Scarpata di via Mascagni: sgombero e bonifica. Durerà?

Ieri Polizia Locale e Ama sono intervenuti nei due insediamenti abusivi a ridosso di viale Somalia. Aiuti per i più bisognosi. Ancora tanti rifiuti nel verde

 

L’ultimo intervento in grande stile da parte delle istituzioni risale al 2015. Da allora, più volte erano stati effettuati allontanamenti di piccoli gruppi di persone ma uno spiegamento di forze come quello di ieri non si vedeva da oltre cinque anni.

Alle 8 del mattino, la Polizia Locale e gli addetti Ama sono intervenuti numerosi per sgomberare la scarpata di via Mascagni, purtroppo abitata da senza fissa dimora e persone disagiate. Una parte del quartiere Africano compresa tra piazza Gondar, viale Libia, viale Somalia e la Tangenziale Est è stata eletta a domicilio di molti rom e rovistatori. La presenza di numerose aree verdi, circondate da una fitta vegetazione, rendono il luogo ideale per nascondere la merce recuperata nei cassonetti e non solo.

 

Le persone, infatti, si addentrano nella boscaglia, portano materassi, reti di letto, bombole del gas e si insediano. Ieri, per effettuare la pulizia, gli uomini Ama hanno tagliato le piante che facevano da schermo portando alla luce oggetti di tutti i tipi. Molti rifiuti sono stati rimossi, altri sono ancora lì perché i camioncini della Municipalizzata non avevano più posto. Torneranno, si spera, per portare via altre masserizie.

 

Dopo l’intervento, siamo entrati nella scarpata e abbiamo trovato una situazione davvero degradata. C’è di tutto da vecchi lavandini a cuscini, giocattoli, guaine di cavi elettrici.

 

Pensare che qui vivano delle persone, esposte al freddo, alle intemperie e senza servizi igienici fa riflettere. Alcuni angoli sono trasformati in latrine e piccole discariche di cibo avariato. L’odore è nauseabondo.

Ringrazio il Nae della Polizia Municipale, l’Ama linea decoro e le forze di polizia per la professionalità con cui hanno eseguito l’intervento“, ha scritto su Facebook Rino Fabiano, assessore all’ambiente del II Municipio. Da lui, dalla presidente Del Bello e dal consigliere Roberto Ferraresi è partita l’iniziativa della bonifica. Da tempo stanno mostrando attenzione alla scarpata. Due mesi fa era stato fatto uno sfalcio di rovi in un tratto abbandonato da anni e pochi giorni fa uno sgombero analogo era stato effettuato dalla parte opposta della Tangenziale Est, sotto Ponte delle Valli.

Il lavoro costante del Comitato Via Mascagni Cittadini Attivi sta dando i suoi frutti. Non solo il parco lineare lungo un chilometro adesso è curato dai volontari, ma il loro impegno ha sollecitato le istituzioni locali ad intervenire con costanza. E occorre riconoscere uno sforzo che in passato non c’era.

Tra le persone sgomberate diversi senza fissa dimora, rovistatori e anche un italiano. La sua storia è stata raccontata ieri dal cronista di RomaH24: l’uomo, di origine sarda, ha seri problemi di alcolismo ma alla vista degli agenti ha chiesto di essere aiutato e curato. E’ stato accompagnato in un centro di recupero. C’è da sperare che possa uscire dal tunnel dell’alcol e certamente non avrebbe ottenuto l’aiuto necessario se ieri non fosse stato effettuato lo sgombero.

L’allontanamento di queste persone, infatti, non va visto solo come un’operazione di decoro ma anche di assistenza per chi ha davvero voglia di essere aiutato. Ovviamente chi preferisce vivere di espedienti continuerà a farlo altrove, ma c’è sempre qualcuno che non aspetta altro che una mano tesa. Purtroppo in un momento difficile come quello che sta vivendo l’Italia, con la scarsità di lavoro già cronica e ora aggravata dalle chiusure volute dal Governo per il virus, chi era ai margini ha ancora meno possibilità di recupero. Ecco perché non dobbiamo girarci dall’altra parte quando vediamo accampamenti e insediamenti.

C’è poi il tema decoro, non da sottovalutare, ma ovviamente viene in secondo piano rispetto alla dignità di vita delle persone. I residenti, però, sono esasperati. Ad ogni ora del giorno vedono gruppi di recuperanti che entrano e escono dalla scarpata carichi di materiale. Bivaccano nel giardino sovrastante il parcheggio posto all’angolo con viale Somalia e lì lasciano resti di cibo e bottiglie. Tenere pulita l’area da parte dei volontari è una fatica impossibile.

Ora che lo sgombero è stato effettuato, c’è da sperare che in poche settimane la situazione non torni quella di prima sia per la dignità di queste persone, sia per la tranquillità dei residenti della zona.


Sullo stesso tema

Oggi tutti a via Mascagni per una pulizia straordinaria dei giardini – Diarioromano

I volontari di via Mascagni, speranza per la città – Diarioromano

A via Mascagni nasce il Comitato contro il degrado. La scarpata piena di rifiuti – Diarioromano

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Talenti: avviso artigianale di gettare rifiuti altrove. Residenti disperati, chiedono ai concittadini di portare l’immondizia in altri cassonetti limitrofi. Sembra, però, senza successo... #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Talenti: avviso artigianale di gettare rifiuti altrove.

Residenti disperati, chiedono ai concittadini di portare l’immondizia in altri cassonetti limitrofi. Sembra, però, senza successo...
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/TXM3fo1x1y
test Twitter Media - Talenti: avviso artigianale di gettare rifiuti altrove.

Residenti disperati, chiedono ai concittadini di portare l’immondizia in altri cassonetti limitrofi. Sembra, però, senza successo...
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/TXM3fo1x1y

#Fascisti su Marte, #Antifascisti sulla Luna! Dopo aver tollerato per anni movimenti di estrema destra, si sfrutta il caso di piazza del Popolo per fini strumentali. Ecco perché la mozione di scioglimento di #ForzaNuova è sbagliata... 👇📰 diarioromano.it/fascisti-su-ma…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close