Recinzioni al plexiglass: persa la trasparenza nascondono monumenti e bellezza

Nessun commento

Premettiamola noi la facile obiezione all’argomento di questo post: i problemi a Roma sono altri. Il che è vero, ma l’enorme degrado che attanaglia la città è fatto anche di tanti piccoli pezzetti che presi uno ad uno parrebbero insignificanti ma messi insieme creano l’immagine di Roma che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni.

Via Petroselli

Via Petroselli

Parliamone allora delle recinzioni di molte aree archeologiche, a largo Argentina ad esempio, in via Petroselli o in piazza del Colosseo, quelle metalliche fatte a croce di S. Andrea. Si tratta di una recinzione tradizionale del centro storico di Roma, che però diversi anni fa (epoca Rutelli?) ha visto l’aggiunta di lastre di plexiglass o policarbonato. Arguiamo che il motivo possa essere stato di sicurezza, giacché tali recinzioni limitano in genere degli scavi, posti a quota ben più bassa, e quindi col rischio di cadervi dentro; un bambino vi può infatti passare facilmente attraverso e quindi precipitare al di sotto.

Il problema è che queste lastre si sono velocemente deteriorate, per processo naturale ma soprattutto a cura dei soliti minus habens, di cui evidentemente Roma pullula, che le hanno vandalizzate in vario modo, per cui la trasparenza del materiale si è ormai completamente persa. La vista sugli scavi è quindi resa impossibile e l’immagine che ora rendono queste recinzioni all’intero luogo in cui insistono è notevolmente sgradevole e sciatta.

Foro Romano

Foro Romano

Teatro di Marcello

Teatro di Marcello

Cattura

Via delle Botteghe Oscure

 

Questo piccolo ma significativo elemento di degrado è presente ormai da diversi anni ma pare che tutti ci abbiano fatto l’abitudine, non ricordando noi articoli o discussioni al riguardo. Si tratta probabilmente dell’ennesimo pezzettino di decoro che si è perso nell’indifferenza generale, archiviato come una delle tante cose che “a Roma funziona così”, il cui stratificarsi ha però disegnato un’immagine della città che sempre più cittadini giudicano inaccettabile, e noi con loro.

Come abbiamo premesso, questo non è certamente uno dei più gravi problemi della città, ma d’altro canto appare di facile soluzione, solo che qualcuno lo mettesse in lista. Vi sono ad esempio le recinzioni utilizzate su via dei Fori Imperiali che potrebbero sostituire man mano quelle con i pannelli (non più) trasparenti, con un risultato che siamo sicuri sarebbe notevolmente apprezzato da tutti, turisti ma soprattutto cittadini romani che ci tengono veramente al decoro ed al prestigio della loro città.

Foro di Traiano

Foro di Traiano

Da ultimo, a chi inviare la segnalazione? Sarà anche questo un compito per il sempre più onnipresente assessore Pucci? Proviamoci!

In: Decoro, Temi

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Incendio sulla Tangenziale est altezza viale Etiopia. Traffico paralizzato. Tangenziale chiusa in direzione S. Giovanni.

test Twitter Media - Incendio sulla Tangenziale est altezza viale Etiopia. Traffico paralizzato. Tangenziale chiusa in direzione S. Giovanni. https://t.co/O4h4jebaIH

Ma infine il @PD_ROMA riesce a dirla una parola chiara sui PMO? La posizione ufficiale è quella di @Sabrinalfonsi, che li sta smontando, o di @OrlandoCorsetti che invece ne difende l'utilità? C'è nessuno da quelle parti @andcasu @giuliopelonzi @bobogiac? twitter.com/diarioromano/s…

Giorni contati per l'immondo suk davanti al Policlinico Umberto I e di via Ravenna. Le bancarelle presto spostate in via Lancisi. @Delbellotw ha dovuto ricollocarle dopo l'intervento del Prefetto. diarioromano.it/?p=34945

#ATAC 8.giu.2018. Un autobus linea 881 va a fuoco 🔥🚌🔥 a Piazza Pio XI. La carcassa viene lasciata nella rimessa Magliana, in attesa di rottamazione. Un anno dopo qualcuno dal vicino campo rom gli da fuoco, forse per recuperare metalli. Ma la Sindaca si inventa una storiella.. Retweeted by diarioromano

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.