L'amm.ne deve aver riconosciute fondate le nostre critiche sui lavori di rifacimento della piazza, ma non è certo dipingendo qualche striscia bianca che si risolve. Si rende anzi tutto più pericoloso

Tre giorni fa abbiamo dato conto del rifacimento di piazza Venezia, dimostrando come l’aver rifatto la pavimentazione lasciando immutata la distribuzione degli spazi sia stato un errore madornale. Si sono infatti in questo modo lasciati gli striminziti spazi pedonali di sempre e non si è approfittato per riservare spazio per bici e monopattini.

Come le nostre foto hanno dimostrato, tali scelte costringono pedoni e ciclisti a transitare in promiscuità con i veicoli, con gravi pericoli per tutte le componenti di traffico.

 

 

 

Ebbene ieri siamo passati per piazza Venezia e non abbiamo potuto non notare un nuovo intervento sulla disciplina viaria. Seguono alcune immagini.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’intervento mostrato dalle foto ci conferma come in Campidoglio ci leggano, ma non sappiamo se rallegrarci per l’efficacia che implicitamente viene riconosciuta alle nostre analisi o disperarci per aver avuto conferma, semmai ce ne fosse stato bisogno, dell’ennesimo sperpero di denaro pubblico, dell’ennesima occasione sprecata per modernizzare e rendere più fruibile e sicuro un luogo tanto importante come piazza Venezia.

Era evidente da anni come i marciapiedi della piazza fossero insufficienti per i transiti pedonali che la interessano, così come l’eccessivo spazio riservato alle carreggiate. Come si sia potuto pensare di intervenire in maniera tanto profonda sulla pavimentazione senza ripensare la distribuzione degli spazi allargando i marciapiedi è cosa che sfugge alla comprensione.

È però altrettanto incomprensibile, per non dire ridicolo, pensare di rimediare al marchiano errore disegnando qualche striscia bianca sulla pavimentazione. Un tale intervento risulta anzi controproducente, inducendo i pedoni a sentirsi al sicuro sulla carreggiata quando invece si sa bene come automobilisti e motociclisti romani usino ignorare la segnaletica orizzontale (e non solo quella). Senza contare che come al solito quella segnaletica ben presto si biadirà fino a sparire.

Inoltre questo ridicolo intervento non affronta minimamente le esigenze di bici e monopattini, che rimangono costretti a transitare in mezzo a tutti gli altri veicoli.

 

A piazza Venezia si sono spesi quasi quattro milioni di euro per rifare la pavimentazione e l’introduzione di questa segnaletica orizzontale posticcia è la prova provata che altri soldi andranno spesi per rimediare agli errori del progetto appena terminato.

Contiamo che la nuova amministrazione affidi l’assessorato ai lavori pubblici a mani più esperte e attente di quelle incredibilmente incapaci e inesperte che l’hanno tenuto in questi ultimi cinque anni: prima una mezza attribuzione all’assessore all’urbanistica, poi l’incredibile assegnazione a tale Margherita Gatta e quindi il passaggio alla perenne apprendista assessore Linda Meleo.

Voltiamo pagina anche in questo e speriamo davvero per il meglio.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Dopo un anno una risposta è dovuta assessore @eugenio_patane, qualunque essa sia. @gualtierieurope twitter.com/MercurioPsi/st…

A Roma nessuna sosta è vietata sui marciapiedi. Com'era quella del nuovo codice della strada che vieta la sosta dei monopattini sui marciapiedi? Ma d'altronde la sosta delle moto è vietata da sempre, ma non a Roma. #Roma #fotodelgiorno

test Twitter Media - A Roma nessuna sosta è vietata sui marciapiedi.

Com'era quella del nuovo codice della strada che vieta la sosta dei monopattini sui marciapiedi? Ma d'altronde la sosta delle moto è vietata da sempre, ma non a Roma.
#Roma #fotodelgiorno https://t.co/Mh1yGFyPkh

L’abbandono di Villa Flora, l’area verde più importante del Portuense Il casino nobile e le serre sono in #disfacimento, le fontane spente mentre il parco è rifugio di #attività illegali. Il #recupero degli edifici e la valorizzazione del giardino... 👇📰 diarioromano.it/labbandono-di-… Retweeted by diarioromano

Forse se si comincia dagli esercenti (le UND) è più facile riprendere il controllo della raccolta rifiuti. E magari anche dare una svegliata alla @PLRomaCapitale di cui si sono definitivamente perse le tracce. @gualtierieurope @Sabrinalfonsi twitter.com/residentiCM/st…

L’abbandono di Villa Flora, l’area verde più importante del Portuense Il casino nobile e le serre sono in #disfacimento, le fontane spente mentre il parco è rifugio di #attività illegali. Il #recupero degli edifici e la valorizzazione del giardino... 👇📰 diarioromano.it/labbandono-di-…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close