Riuso di immobili abbandonati: una speranza

Nella nostra rubrica “Città in rovina” abbiamo descritto la situazione di molti immobili pubblici lasciati andare in rovina per non utilizzo (esempi qui, qui e qui). E purtroppo di molti altri continueremo a parlarvi, considerato che l’incapacità delle istituzioni di gestire il patrimonio immobiliare sembra peggiorare ogni giorno di più.

Nella stessa rubrica ci siamo anche occupati in diverse occasioni di immobili di proprietà pubblica ma occupati illegittimamente con la scusa dell’emergenza abitativa. Come abbiamo chiarito ogni volta, noi non siamo contrari a priori ad iniziative anche di occupazione che servano a denunciare lo spreco di risorse ed il degrado in cui si lasciano tanti beni pubblici; ma quando le occupazioni si protraggono nel tempo, divenendo esse stesse elemento di grande degrado e pericolo, per gli occupanti e per tutti gli altri cittadini, a nostro avviso esse devono essere fatte cessare con fermezza.

E’ quindi con indubbio favore che prendiamo atto di un’iniziativa che speriamo potrà aiutare a trovare una sistemazione decorosa e legale alle tante situazioni di immobili in rovina della città.

Si tratta di un protocollo d’intesa firmato tra Agenzia del Demanio, Cittadinanzattiva e ANCI sul tema del riuso degli immobili pubblici abbandonati. Di seguito il comunicato stampa rilasciato qualche settimana fa.

 

riuso

COMUNICATO STAMPA

 

RIUSO IMMOBILI PUBBLICI: AL VIA PROGETTO PER COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONI

 

Agenzia del Demanio, Fondazione Patrimonio Comune (ANCI) e Cittadinanzattiva Onlus hanno firmato Accordo per l’avvio e l’attuazione di iniziative di collaborazione tra cittadini e amministrazioni per il riuso di spazi abbandonati

 

Roma, 15 ottobre 2015 – Per favorire iniziative di riuso degli immobili pubblici, così come prevedono gli articoli 24 e 26 dello Sblocca Italia (D.L. n. 133/2014), è stato firmato oggi un Protocollo d’intesa tra Roberto Reggi, Direttore dell’Agenzia del Demanio, Antonio Gaudioso, Segretario Generale di Cittadinanzattiva Onlus e  Alessandro Cattaneo, Presidente di Fondazione Patrimonio Comune (ANCI).

Grazie a questa firma,  si avvia un progetto pilota finalizzato alla promozione di iniziative di collaborazione tra cittadini e amministrazioni, al fine di recuperare immobili inutilizzati e spazi abbandonati, come beni comuni capaci di generare processi virtuosi di sviluppo culturale, sociale ed economico.

Sarà così possibile coinvolgere la cittadinanza su iniziative volte alla rivitalizzazione urbana, che promuovano l’interesse generale, in particolare la tutela dei diritti, la cura dei beni comuni come ad esempio cultura e arte e il sostegno delle categorie sociali svantaggiate. Il tutto nel quadro dell’attuazione dell’ultimo comma dell’articolo 118 della Costituzione, che stabilisce che Stato, Regioni, Province, Città Metropolitane e Comuni favoriscono l’autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio della sussidiarietà.

L’intesa prevede, inoltre, la segnalazione e catalogazione di beni appartenenti al patrimonio immobiliare pubblico al fine di favorirne il riuso. Il progetto incentiva lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali e l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro.

L’obiettivo è quello di  individuare le modalità per  rigenerare il patrimonio immobiliare pubblico, diffondere  metodi che favoriscano la coesione sociale delle comunità locali impegnando i cittadini singoli ed associati nei progetti per il territorio.

I firmatari, attraverso i principali canali di comunicazione e tramite l’organizzazione di incontri, diffondono le esperienze di partecipazione attiva intraprese sul territorio, coinvolgono i soggetti pubblici e privati potenzialmente interessati ai nuovi progetti e rendono disponibili fonti di finanziamento di natura etica per le l’avvio di specifiche iniziative.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Coronavirus: per smorzare la paura i #meme più esilaranti. Tra possibili #lockdown e #coprifuoco, non manca chi riesce a fare gustosa ironia. E ridere è la cura migliore. #25ottobre #coronavirus ▪️ 👇📰 diarioromano.it/coronavirus-pe…

Oggi alle 12:00 allo sparo del cannone flash mob al Gianicolo, sotto il monumento di Garibaldi, per denunciare il #degrado in cui si trova da oltre 2 anni. #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - Oggi alle 12:00 allo sparo del cannone flash mob al Gianicolo, sotto il monumento di Garibaldi, per denunciare il #degrado in cui si trova da oltre 2 anni.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/G06alSEBHi

L'imbarazzante #appalto del Comune per smistare la #cancelleria. Dopo la denuncia del Messaggero, abbiamo cercato tra le pieghe del bando per il nuovo personale. 635 mila euro che potevano essere spesi meglio. #Roma #24ottobre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/alla-ricerca-d… Retweeted by diarioromano

L'imbarazzante #appalto del Comune per smistare la #cancelleria. Dopo la denuncia del Messaggero, abbiamo cercato tra le pieghe del bando per il nuovo personale. 635 mila euro che potevano essere spesi meglio. #Roma #24ottobre ▪️ 👇📰 diarioromano.it/alla-ricerca-d…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close