Poi dice perché non li inviti al dibattito pubblico

Sarà che la sensibilità del politico medio è un po’ migliorata, sarà che hanno capito in molti che impiastrare la città con i propri manifesti è controproducente, sarà pure per la campagna #nonvotarechisporca che abbiamo contribuito a lanciare, è un fatto che l’incartamento della città con manifesti affissi un po’ ovunque non si sta verificando.

È pur vero che la campagna elettorale non appare ancora partita, benché manchi meno di un mese alle elezioni, ma la speranza è che si riesca a limitare i danni da manifesti al livello attuale. Livello attuale che vede la stragrande maggioranza di manifesti abusivi provenire dagli schieramenti (si fa per dire) di estrema destra, a conferma che a Roma dobbiamo necessariamente avere la versione “alle vongole” delle cose che invece nel resto del mondo sono serie; una destra degna di tale nome infatti, in qualsiasi parte del mondo fa del rispetto delle regole il fondamento della propria azione.

 

 

DiSte1

 

Tra questi imbrattatori si distingue chi lo fa mettendo il proprio faccione e proponendolo come quello del prossimo sindaco di Roma. Tempo fa avevamo parlato di Adinolfi e della campagna abusiva “a sua insaputa”. Oggi vogliamo segnalare invece il caso di tale Di Stefano, di Casapound Italia, che pare farsi vanto degli aggettivi arrogante, xenofobo e populista che gli vengono attribuiti.

 

DiSte2

 

Forse sfuggirà al Sig. Di Stefano che se vuole dare un senso all’hashtag #difendereRoma dovrebbe anzitutto astenersi dall’impiastrare i muri altrui con il suo faccione (curiosamente lo stabile che occupano da anni non è interessato da affissioni abusive).

 

Per chiarezza, non che per i bandoni elettorali le norme vengano rispettate alla lettera, con i candidati della destra anche qui a distinguersi per le violazioni. Ma per gli standard a cui eravamo abituati a Roma, già il limitare il degrado ai soli bandoni sarebbe un risultato enorme. Poi alle prossime elezioni vediamo di eliminarli i bandoni però.

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

#Roma - Trotta Autoservizi, in procinto di aggiudicarsi un appalto da 1/2 MILIARDO per i #bus ⤵️ diarioromano.it/linee-bus-di-p… non sta pagando gli stipendi a Fiumicino fiumicino-online.it/articoli/polit… né a Potenza sassilive.it/economia/lavor… Andrà tutto bene Ass @eugenio_patane? @diarioromano Retweeted by diarioromano

A #Roma il mercato immobiliare rialza la testa. Prezzi su quasi del 5%. A livello internazionale la capitale ha poco appeal, ferma al 127° posto nel mondo. Ma l'inflazione spinge a comprare il mattone, rifugio sicuro in tempi di crisi 👇📰 diarioromano.it/a-roma-il-merc…

La moltiplicazione romana dei parcheggi. A piazza Manfredo Fanti, all'Esquilino, gli spazi di sosta vengono moltiplicati ogni giorno, tanto le possibilità di essere sanzionati sono praticamente nulle. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - La moltiplicazione romana dei parcheggi.
A piazza Manfredo Fanti, all'Esquilino, gli spazi di sosta vengono moltiplicati ogni giorno, tanto le possibilità di essere sanzionati sono praticamente nulle.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/nwjMMJeMKJ

#Caos rifiuti in centro storico: tutto ancora a “carissimo amico”. Dopo quasi un anno di nuova #amministrazione e con una specifica "commissione emergenza rifiuti", in Municipio I la situazione è ancora fuori controllo... 👇📰 diarioromano.it/caos-rifiuti-i…

Oggi e domani, in II Municipio, i giovani fanno arte e musica. In piazzale Ankara, prima edizione de “L’Isola che non c’era” frutto del bando comunale per promuovere cultura e aggregazione. Eventi sabato e domenica dalle 18 alle 24

test Twitter Media - Oggi e domani, in II Municipio, i giovani fanno arte e musica.

In piazzale Ankara, prima edizione de “L’Isola che non c’era” frutto del bando comunale per promuovere cultura e aggregazione. Eventi sabato e domenica dalle 18 alle 24 https://t.co/icVa36YmZd
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close