Sfasci in via dell’Almone: oltre 650 cittadini dicono no ad una nuova proroga

Il VII° Municipio chiamato a decidere sull’annosa questione degli sfasci in via dell’Almone e del loro allontanamento se ne è lavato le mani. Lo scorso 25 giugno, infatti, in aula è mancato il numero legale di proposito. La questione – a poche ore dalla concessione dell’ennesima proroga – passa al Campidoglio. La Comunità territoriale del VII° Municipio ha raccolto 650 firme e le ha consegnate all’assessore Estella Marino.

Ecco il loro comunicato

sfascio

 

E’ stata consegnata al Sindaco e all’Assessore Estella Marino la petizione, sottoscritta da oltre 650 cittadini, proposta dalla Comunità Territoriale del VII Municipio. Con questa petizione i cittadini chiedono che il 30 giugno non venga , per l’ennesima volta. prorogata la presenza degli sfasciacarrozze di Via dell’Almone (Parco Regionale dell’Appia Antica), ma li si delocalizzino in altra sede.

Il 30 giugno scadrà infatti la 14° proroga concessa dal Comune a tutti gli autodemolitori a restare “in loco”. Fra questi suscita particolare sdegno la presenza degli “sfasci” di Via dell’Almone, situati nell’area archeologica del Parco Regionale dell’Appia Antica, nonostante l’opposizione di Regione Lazio, Soprintendenza Archeologica, Ente Parco Appia Antica e dello stesso Comune di Roma che già dal 2012 prevedeva la loro delocalizzazione.
Gli sfasciacarrozze risultano particolarmente inquinanti per lo sversamento nel suolo di olii, grassi, metalli pesanti, ecc. che probabilmente inquinano anche la falda acquifera. Nel 2009 negli sfasci di Via dell’Almone si verificò, inoltre, uno spaventoso incendio, durato 4 giorni, con un gravissimo inquinamento atmosferico.
La normativa europea sugli autodemolitori e l’approvazione recente della legge che punisce quanti inquinano o favoriscono l’inquinamento devono essere tempestivamente applicate dal Comune di Roma.
La Comunità Territoriale del VII Municipio, che raccoglie al suo interno 30 fra associazioni e comitati di questo ampio settore della nostra città, ha pertanto proposto la petizione per chiedere all’amministrazione comunale che non venga concessa una nuova proroga a restare, ma che si proceda ad una delocalizzazione in altra sede degli sfasci di Via dell’Almone, petizione sottoscritta da oltre 650 cittadini e consegnata oggi al Sindaco Ignazio Marino e all’assessore competente Estella Marino.

Maurizio Battisti coordinatore della
Comunità Territoriale del VII Municipio di Roma

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

La bellezza della vegetazione spontanea in pieno centro cittadino La manutenzione di strade e marciapiedi continua ad essere insoddisfacente a Roma, ma a largo di S. Susanna le erbe spontanee smorzano un po’ la desolazione di uno spazio senza alberi #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - La bellezza della vegetazione spontanea in pieno centro cittadino

La manutenzione di strade e marciapiedi continua ad essere insoddisfacente a Roma, ma a largo di S. Susanna le erbe spontanee smorzano un po’ la desolazione di uno spazio senza alberi
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/G5eabMcL2i

A piedi da piazza del Popolo al Pincio si è costretti sulla carreggiata a causa dei veicoli in sosta selvaggia. Che credibilità può avere Roma per #Expo2030 se neanche queste banalità si riescono a risolvere? @gualtierieurope @lorenzabo

test Twitter Media - A piedi da piazza del Popolo al Pincio si è costretti sulla carreggiata a causa dei veicoli in sosta selvaggia.
Che credibilità può avere Roma per #Expo2030 se neanche queste banalità si riescono a risolvere?
@gualtierieurope @lorenzabo https://t.co/ZTnDO5Hi1T
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close