Quattro passi nel delirio del centro storico di Roma

Nessun commento

Racconto di una passeggiata per le strade del centro storico di Roma nel pomeriggio di sabato 1 dicembre, l’ultimo prima dell’inizio ufficiale del periodo natalizio.

 

Avvicinandoci dal lato di ponte Margherita notiamo il solito florilegio di veicoli in sosta un po’ ovunque, zone rimozione e marciapiedi inclusi. Puntiamo decisamente al parcheggio del Galoppatoio, lo troviamo come al solito pieno di posti disponibili e la cosa stimola la seguente domanda: come può tollerare anche il governo capitolino attuale di avere il più grosso parcheggio interrato d’Europa sistematicamente sottoutilizzato e nel contempo mantenere il più grande centro storico del mondo strapieno di veicoli in sosta vietata e mai sanzionati?

 

Percorriamo i tapis rulant che portano verso piazza di Spagna e notiamo la scala mobile in discesa chiusa. Usciamo dal tunnel della metro (all’interno del quale abbiamo trovato la sponsorizzazione H&M un po’ confusionaria ma finalmente decorosa) e prendiamo atto che a pochi giorni dal Natale quella che sarà l’entrata della metropolitana più frequentata della città è ridotta alla metà (e chissà per quanto ancora lo sarà):

 

 

 

Subito fuori il tunnel troviamo la prima offerta commerciale della zona a più alta concentrazione di grandi marche della città, un commercio illegale che anche il sedicente governo del cambiamento (cittadino e, a questo punto, anche nazionale) evidentemente non riesce minimamente a controllare:

 

 

 

Proseguiamo su piazza di Spagna e nella consueta calca di turisti ed acquirenti scorgiamo una grossa autovettura che vi transita tranquillamente in mezzo (alla faccia della sicurezza e del rischio di fare una strage di pedoni).

 

 

 

Passeggiando su via Borgognona incrociamo l’area pedonale di via Bocca di Leone che però è anche un parcheggio a cielo aperto, non si sa se per i clienti dell’hotel, per i soliti finti disabili o per dei normali furbi che sanno che tanto lì mai nessuno gli farà la multa.

 

 

Passiamo per un breve tratto di via del Corso dove le luminarie sono ancora spente ma lo sono anche numerosi lampioni, così come quasi tutta l’illuminazione di piazza S. Lorenzo in Lucina (ma neanche qui l’ACEA riesce a garantire un servizio decente???).

 

 

Arriviamo a piazza Navona dove in pieno pomeriggio del sabato troviamo un cumulo di cartoni che probabilmente aspetteranno di essere raccolti dall’AMA (messi lì probabilmente proprio su indicazione di AMA).

 

 

Anche in piazza Navona, in attesa che inizi l’allestimento della festa della Befana, troviamo un fiorente commercio illegale, con l’aggravante della presenza di una pattuglia della Polizia Locale che mostra di ignorare completamente i banchetti di fortuna.

 

 

Avvicinandoci alla pattuglia notiamo addirittura che gli agenti sono presi dal discutere con un paio di persone ed un ambulante posizionato a pochi metri da loro col suo bravo banchetto di cartone li guarda incuriosito senza mostrare di temere alcunché:

 

 

 

Non abbiamo preso immagini dell’infinità di veicoli in sosta vietata abbandonati in ogni dove a deturpare i luoghi, rendendo spesso impossibile il transito di eventuali mezzi di soccorso.

 

Sappiamo di avere un occhio particolarmente critico e quindi di tendere a notare le brutture anziché godere degli straordinari scenari che Roma offre ad ogni angolo.

È proprio tale concentrazione di bellezza però che ci fa chiedere perché alcune tra le parti migliori della città continuino ad essere abbandonate a furbi e prepotenti con tutti gli altri che devono subirne un pregiudizio.

 

Purtroppo è chiaro che l’attuale amministrazione, sia a livello municipale che comunale, non è attrezzata neanche per notare tutti i problemi descritti, figuriamoci per trovarvi qualche soluzione. Il continuare a denunciarli non è però disfattismo, bensì il continuo grido di dolore di chi non si rassegna a veder sprofondare la propria città.

 

 

P.s.: la sosta nel parcheggio del Galoppatoio ci è costata 4,80 euro, una bazzecola se si considera lo spettacolo che si gode anche solo passeggiando per il centro storico di Roma (con tanto di veloce visita al Caravaggio di S. Agostino).

 

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Pazzesco! La situazione ha da tempo superato il limite del ridicolo ed il governo nazionale non può più far finta di niente con un’amica.ne della capitale così bloccata. Almeno salterà qualche testa questa volta @virginiaraggi? twitter.com/MercurioPsi/st…

C'è una norma per i ristoranti che nessuno controlla mai. Ad un numero di coperti deve corrispondere una certa grandezza della cucina. Serve a garantire la qualità dei piatti serviti. E se in tavolini in strada aumentano i coperti abusivamente che succede? diarioromano.it/?p=30350

Sotto la galleria Turbigo a Termini c'è un mondo di emarginazione che non si risolve mettendo la testa sotto la sabbia. Oltre 30 persone che vanno aiutate e spostate diarioromano.it/?p=30222

Storia di ordinaria follia da sosta selvaggia. Una Smart blocca un intero quadrante del centro. E non ci sono carri attrezzi per rimuoverla. @EnricoStefano @LindaMeleo diarioromano.it/?p=30213

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.