Se ne fregano della cultura però ridono

Nessun commento

Della serie “cos’avrete mai da ridere”, prendiamo la foto che segue dalla pagina twitter del Sindaco Raggi:

 

 

Oltre al Sindaco Raggi ed al vicesindaco, nonché assessore alla cultura, Bergamo la foto mostra il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli.

A parte il ministro che mostra un mezzo sorriso di cortesia, Sindaco e vicesindaco se la ridono della grossa, mostrando un atteggiamento compiaciuto e sbarazzino.

Si direbbero amministratori di una città modello, dove tutto funziona bene tanto da permettersi momenti conviviali con ospiti illustri.

Peccato che le cose non stiano proprio per niente così, in particolare per quanto riguarda la cultura a Roma, con un’assenza di idee desolante ed un degrado che sta squalificando l’immenso patrimonio artistico e culturale di cui siamo immeritati eredi.

 

Per dare un’immagine plastica di come le cose continuino a precipitare a livelli inimmaginabili, ecco un breve video che mostra cosa viene consentito oggi di fronte al secondo monumento più visitato d’Italia, il Pantheon:

 

 

Non bastavano le presenze fisse della chitarra elettrica a tutto volume o del violinista in playback (chiaramente il tipo non sa suonare il violino ma può ugualmente esibirsi davanti al Pantheon) anch’egli a volume stratosferico: a costoro si è ora aggiunto un batterista con tanto di batteria allestita di tutto punto.

Pensate che qualcuno abbia espressamente autorizzato tutto ciò di fronte al Pantheon? Neanche per sogno. Costoro possono fare il proprio comodo in quel luogo così speciale perché il regolamento comunale sull’arte di strada contiene un buco macroscopico: piazza della Rotonda non è inclusa nell’elenco dei luoghi del centro storico meritevoli di tutela, come invece piazza Navona, piazza del Popolo, piazza di Spagna e addirittura piazza Augusto Imperatore, dove mai nessun “artista” sognerebbe di esibirsi.

 

Di una tale incredibile mancanza sono stati informati tutti i livelli istituzionali, dalla presidente della commissione cultura Eleonora Guadagno (colei che si dà alla macchia quando non sa cosa rispondere a domande legittime), all’assessore Bergamo, dalla presidente del Municipio I Sabrina Alfonsi (colei che cura gli interessi del commercio anziché quelli dei propri elettori), al Sindaco Raggi. Peccato che nessuno abbia mai dato un cenno di riscontro o si sia appassionato alla cosa e questo nonostante la sua gravità sia stata in qualche modo attestata anche da media non trascurabili (qui il Corriere della Sera e qui France2).

 

Proveremo ad informare della cosa anche il ministro Bonisoli, hai visto mai che lui riesca a rendersi conto dell’assurdità di quanto mostrato dal filmato e decida di spendersi affinché un luogo come il Pantheon non venga quotidianamente squalificato da pochi pseudo-artisti di strada interessati solo ai lauti (ed esentasse) guadagni che il luogo consente.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

L'area del parco di Conca d'Oro sequestrata dal cantiere metro B1 tornerà ai cittadini dopo 5 anni dalla fine dei lavori. Bene il progetto voluto da @giocaudo e dall'ass. Sanpaolo del III Municipio. #verdepubblico #ambiente. diarioromano.it/?p=38062

Amici di Roma, fate girare per favore Retweeted by diarioromano

test Twitter Media - RT @zuky_meow: Amici di Roma, fate girare per favore https://t.co/TXpi8d2nN0

A Corso Vittorio nel 2016 #ACEA installò una cabina elettrica provvisoria con l’intento si rimuoverla dopo 6/8 settimane. Siamo nel 2020. . #photo #Roma #centrostorico #decoro

test Twitter Media - A Corso Vittorio nel 2016 #ACEA installò una cabina elettrica provvisoria con l’intento si rimuoverla dopo 6/8 settimane. Siamo nel 2020.
.
#photo #Roma #centrostorico #decoro https://t.co/v81dYQFCwK
Video diario
  • I furbi di via Albalonga

    Nonostante gli spartitraffico e le tante battaglie, a via Albalonga rimane una corsia di transito sempre occupata da veicoli in sosta. M.M.

  • Vigili allo sbando

    Garitte dei vigili vandalizzate ovunque, anche le più centrali, segno dell'inconsistenza di un corpo ormai allo sbando G.T.