Sulla questione del “Vivi Bistrot” di Villa Pamphili qualcosa non torna. Una settimana fa abbiamo lanciato insieme a molte altre testate l’appello a firmare la petizione per bloccare la delibera dello sgombero della struttura.

La concessione era scaduta nel 2015, i proprietari hanno sempre cercato di contattare l’amministrazione chiedendo di aprire un nuovo bando (3 novembre 2016, 24 settembre 2018). L’amministrazione da una parte ha negato il rinnovo chiedendo la riconsegna del bene entro 30 giorni, dall’altra non ha avviato nessun nuovo bando di assegnazione, nonostante esista una delibera della Giunta Marino (140/2015), che prevede proprio l’indizione di un nuovo bando per la riassegnazione del bene del “Dipartimento del Patrimonio”.

Dopo la mobilitazione dei cittadini e la raccolta firme di Charge.org (34mila firme raggiunte fino ad oggi), il consiglio comunale ha approvato a maggioranza la sospensione dello sgombero in attesa di un nuovo bando.

Quello che però lascia perplessi è il fatto che i proprietari abbiano continuato a pagare il canone mensile di 3,500 euro, nonostante la concessione fosse scaduta. Il canone di affitto è stato versato con puntualità tutti i mesi, come si evince dai bollettini regolarmente emessi dal Comune di Roma (canone di affitto, si badi, non agevolato, ma frutto della stima calcolata da un geometra ufficiale inviato dal Patrimonio nel 2010). Il Comune ha così incamerato 42mila euro all’anno, 170mila euro in quattro anni.

Inoltre, i proprietari di “Vivi Bistrot”, in dieci anni, si sono fatti carico di tutti i lavori di rifacimento dello stabile per un esborso di 300mila euro (tutti documentabili), sebbene questi fossero di competenza della proprietà e cioè del Comune di Roma. La domanda quindi che ci poniamo è la seguente: è possibile per un ufficio pubblico intascare un canone mensile nonostante il contratto (6+6) fosse scaduto? È possibile percepire 42mila euro all’anno dopo aver notificato nel 2015 che i “termini di affitto” erano scaduti? Cosa ancora più assurda è il fatto che dal 2018 “Vivi Bistrot” accoglie il recupero dei carcerati “nella cura del verde pubblico”, nonostante nel 2016 gli fosse stato intimato nuovamente lo sgombero. Una parte dello Stato, quindi, collabora attivamente con la struttura, riconoscendone l’utilità per i cittadini, un’altra parte ne chiede la chiusura.

La questione lascia ancora di più amareggiati nel pensare che il movimento politico “CasaPound” occupa un immobile nel centro di Roma, in via Napoleone III, da ben 15 anni, senza mai pagare un euro di affitto, un danno per l’erario pubblico calcolato dalla Corte dei Conti in 4,6 milioni di euro. Che tipo di parametri, allora, sono stati usati per “Vivi Bistrot”? Perché l’ufficio preposto non ha ascoltato le richieste dei proprietari? Perché non ha messo in atto la delibera della Giunta Marino?

In attesa di risposte più dettagliate da parte dell’amministrazione, segnaliamo che la raccolta firme è ancora attiva, in quanto lo sgombero è stato solamente rinviato.

 


Per chi volesse firmare cliccare qui

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Rinnovabili: l’ambizioso piano di Zingaretti, le utopie e la realtà. Secondo il presidente della Regione, entro il 2050 il Lazio sarà alimentato solo da energia green... 👇📰 diarioromano.it/rinnovabili-la…

Sant’Angela Merici: chiudete la buca. Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra Circ.ne Nomentana e via Sant’Angela Merici. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Sant’Angela Merici: chiudete la buca.
Appello dal quartiere Lanciani: una voragine aperta da oltre due anni è diventata una discarica. Si trova all’angolo tra https://t.co/e5YgpquKdc Nomentana e via Sant’Angela Merici.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gYlcl40gbj

E se i Tredicine restituissero la festa della Befana ai #romani? Col bando del 2017 la festa della Befana di piazza Navona è praticamente morta... 👇📰 diarioromano.it/e-se-i-tredici…

Come stupirsi se poi qualcuno pensa anche di farsi un bagnetto nelle fontane, a soli €400 (ammesso che ti becchino i vigili)? @lorenzabo @gualtierieurope twitter.com/DavideR4632561…

Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio. Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Immarcescibile la sosta selvaggia su ponte Cestio.
Quanto potrà essere difficile difendere un piccolo e centralissimo ponte storico dalla sosta selvaggia? A Roma, su ponte Cestio, la cosa appare impossibile, da sempre.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/qJDaqV5utj

Segnaliamo il commento dell'arch. Paolo Gelsomini, di @carteinregola, sulla delibera di Giunta capitolina che istituisce il laboratorio #Roma050, coordinato dall'arch. @StefanoBoeri. carteinregola.it/index.php/quei…

Gualtieri ha presentato il nuovo piano #rifiuti con obiettivi al 2030. Ma l’oggi? Per conoscere come ridurre e differenziare i rifiuti occorre aspettare il piano industriale di AMA... 👇📰 diarioromano.it/gualtieri-ha-p…

Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo? Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure? #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Stiamo perdendo i pini del Circo Massimo?
Uno dei maestosi pini che bordano il Circo Massimo è ormai secco e un altro sta facendo la stessa fine. Inarrestabili attacchi di parassiti o insufficienti cure?
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/hyqv8r6Xo3
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close