Sindaco da neanche una settimana e con già un pedone sulla coscienza

Ovviamente Gualtieri non ha responsabilità dirette nell'incidente di martedì scorso, ma è indispensabile che prenda subito qualche iniziativa per provare a fermare la strage

Nuova tragedia della strada a Roma lo scorso martedì 26 ottobre: in viale Bruno Buozzi, ai Parioli, un 91enne è stato investito a morte e il suo badante ferito gravemente mentre attraversavano la strada.

Non si sa ancora se l’attraversamento veniva effetuato sulle strisce pedonali o meno, ma rimane il fatto che ancora un pedone perde la vita a Roma mentre attraversa la strada, ennesima puntata di quella che fin dall’inizio delle nostre pubblicazioni abbiamo chiamato la “mattanza pedonale“.

 

Roberto Gualtieri si è insediato il 21 ottobre scorso, per cui questa prima tragedia stradale avviene a meno di una settimana da quando è sindaco di Roma. Ovviamente non gli si può dare una diretta responsabilità in questo tragico accadimento, ma tra le cose che dovrebbe aver studiato per prepararsi al Campidoglio ci sarà stata l’emergenza stradale che da anni perdura a Roma.

Purtroppo nutriamo qualche dubbio, stante l’attenzione maniacale di tutti i candidati sindaco alla monnezza, le buche, i cinghiali, senza che qualcuno prestasse attenzione ad un problema che ogni anno fa centinaia di morti.

 

Che si sia preparato o meno a questa ennesima emergenza romana, sarebbe bene che il sindaco Gualtieri vi mettesse subito mano, cominciando col chiedere al comandante della Polizia Locale di stabilire controlli straordinari per il rispetto delle strisce pedonali, per reprimere i diffusissimi eccessi di velocità, per cominciare ad attaccare l’invasione delle soste selvagge che spesso sono concausa degli incidenti.

 

In mancanza di azioni immediate il sindaco non potrà che essere ritenuto corresponsabile di queste morti. Non è detto infatti che qualsiasi misura presa risulti immediatamente efficace, ma senz’altro il lasciare lo status quo non può che mantenere le strade di Roma tra le più pericolose d’Europa (del mondo?).

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Forse qualcuno dovrebbe spiegare all'architetto che il muro non serve a cingere il giardino bensì proprio a crearlo, ossia a contenere la terra dove mettere le piante. Quello che doveva essere un parcheggio interrato è venuto un po' fuori terra e da qui la necessità del muro. twitter.com/rep_roma/statu…

Piano per la #mobilità durante le festività natalizie: il migliore da molti anni, nonostante qualche ombra. Per la prima volta viene prevista l'attivazione fissa delle #ZTL e i collegamenti con alcuni parcheggi... 👇📰 diarioromano.it/piano-per-la-m…

#Domenica di giochi a villa Ada per i bambini. La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto

test Twitter Media - #Domenica di giochi a villa Ada per i bambini.
La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto https://t.co/H3ClE8Wsnz

Se questa discarica in via Prenestina deve proprio rimanere lì, probabilmente a disposizione di occupanti abusivi, perché non metterci un cassone? È più decoroso ed evita agli addetti di raccogliere da terra. Neanche le cose facili … @Sabrinalfonsi

test Twitter Media - Se questa discarica in via Prenestina deve proprio rimanere lì, probabilmente a disposizione di occupanti abusivi, perché non metterci un cassone? È più decoroso ed evita agli addetti di raccogliere da terra.
Neanche le cose facili …
@Sabrinalfonsi https://t.co/cgVKt12ZPc
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close