Riceviamo e pubblichiamo – Al Pantheon Pink Floyd fissi

Dell’invasività degli artisti di strada ce ne siamo occupati più volte, qui la collezione completa dei pezzi sul tema (praticamente uno al mese).

Ora abbiamo ricevuto un breve video con l’esibizione che, ci dicono, avviene quotidianamente al Pantheon, tutti i giorni le stesse musiche allo stesso esagerato volume.

A costo di apparire ripetitivi, ma siamo solo noi a ritenere inaccettabile che non sia possibile fruire di un monumento come il Pantheon senza un sottofondo musicale così invadente?

Peraltro andando a verificare la normativa abbiamo scoperto che piazza della Rotonda non è inclusa nella lista dei luoghi tutelati dove, ad esempio, non possono essere utilizzati gli amplificatori (cosa che ad esempio avviene a piazza del Popolo). Come il promotore del regolamento vigente possa aver mancato di tutelare il Pantheon è cosa che sfugge alla comprensione, ma d’altronde è il testo nel suo complesso ad essere di un’inutilità imbarazzante.

Sappiamo di associazioni locali che da anni si battono per cercare di limitare l’invasività di certi artisti di strada e probabilmente si dovrà aspettare un nuovo regolamento che disciplini la materia in maniera adeguata per risolvere i problemi.

Nel frattempo però sarebbe il caso che situazioni eclatanti come piazza della Rotonda venissero sanate da un intervento del Municipio, che potrebbe vietare completamente le esibizioni, o del commissario Tronca, che potrebbe inserire la piazza tra i luoghi tutelati.

A nostro avviso il primo che dovrebbe avvertire l’urgenza di uno di questi interventi è comunque il ministro Franceschini, che peraltro ha l’ufficio a pochi passi da piazza della Rotonda, al quale basterebbe una telefonata per convincere la presidente Alfonsi o il commissario Tronca a restituire il giusto rispetto al Pantheon.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

  1. Ao, gli unici che ve lamentate siete voi. Su youtube è pieno di turisti contenti che apprezzano il pantheon e contemporaneamnte apprezzano il chitarrista.
    La pace si otterrà quando coglioni come voi staranno zitti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Uno scomposto presidente Coia. Grande nervosismo mostrato dal presidente @AndreaCoiaM5S che forse comincia a rendersi conto delle responsabilità sue e della sua amministrazione nel caos del #commercio cittadino. #Roma #2luglio #news @RiprendRoma ▪️ 👇📰 diarioromano.it/uno-scomposto-…

P.za del Popolo un tempo era un enorme parcheggio di automobili. A distanza di anni è ora divenuta il luogo dove lasciare decine di #monopattini in #sharing. Non è la stessa cosa ma siamo sicuri che sia da trattare così uno dei luoghi più preziosi di #Roma? 📸

test Twitter Media - https://t.co/RBM7rmB5wV del Popolo un tempo era un enorme parcheggio di automobili. A distanza di anni è ora divenuta il luogo dove lasciare decine di #monopattini in #sharing. Non è la stessa cosa ma siamo sicuri che sia da trattare così uno dei luoghi più preziosi di #Roma?
📸 https://t.co/iZNmBbD1OA

Se @Sabrinalfonsi volesse rincuorare tutti mostrando un progetto che migliori via Sistina ne saremmo piacevolmente stupiti, ma temiamo proprio che ciò non accadrà. twitter.com/diarioromano/s…

Il Municipio I si accinge a rifare via Sistina ma sembra senza modificarne la struttura, lasciando così due marciapiedi ridotti ed una carreggiata che consente la sosta in doppia fila. Verso un nuovo spreco di soldi #pubblici? 💵 #Roma #1luglio ▪️ 👇📰 diarioromano.it/rifacimento-di…

Ogni giorno, a qualunque ora, ecco lo spettacolo di ponte Cestio pieno di auto in divieto! Sul ponte transitano spessissimo ambulanze e le auto parcheggiate creano problemi e ritardi. (Marco) . #Roma #foto #lettori 📸

test Twitter Media - Ogni giorno, a qualunque ora, ecco lo spettacolo di ponte Cestio pieno di auto in divieto! Sul ponte transitano spessissimo ambulanze e le auto parcheggiate creano problemi e ritardi. (Marco)
.
#Roma #foto #lettori 📸 https://t.co/5kENSvpX2V

Avevamo segnalato l'allarme della #Caritas già agli inizi di maggio‼️I dati sono in continuo aumento, si teme un +15% nei prossimi mesi. A #Roma serve subito una #politica di intervento 🗣️📢.

test Twitter Media - Avevamo segnalato l'allarme della #Caritas già agli inizi di maggio‼️I dati sono in continuo aumento, si teme un +15% nei prossimi mesi. A #Roma serve subito una #politica di intervento 🗣️📢. https://t.co/vaL67ypZtQ
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close