Quale bike sharing per Roma? Lo chiede Fassina

Nessun commento

La notizia la prendiamo dal sito romano di Vas che ha riportato il testo integrale della interrogazione presentata dal consigliere Stefano Fassina.

Interrogazione-Fassina-15.1.2018.1

Interrogazione-Fassina-15.1.2018.2

Interrogazione-Fassina-15.1.2018.3

 

Dopo l’avvento del bike sharing a flusso libero, Fassina domanda alla Sindaca e all’assessore Meleo cosa intendono fare del bike sharing previsto nella riforma dei cartelloni pubblicitari. I due sistemi potranno convivere oppure la giunta intende privilegiare solo uno dei due? Si tratta di una domanda di buon senso dato che le scelte strategiche sul futuro della mobilità condivisa sono in capo proprio al Campidoglio. Fino ad oggi, infatti, né dalla Raggi né dalla Meleo sono venute indicazioni sulla direzione che dovrà prendere il bike sharing.

Se fino a poco tempo fa l’unica opzione era offerta dalle biciclette prelevate ad una stazione e restituite ad un’altra stazione, con le nuove tecnologie è possibile noleggiare una bicicletta e lasciarla praticamente ovunque. Si chiama flusso libero e ricalca il sistema usato dalle vetture di Car2Go, Enjoy, etc.

Mentre l’assessore Meleo lodava questa nuova forma di bike sharing (tanto da partecipare alla presentazione di uno degli operatori), la giunta approvava i piani di localizzazione degli impianti pubblicitari che prevedono una quota di circa 8 mila metri quadrati di pubblicità destinati al finanziamento del bike sharing tradizionale.

Delle due l’una: o l’assessore Meleo ha votato in giunta un provvedimento che non ha capito, oppure intende trovare un’altra soluzione. Propendiamo per la prima possibilità: ecco perché le associazioni Vas e Bastacartelloni, che da sempre seguono la riforma della pubblicità a Roma, hanno suggerito un sistema ibrido. Un sistema, cioè, che faccia convivere le due modalità e che permetta di limitare il caos provocato dalle biciclette a flusso libero (spesso parcheggiate in modo assurdo) e di far incassare al Campidoglio un canone di occupazione di suolo pubblico, sul modello francese.

Il consigliere Fassina ha citato nella sua interrogazione la proposta delle due associazioni. Dato che fino ad oggi dalla maggioranza 5stelle non è arrivata alcuna risposta, c’è da sperare che almeno ad una interrogazione consiliare qualcuno si degni di prestare attenzione.

Nel frattempo, il bike sharing a flusso libero sta prendendo piede a Roma. E cominciano a venire a galla i primi problemi. Anzi nel caso della foto che vi mostriamo sotto, vengono a galla le primi biciclette.

Bici-nel-Tevere.1

 

Un lettore di RiprendiamociRoma ha scattato questa foto che è stata ripresa da Repubblica e dal sito romano di Vas. Si tratta del rischio di vandalismo e parcheggio selvaggio di cui abbiamo parlato più volte. Ecco perché la proposta presentata dalle associazioni cittadine prevede che chi lascia la bici all’interno degli spazi autorizzati avrà uno sconto sulla tariffa di noleggio, mentre chi la lascia al di fuori pagherà di più.

Altra prerogativa tutta romana riguarda il campo rom di via di Salone. All’interno di un container sono state trovate decine di biciclette del flusso libero rubate e pronte ad essere smontate a pezzi.

 

Articoli correlati

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Pazzesco! La situazione ha da tempo superato il limite del ridicolo ed il governo nazionale non può più far finta di niente con un’amica.ne della capitale così bloccata. Almeno salterà qualche testa questa volta @virginiaraggi? twitter.com/MercurioPsi/st…

C'è una norma per i ristoranti che nessuno controlla mai. Ad un numero di coperti deve corrispondere una certa grandezza della cucina. Serve a garantire la qualità dei piatti serviti. E se in tavolini in strada aumentano i coperti abusivamente che succede? diarioromano.it/?p=30350

Sotto la galleria Turbigo a Termini c'è un mondo di emarginazione che non si risolve mettendo la testa sotto la sabbia. Oltre 30 persone che vanno aiutate e spostate diarioromano.it/?p=30222

Storia di ordinaria follia da sosta selvaggia. Una Smart blocca un intero quadrante del centro. E non ci sono carri attrezzi per rimuoverla. @EnricoStefano @LindaMeleo diarioromano.it/?p=30213

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.