Quale futuro per il Flaminio? Lo progettano gli ingegneri de La Sapienza

Nessun commento

Stadio Flaminio degrado 2

Stadio Flaminio degrado 3

Stadio Flaminio degrado 4

Quello che non riescono a fare gli italiani potrebbero farlo gli americani. Il primo passo viene proprio da loro, dalla Getty Foundation per la precisione, che ha deliberato un finanziamento di 180 mila dollari per individuare il futuro dello Stadio Flaminio.

Da troppi anni il gioiello architettonico progettato da Pierluigi Nervi e dal figlio Antonio è in condizioni di abbandono devastante. Ne parlammo nel febbraio 2016 nella nostra rubrica “Città in rovina”. Da allora non un mattone del Flaminio è stato toccato per cui le fotografie restano drammaticamente attuali. Questa volta, però, si apre una piccola speranza per la salvezza della struttura. Ancora siamo ad un livello puramente progettuale, intendiamoci, ma almeno qualcuno prova a capire quale dovrà essere la via d’uscita dal degrado dello Stadio. Sarà un gruppo di ingegneri dell’Università La Sapienza a lanciare proposte concrete corredate di progetti tecnici. Si metteranno presto al lavoro e il loro impegno sarà finanziato dalla Getty Foundation di Los Angeles. La Fondazione americana ha selezionato alcune opere d’arte ingegneristica e architettonica da salvare in tutto il mondo e, tra queste, ha scelto anche il Flaminio. Per capire il valore di questo stadio basta elencare le altre opere scelte firmate Le Corbusier, Lloyd Wright, Gropius uno dei maestri del Bauhaus e molti altri.

Il progetto si chiama “Keeping it modern” e mira proprio alla tutela del patrimonio artistico e architettonico del ventesimo secolo, in particolare delle costruzioni dove si osò di più e grazie alle quali la tecnica ha fatto progressi. Nel nostro precedente articolo sul tema raccontammo la particolare inclinazione delle tribune, frutto di studi innovativi di Nervi. E basta scorrere l’elenco dei vincitori di quest’anno per osservare che il progetto del Flaminio ha ottenuto lo stanziamento più alto.

Ottima, dunque, è stata la scelta dell’assessore allo Sport Frongia di concorrere ai grant della Fondazione Getty. E’ probabile che entro un anno i progetti saranno sul tavolo, pronti ad essere messi in pratica. A quel punto sarà necessario un nuovo scatto di reni da parte del Campidoglio e superare alcune resistenze legate ai finanziamenti privati tipiche del Movimento 5Stelle. E’ infatti molto improbabile che la pubblica amministrazione possa trovare i fondi necessari per il rilancio dello Stadio e il ricorso ai privati sarà indispensabile.

 

Se hai trovato l'articolo interessante, condividilo!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Considerato che è da gennaio/febbraio 2016 che lo sapevano anche i sassi che il M5S avrebbe vinto le elezioni, si p… twitter.com/i/web/status/9…

La baraccopoli di S. Lorenzo fu inserita nel Progetto di riqualificazione urbana nel 2006. Ma da allora solo… twitter.com/i/web/status/9…

A Roma non si persegue nessuno, né chi butta la spazzatura fuori posto, né chi parcheggia in divieto, né chi occupa… twitter.com/i/web/status/9…

Questa roba configura una sorta di sequestro di persona per disabili e passeggini. vero @andreavenuto? Proviamo a s… twitter.com/i/web/status/9…

Video diario
  • Montagne di vetro abbandonate

    Una vera montagna di vetro abbandonata in strada. Alla faccia del riciclo. Se ci fosse il vuoto a rendere non accadrebbe. Via Ozanam

  • “SkarrozzanDolo” anche a Roma?

    Un'originale iniziativa presa a Dolo (VE) potrebbe essere il modo per l'amm.ne capitolina per dare un segnale forte in tema di disabilità

  • Ricordiamoci di #nonvotarechisporca

    Questo Rossello aveva detto di aver fatto rimuovere i manifesti abusivi ma c'è ancora tanto da fare. Qui dietro La Sapienza. C.Z.

Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.