Senza controlli della Polizia Locale le ordinanze restano grida manzoniane

La Regione ha disposto il divieto di pic-nic nei parchi per arginare cinghiali e peste suina. Ma nessuno lo rispetta. Il caso del Pineto e l'esasperazione dei volontari

 

Quale credibilità possono avere le istituzioni che affiggono cartelli come questo, nel quale viene specificato che è vietato fare pic-nic, e poi ogni fine settimana il risultato è quello che vedete nella foto che segue?

 

Se lo domandano i Volontari per il Decoro nel XIII Municipio che da anni si sporcano le mani nel tentativo di tenere pulito il parco del Pineto, un’area meravigliosa per biodiversità, ombreggiata da una pineta che dà il nome al quartiere (la Pineta Sacchetti). Non ne possono più di raccogliere quanto lasciato da incivili e maleducati ma dallo scorso 8 maggio il problema non è più solo limitato alla trasgressione delle norme sui rifiuti gettati indiscriminatamente, perché ora si aggiunge la violazione di una regola che è stata emessa appositamente per limitare la diffusione della peste suina e la circolazione dei cinghiali.

La Regione Lazio, con un’ordinanza del 7 maggio, ha stabilito che in una fascia di territorio ben definita sia vietato organizzare pic-nic, eventi e assembramenti. Si tratta della cosiddetta “zona rossa” delimitata dal Gra a Nord, dal Tevere a Est, dall’asse Circonvallazione Clodia/Baldo degli Ubaldi a sud, dalla via Boccea a Ovest. L’ordinanza precisa che sono inclusi nella zona rossa il Parco di Veio, quello dell’Insugherata e il Parco del Pineto. Ebbene proprio in quest’ultimo non passa fine settimana senza un assembramento di cittadini italiani o stranieri che si radunano per mangiare, bere e festeggiare. E alla fine tutto resta lì, in terra o raccolto in sacchi di fortuna che ovviamente la notte sono preda di cinghiali affamati.

 

Che senso ha emettere ordinanze, stabilire norme di comportamento se allo stesso tempo non si pianificano azioni di controllo e di contrasto nei confronti di chi non le rispetta? Il problema di Roma è soprattutto questo: non c’è un corpo di Polizia Locale che voglia davvero presidiare il territorio e probabilmente non c’è perché la politica non lo vuole.

Nel video che segue, il nostro Franco Quaranta, storico militante della battaglia per una cartellonistica pubblicitaria più legale e impegnato da anni per il decoro del Pineto, ci mostra la situazione che ha trovato al mattino e fa delle amare ma condivisibili riflessioni.

 

Il tema della peste suina non deve essere sottovalutato perché da questa dipende l’economia del comparto agricolo e la sopravvivenza di decine di migliaia di esemplari di maiali. Sono loro, infatti, le principali vittime del contagio e gli allevamenti della zona sono costretti ad abbattere il bestiame. La diffusione della malattia mette in ginocchio decine di aziende oltre ad interrompere la filiera dei prodotti tipici, come il guanciale di Amatrice, solo per fare un esempio.

Dunque il controllo del territorio e il rispetto di questa ordinanza regionale non è un elemento superfluo, tanto per interrompere le abitudini festaiole delle persone, ma ne va dell’economia della regione e dell’ecosistema naturale. A nessuno sembra interessare e i cartelli affissi all’ingresso dei parchi sortiscono l’effetto contrario: danno l’idea che a Roma tutto è permesso e che ciò che viene deciso dalle istituzioni è come una grida manzoniana, quella che terminava con la frase ridicola e disattesa da chiunque “Sua Eccellenza è risoluta di voler essere obbedita da ognuno

 

 

Condividi:

3 risposte

  1. La questione centrale resta sempre la stessa: il ruolo della Polizia Locale a prescindere dalla questione specifica. Se non si torna ad avere un corpo di che riprenda il controllo del territorio per le tante questioni che affliggono la città non ne usciremo mai.
    Pare però che non si possa mettere mano o, almeno, che nessuno abbia il coraggio di farlo.

    1. Sono perfettamente d’accordo con Lei, occorrerebbe una ampia riforma della Polizia Locale ma chi ci mette mano si brucia.Si parla di decenni di posizioni di privilegio per molti componenti del Corpo, ognuno negli anni si è costruito il suo orticello chi lo va a cancellare? Nessuno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Roma non vuole sentire parlare di vuoto a rendere. Eppure il vetro è ricchezza. Laddove non arrivano le #istituzioni ci pensano i privati: le aziende che già lo adottano. I dati sugli enormi risparmi energetici frutto del recupero delle bottiglie. 👇📰 diarioromano.it/roma-non-vuole…

Lavori su Corso Francia a partire dalle 18.30. Follia pura! Ieri sera, il viadotto e corso Francia sono stati ridotti ad un’unica corsia già dalle 18.30 per rifare l’asfalto. Il traffico in tilt in tutto il quadrante. Sono lavori da svolgersi la notte!!! #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Lavori su Corso Francia a partire dalle 18.30. Follia pura!

Ieri sera, il viadotto e corso Francia sono stati ridotti ad un’unica corsia già dalle 18.30 per rifare l’asfalto. Il traffico in tilt in tutto il quadrante. Sono lavori da svolgersi la notte!!!
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/W0RDaYhQ1x

Invasioni continue e spropositate, tutte amorevolmente servite dagli agenti della @PLRomaCapitale per i motivi poco commendevoli che a suo tempo @reportrai3 ha ottimamente spiegato. twitter.com/stormi1904/sta… Retweeted by diarioromano

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close