inedite immagini della Stazione senza negozi, con le sale d'attesa divise per classi. #Cinema diarioromano.it/?p=38711

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close