Roma, i malati non Covid restano senza letto negli ospedali

Il paradosso dei reparti Covid con posti liberi mentre circa 300 persone al giorno sono in attesa di essere curate per altre patologie. "Riaprire alle patologie tradizionali"

 

Continuiamo a insistere sull’emergenza sanitaria dei malati non Covid,  seria quanto quella della pandemia ma della quale si parla troppo poco.

Nelle prime ore del 2021, i dati che arrivano dai principali ospedali romani sono molto gravi per tutte le malattie tradizionali e più rassicuranti per i ricoveri da Coronavirus.

Ieri mattina al San Camillo, il pronto soccorso non riusciva a smaltire i 93 pazienti in attesa di cure. Il San Giovanni ne vedeva in coda 60 e 34 il San Filippo Neri.

In serata al Sant’Eugenio 41 persone erano alla ricerca di un letto e 50 al Gemelli. “Al Policlinico Casilino la situazione è critica – spiega il responsabile del Pronto Soccorso, dottor Adolfo Pagnanelli – abbiamo molti posti Covid liberi ma non possiamo usarli per gli altri malati. Il numero dei pazienti non Covid supera quello dei positivi“.

Il piano annunciato dalla Regione Lazio per aperture a soffietto di reparti attualmente sbarrati non sembra essere entrato ancora nel vivo.

Sia le strutture pubbliche che quelle convenzionate non dedicano abbastanza attenzione agli altri pazienti con un numero enorme di prestazioni non erogate: oltre 700 mila stando ai dati comunicati dalla Regione. E non si tratta di malattie minori ma di screening oncologici e cardiaci.

Ci sono poi 600 mila interventi chirurgici definiti “non urgenti” che, dopo essere stati rinviati, dovranno essere smaltiti e non si sa come farlo se gli ospedali continuano a tenere chiusi i reparti.

Preoccupato il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Antonio Magi che parla di ” deficit di sanità per i malati cronici come vera grande eredità del Covid. Quasi 2 milioni di pazienti non si stanno curando e pagheremo cari questi ritardi”. 

 

L’art. 29 del cosiddetto “Decreto Agosto” stanziava quasi 500 milioni di euro per abbattere le liste di attesa e chiedeva alle Regioni di presentare al Ministero della Salute un piano per recuperare le prestazioni non erogate. Parliamo di ben il 40% dei ricoveri ospedalieri in meno rispetto al 2019 e di una riduzione del 36% delle prestazioni di specialistica ambulatoriale.

Il Lazio, che ha convertito in Covid 5.300 posti letto, si trova adesso a non avere più spazio per gli altri malati. Il Presidente Zingaretti ha firmato un accordo con le strutture private per  spostare nelle cliniche molti interventi urgenti. L’obiettivo è fare 300/400 interventi al mese, senza far pagare al paziente ma mantenendo il costo a carico del Servizio Sanitario Regionale.

Al momento, però, sono poche le operazioni davvero svolte nelle cliniche mentre in ospedale le sale operatorie restano a mezzo servizio. Così si è creato un collo di bottiglia che i pronto soccorso non riescono più a smaltire.

La solita retorica del “modello Italia” nella gestione della pandemia si scontra con una realtà fatta di disorganizzazione e pressapochismo. Nella gran parte dei paesi europei si è deciso di convertire interi ospedali in strutture Covid e lasciare agli altri la gestione delle patologie tradizionali. Nel Lazio, il miscuglio di reparti ha creato un caos incredibile. Un ospedale come il Pertini, un po’ Covid e un po’ no, non riesce a fare bene nessuna delle due attività, con sale operatorie a mezzo servizio e interi reparti senza malati.

La Federazione Foce, che riunisce centinaia di oncologi, ematologi e cardiologi, lo aveva chiesto da tempo: netta separazione fra ospedali Covid e non Covid. L’appello è rimasto inascoltato e adesso a pagarne le spese sono i malati che si trovano sbattuti su una barella in attesa di un letto che non si trova.

 


Per approfondire:

  1. Incontro Foce_Governo. Gli otto punti per assicurare la continuità di cura ai pazienti oncologici, cardiologici ed ematologici (Ass. Oncologia Medica)
  2. La sanità abbandona i malati non Covid: sale operatorie e reparti chiusi (diarioromano)
  3. Lazio i malati non Covid senza posto. I medici: “Non sappiamo dove ospitarli” (il Messaggero)

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni. I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Nuovi attrezzi per lo sport al giardino Don Baldoni.

I vecchi moduli, ormai vetusti, verranno smontati prossima settimana dal Municipio. L’area, parte del parco di Villa Chigi, è servita anche da una rete di pallavolo.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Y4oMqVH7Af

@diarioromano twitter.com/bikediablo/sta… Retweeted by diarioromano

Chiaramente non si tratta di pochissimi episodi isolati ma di un fenomeno che in qualche modo va affrontato. Se @gualtierieurope volesse porlo all'attenzione del Comitato Provinciale di Sicurezza ... twitter.com/Pino00895828/s…

Considerato il ruolo ricoperto e la sconsideratezza del gesto, in una città normale le dimissioni sarebbero molto appropriate. Ma nella Roma del 2022, per di più reduce da 5 anni di M5S alle vongole, anche in questo caso non accadrà nulla. twitter.com/gianluigidella…

Ex Circolo degli artisti: l’edificio comunale chiuso dal 2015, in totale abbandono. Per 18 anni non fu pagato l'affitto al #Campidoglio e nessuno fece controlli. La storia di possibili #corruzioni e strani legami con la politica 👇📰 diarioromano.it/ex-circolo-deg…

Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70. Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno. #Roma

test Twitter Media - Dopo i furti di ruote, i finestrini spaccati: Roma torna agli anni ’70.
Sul marciapiede i segni dei finestrini spaccati, come accadeva negli anni ’70 per rubare le autoradio. Siamo in lungotevere dei Pierleoni, che più centro non si può, ma anche qui è terra di nessuno.
#Roma https://t.co/bWAzrBRnwB
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close