Scene di ordinaria bruttezza: la stazione Valle Aurelia

 

L’attenzione allo stato delle stazioni per garantire il massimo livello di sicurezza dei passeggeri assicurando al contempo elevati standard di decoro costituisce un caposaldo delle buone pratiche adottate dalle grandi città d’Europa. Solo a Roma accade che le stazioni, pur dotate di impianti di videosorveglianza, siano assalite continuamente dai writers che le considerano enormi vetrine atelier per mostrare i loro nomi di battaglia sottoforma di graffiti. Ricoprendo ogni cosa, dalla segnaletica agli ingressi, dai corridoi ai binari. Rendendo quelle stazioni luoghi squallidi in cui è sgradevole transitare o sostare, perché generano una senso di insicurezza e disagio psicologico.
E’ il caso della stazione Valle Aurelia.
IMG_2115
Valle Aurelia
Situata in zona semicentrale, serve un’area densa di strutture ricettive per turisti, dai residence ai bed & breakfast, trovandosi a breve distanza dal Vaticano. Ed è un’importante snodo di collegamento tra metropolitana, ferrovie regionali e bus di superficie. Un posto del genere merita un decoro all’altezza dei livelli europei. Magari…Oltre alla baraccopoli ricorrente sulle colline di Monte Ciocci – con vista sul traffico di Via Anastasio II – l’edificio della stazione è circondato da una selva di cartelloni pubblicitari che lo cinge d’assedio e gli spazi esterni ricoperti da una teoria infinita di graffiti vandalici.
IMG_2123

 

IMG_2122

 

IMG_2121

 

IMG_2119

 

IMG_2120

 

IMG_2116

 

E se pensate che gli ambienti interni, pieni di telecamere a circuito chiuso, siano rimasti indenni dai graffiti, beh, dovrete ricredervi….

 

IMG_2124

 

IMG_2126

 

IMG_2125

 

IMG_2127

 

IMG_2130

 

IMG_2129

 

Vi pare una stazione degna della Capitale d’Italia nel 2015?

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

2 risposte

    1. Hai ragione anonimo, anche se non l’avevo dimenticata, più che altro la davo per sgomberata. Ma so benissimo che ricompare ciclicamente – e ciò vuol dire che alle prime avvisaglie di occupazione abusiva non si fa nulla per bloccare l’insediamento. E pensare che l’area fa parte di un parco istituito 2 anni fa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

In questa #propaganda si sta superando il limite della decenza e del rispetto verso i cittadini che ogni giorno cercano di denunciare quanto sta accadendo in #città ‼️🗣️📢 ▪️▪️▪️▪️ #Roma #news @HuffPostItalia @SchwarzGuido @MercurioPsi @RiprendRoma @marcolatini19 @francis_rojo_

test Twitter Media - In questa #propaganda si sta superando il limite della decenza e del rispetto verso i cittadini che ogni giorno cercano di denunciare quanto sta accadendo in #città ‼️🗣️📢
▪️▪️▪️▪️
#Roma #news @HuffPostItalia @SchwarzGuido @MercurioPsi @RiprendRoma @marcolatini19 @francis_rojo_ https://t.co/FYiFdr2Bk1

Nel resto d'Europa e d'Italia, gli ex #ospedali psichiatrici offrono bellezza e servizi pubblici. A S.Maria della Pietà, invece, abbandono e #occupazioni abusive‼️🤦🏻‍♂️ La storia di ieri e di oggi. #26maggio #buonagiornata #Roma #news ▪️▪️▪️▪️ 👇📰 diarioromano.it/s-maria-della-…

#Domenica di libertà in era #COVID19 e normalità tornata con tutte le auto in sosta selvaggia al seguito (qui piazza del Popolo). . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - #Domenica di libertà in era #COVID19 e normalità tornata con tutte le auto in sosta selvaggia al seguito (qui piazza del Popolo).
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/94JnXOwEku
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close