Quelle microcar rumorose che impediscono di riposare

Una petizione nel II Municipio per chiedere ai Vigili più attenzione sulle marmitte truccate e musica a tutto volume. A Roma un terzo delle macchinette italiane

“I Parioli si ribellano alle microcar” titolava qualche giorno fa RomaToday riportando la notizia di un appello-petizione al II gruppo della Polizia Locale. Ma il fenomeno del rumore assordante prodotto dalle macchinette non riguarda solo quel quartiere ed è molto diffuso in tutto il quadrante nord della capitale, da Vigna Clara a corso Trieste, da Corso Francia al Nomentano.

Nella cosiddetta “Roma Bene”, i residenti ne hanno le scatole piene. Ad ogni ora del giorno e soprattutto della notte, si sentono sfrecciare queste piccole bombe smarmittate che producono un altissimo livello di decibel. E si aggiunge spesso un impianto stereo modificato che rende la microcar una discoteca itinerante.

Foto da Tagadà (la7)

 

Non accusateci di essere bacchettoni e vecchi (tutto al più solo la seconda) ma il rispetto delle regole e degli altri deve partire proprio a quindici anni, altrimenti si cresce con l’idea che tutto è lecito. E le conseguenze nella nostra città sono evidenti.

Il gruppo di Fratelli d’Italia del II Municipio ha inviato un sollecito alla Polizia Locale e ai Carabinieri: “Il riposo del quartiere è disturbato con un assordante rumore al di sopra della soglia di tollerabilità“, scrivono nell’appello. Troppe volte le forze dell’ordine fingono di non sentire, ma devono davvero fingere perché non avvertire il frastuono di decine di macchinette che passano sotto le finestre ad ogni ora è davvero impossibile.

Forse più che rivolgersi direttamente alle Forze dell’Ordine, i firmatari avrebbero dovuto coinvolgere la Sindaca perché è lei che dà il mandato ai Vigili di intervenire prioritariamente a contrasto di un certo fenomeno. Ed è evidente che la Raggi di questo non si è mai occupata, altrimenti non si spiegherebbe il proliferare delle modifiche su queste vetturette.

L’origine dell’intervento da parte dei ragazzi o dei meccanici deriva dall’aumento della velocità massima raggiungibile. Secondo i limiti imposti dalla normativa non dovrebbe superare i 45km/h ma dopo una piccola modifica si arriva facilmente a 70. Non solo il mezzo diventa più pericoloso ma soprattutto più rumoroso. Per i ragazzi è anche una sorta di sfida a chi ha la marmitta più allentata e provoca il frastuono maggiore.

Parliamo di mezzi che costano circa 12/13 mila euro, quindi una cifra alta non alla portata di tutti. Le modifiche spesso sono assai costose, anche nell’ordine di 3/4 mila euro, per cui è ovvio che c’è la complicità dei genitori. Ed è sul loro portafoglio che occorre intervenire. Basterebbe elevare multe salate ai ragazzi con macchinetta rumorosa e prevedere anche il sequestro del mezzo fino al ripristino delle impostazioni originali. Non si comprende perché migliaia di persone devono essere costrette a subire la violenza sonora di pochi adolescenti. Gli agenti della Polizia di Roma Capitale si limitano a sanzionare la sosta vietata e il passaggio con semaforo rosso, ma è davvero raro che abbiano fermato una vettura perché troppo rumorosa. Eppure il Codice della Strada è molto chiaro in tema di emissioni sonore e all‘articolo 155 vieta la manomissione della marmitta. Inoltre precisa che gli apparecchi stereo non possono emettere suoni superiori a 60db, altrimenti si configura il reato di “disturbo della quiete pubblica”.

Vi risulta che una di queste microcar sia mai stata multata per questi motivi? Forse una o due volte sarà capitato, ma è evidente che il problema viene derubricato a questione minore. Eppure a Roma non lo è soprattutto per i numeri: nella capitale c’è la più alta concentrazione di minicar d’Italia, quasi un terzo del mercato italiano. E se si pensa che queste migliaia di vetturette sono concentrate in un solo quadrante della città, si comprende come i residenti di quelle zone vivano una violenza insopportabile.

 


Sullo stesso tema

La giungla delle microcar – Diarioromano

La città delle libertà, al volante delle microcar – Diarioromano

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Perché @PLRomaCapitale non dedica un paio dì pattuglie in bici al controllo delle ciclabili? Che fine hanno fatto i mezzi a due ruote periodicamente sfoggiati nelle parate? @gualtierieurope twitter.com/marcolatini19/…

L’inutilità dei vigili agli incroci: a viale Manzoni-via Emanuele Filiberto tengono fermi due bus al semaforo per 4/5 minuti, a via Merulana non gestiscono veicoli che bloccano i bus. C’è qualcuno che gli spiega come comportarsi o improvvisano?

Forse qualcuno dovrebbe spiegare all'architetto che il muro non serve a cingere il giardino bensì proprio a crearlo, ossia a contenere la terra dove mettere le piante. Quello che doveva essere un parcheggio interrato è venuto un po' fuori terra e da qui la necessità del muro. twitter.com/rep_roma/statu…

Piano per la #mobilità durante le festività natalizie: il migliore da molti anni, nonostante qualche ombra. Per la prima volta viene prevista l'attivazione fissa delle #ZTL e i collegamenti con alcuni parcheggi... 👇📰 diarioromano.it/piano-per-la-m…

#Domenica di giochi a villa Ada per i bambini. La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto

test Twitter Media - #Domenica di giochi a villa Ada per i bambini.
La giornata sarà dedicata al #Festival dei Giochi di Strada tra i quali il tiro alla fune, i birilli, la corsa dei sacchi e molto altro. Ingresso da via di Ponte Salario fino al tramonto https://t.co/H3ClE8Wsnz
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Colonna della Pace, in abbandono

Davanti la basilica di Santa Maria Maggiore c’è l’unica superstite delle otto colonne che ornavano la volta della Basilica di Massenzio, lasciata nel degrado con le erbacce ad infestarla.

Leggi l'articolo »

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close