Ryder Cup: la Tiburtina rischia di farci fare una pessima figura

E' tutto pronto per il più importante evento di golf al mondo tranne il raddoppio della consolare. Va terminato entro settembre 2023 ma i lavori proseguono da 12 anni

 

Era il 14 dicembre del 2015 quando all’Italia venne assegnata la Ryder Cup. Nella foto qui sopra l’entusiasmo del presidente del Coni Malagò, di Franco Chimenti della Federazione Italiana Golf e di Laura Biagiotti. Per Roma è un evento eccezionale con un ritorno economico di notevole entità.

Subito il Club Marco Simone, di proprietà della famiglia Biagiotti, si mette al lavoro per preparare uno dei più bei campi 18 buche d’Europa. I terreni vengono dissodati e rifatti completamente, i 150 ettari che si estendono intorno ad una torre risalente all’anno mille prendono nuova vita. I lavori non si fermano mai, perfino durante il primo lockdown quando verranno abbattuti i piloni dell’alta tensione che deturpavano la vista e l’immagine del campo.

 

Il risultato è un ambiente eccellente che non farà sfigurare la nostra città. Realizzati con criteri ecosostenibili, il 18 buche e il 9 buche sono ora ad altissimo livello sportivo e godono di una vista su Roma che permette di ammirare la Cupola di San Pietro.

 

Ma per arrivarci occorre percorrere la via Tiburtina, il cantiere di raddoppio più eterno e lungo d’Italia. In proporzione rispetto ai chilometri, più lento perfino della Salerno-Reggio Calabria. Uno scandalo che fa riflettere sulle tante promesse relative alle opere del Pnrr che si dovrebbero concludere entro il 2026.
Il cantiere iniziò nel 2009, durante l’amministrazione Alemanno, e oggi la parte completata è solo una piccola porzione. Tutto il resto è ancora da fare. La sindacatura Raggi ha visto procedere solo piccolissimi tratti. Gualtieri ha capito che perderà la faccia se la stampa internazionale e i campioni sportivi saranno costretti a transitare in mezzo alle ruspe e sta cercando di dare una svolta.

L’assessora ai Lavori Pubblici, Ornella Segnalini, ha già incontrato l’impresa tre volte ma gli operai restano desolatamente pochi. “Avevano promesso di impiegarne almeno 30″, ha dichiarato la Segnalini, registrando le scarse reazioni da parte della ditta.

Nelle foto che seguono potete vedere la situazione in questi giorni. Sono state scattate alle 15.00, orario in cui il cantiere dovrebbe essere in piena attività e invece, quasi nessun operaio era all’orizzonte, tranne in un punto.

 

L’assessore Segnalini ha diffuso un cronoprogramma dei lavori secondo il quale il raddoppio sarà terminato in tempo per la manifestazione sportiva. Anche il presidente del Municipio IV, Massimiliano Umberti, ha dichiarato il proprio impegno a seguire il cantiere da vicino per arrivare alla conclusione del 95% degli interventi previsti entro l’avvio del torneo di Golf.

Ma ad oggi è difficile dire che la tempistica verrà rispettata davvero. Quest’opera ci ha abituato ad un continuo stop and go, con lunghissimi intervalli.

Uno degli imprevisti più rilevanti è stata la scoperta di reperti archeologici che hanno richiesto un intervento della Sovrintendenza, come sempre molto lungo e farraginoso. Poi il fallimento di una delle aziende vincitrici dell’appalto e poi la solita inefficienza burocratica.

Roma può permettersi di fare una pessima figura agli occhi del mondo costringendo i partecipanti a percorrere una strada piena di buche e cantieri? Ovviamente no, soprattutto se si pensa che l’indotto di questa manifestazione sarà molto elevato. Un’indagine condotta da Sports Marketing Surveys ha rivelato che il 31% dei britannici, il 56% dei francesi, il 71% degli svedesi e il 76% dei tedeschi potrebbero venire a giocare a Golf in Italia nei prossimi cinque anni. A condizione che la Ryder Cup sia un successo.

La vacanza di un golfista è una manna per la città. La spesa pro capite generata dai turisti di golf è di circa 230 euro al giorno, tre volte superiore a quella di tutti gli altri turisti. L’importante torneo potrebbe essere il volano per la nascita di molti posti di lavoro e di nuove attività nel settore ricettivo/turistico e perdere una occasione di questo tipo per l’incapacità di terminare una strada è davvero suicida.

Nei prossimi giorni è previsto un sopralluogo del Sindaco Gualtieri. Ci metterà la faccia e – speriamo – il massimo impegno.

 

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Perché @PLRomaCapitale non dedica un paio dì pattuglie in bici al controllo delle ciclabili? Che fine hanno fatto i mezzi a due ruote periodicamente sfoggiati nelle parate? @gualtierieurope twitter.com/marcolatini19/…

L’inutilità dei vigili agli incroci: a viale Manzoni-via Emanuele Filiberto tengono fermi due bus al semaforo per 4/5 minuti, a via Merulana non gestiscono veicoli che bloccano i bus. C’è qualcuno che gli spiega come comportarsi o improvvisano?

Forse qualcuno dovrebbe spiegare all'architetto che il muro non serve a cingere il giardino bensì proprio a crearlo, ossia a contenere la terra dove mettere le piante. Quello che doveva essere un parcheggio interrato è venuto un po' fuori terra e da qui la necessità del muro. twitter.com/rep_roma/statu…

Piano per la #mobilità durante le festività natalizie: il migliore da molti anni, nonostante qualche ombra. Per la prima volta viene prevista l'attivazione fissa delle #ZTL e i collegamenti con alcuni parcheggi... 👇📰 diarioromano.it/piano-per-la-m…

#Domenica di giochi a villa Ada per i bambini. La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto

test Twitter Media - #Domenica di giochi a villa Ada per i bambini.
La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto https://t.co/H3ClE8Wsnz
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close