dispenser

Chi frequenta alberghi in giro per il mondo ogni tanto in bagno al posto delle boccette o le bustine con i saponi trova distributori del tipo di quello mostrato nella foto.

La scritta dice qualcosa tipo: “Questo distributore riciclabile sostituisce 150.000 bottigliette di plastica all’anno, solo per questo hotel”.

Più di qualcuno alla vista di questi distributori storce la bocca, preferendo le piccole confezioni di saponi, soprattutto quelle che le migliori catene di hotel si sforzano di rendere sempre più sofisticate ed attraenti.

Se però proviamo ad immaginare che 150.000 bottigliette di plastica corrispondono a svariati metri cubi e qualche centinaio di tonnellate di spazzatura già la preferenza per le piccole confezioni dovrebbe subire un primo colpo. Se inoltre moltiplichiamo un tale cumulo di rifiuti per tutte le strutture ricettive presenti a Roma, B&B abusivi inclusi, ci dovremmo rendere conto quanto sia assurdo che ogni giorno si continuino a far produrre tanti rifiuti inutili.

 

Dell’assessore Muraro si sono perse le tracce da tempo, complice senz’altro l’incredibile campagna di stampa che le si è scatenata contro. Anche la stampa si è un po’ stancata di attaccarla e ci si chiede a cosa stia lavorando l’assessore, considerato che l’AMA ancora aspetta di veder reintegrato il suo vertice e che la situazione generale dei rifiuti e della pulizia in città continua a presentare le stesse criticità, con rovistatori dei cassonetti sempre all’opera, conferimenti sostanzialmente indifferenziati e cassonetti sempre attorniati di cumuli di rifiuti.

In attesa del piano “verso rifiuti zero”, annunciato entro la fine dell’anno dal Sindaco Raggi (ma averne uno già pronto per quando si sarebbero vinte le elezioni, che lo sapevano anche i muri a Roma, no eh?), non potrebbe l’assessore Muraro promuovere velocemente una misura che entro un tempo ragionevole obblighi tutte le strutture ricettive della capitale a dotarsi di distributori ricaricabili di saponi?

Un tale provvedimento non avrebbe costi per l’amministrazione, non richiederebbe grandi elaborazioni ed anche per le imprese sarebbe probabilmente una semplice partita finanziaria, essendo i distributori senz’altro più convenienti delle confezioni singole.

Mentre quindi la città continua ad aspettare le magnifiche sorti e progressive su cui senz’altro il M5S sta lavorando, non sarebbe male cominciare a dare qualche piccolo contentino come questo a chi dai dubbi è già passato ad una prima consapevolezza che neanche questa è la volta buona per ridare dignità e speranza a Roma.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

La bella idea di chiudere per metà via Nazionale. Buonsenso avrebbe suggerito di fare i lavori in estate, ma vuoi mettere moltiplicare i cantieri durante le elezioni? Via Nazionale bloccata con tempi di attesa biblici anche per i bus. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - La bella idea di chiudere per metà via Nazionale.

Buonsenso avrebbe suggerito di fare i lavori in estate, ma vuoi mettere moltiplicare i cantieri durante le elezioni? Via Nazionale bloccata con tempi di attesa biblici anche per i bus.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/nGNKFrEDUg

E anche a via Ezio un disabile deve passare da un’altra parte. #Disability

test Twitter Media - E anche a via Ezio un disabile deve passare da un’altra parte. #Disability https://t.co/1Tl8rRRnZp

L’ultima estate in città: un viaggio ancora attuale nella #Roma di Calligarich. Un #romanzo del 1973 dalla storia turbolenta che è tornato in libreria. La vita dei trentenni di ieri e di oggi inchiodati in una capitale meravigliosa ma senza speranza. 👇📰 diarioromano.it/lultima-estate…

Alla fermata in mezzo ai rifiuti. Via di Portonaccio, angolo Tiburtina, alle spalle di una fermata Atac molto frequentata rifiuti sparsi. Da quanto non viene pulita l’area? (Foto Federico S.) #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - Alla fermata in mezzo ai rifiuti.

Via di Portonaccio, angolo Tiburtina, alle spalle di una fermata Atac molto frequentata rifiuti sparsi. Da quanto non viene pulita l’area? (Foto Federico S.)
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/gniXm4DEjY
Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close