Piazza Santa Costanza: finalmente partiti i lavori

Un assetto provvisorio durato dieci anni. ” In Italia non c’è niente di più definitivo del provvisorio”, ripeteva Giuseppe Prezzolini. Se avesse assistito alla vicenda di piazza Santa Costanza avrebbe rafforzato ancor di più la sua convinzione.

Era il 2007 quando la rotonda centrale veniva circondata da new jersey di plastica per permettere l’avvio del cantiere della Metro B1. Qui doveva essere costruita la fermata Nomentana. Ma la stazione sotterranea non vide mai la luce, tanto che fu in seguito stralciata dall’opera. La piazza, però, rimase nella sua sistemazione provvisoria.

Nell’aprile del 2015 denunciammo la situazione di degrado al 2°  Municipio. Ed oggi, a dicembre 2017, finalmente possiamo dare la buona notizia dell’avvio del lavori. Sono trascorsi ben 10 anni, ma finalmente l’area verrà riqualificata.

In queste prime due foto vi mostriamo il caos che regnava fino a poco tempo fa, con auto in sosta ovunque, recinzioni di plastica spostate, erbaccia, marciapiedi dissestati.

 

Santa Costanza sosta e degrado 4

Santa Costanza sosta e degrado 3

 

Ed ecco invece il cantiere, avviato da pochi giorni con alcune novità. Le aiuole della rotonda sono state eliminate ma presto verranno ripiantati gli alberi. Inoltre sono stati già installati i nuovi lampioni a led. La sosta verrà ridisegnata sui lati della piazza, speriamo dimensionando le carreggiate in modo da evitare la doppia fila. Troppo spesso, infatti, i genitori che si fermano davanti all’istituto San Leone Magno per prendere i figli creano ingorghi e rallentamenti.

lavori santa costanza
lavori santa costanza2

lavori santa costanza3

 

Nelle prossime settimane, inoltre, dovrebbero iniziare i lavori anche nel tratto di via Santa Costanza che conduce verso piazza Istria. Attualmente il centro della strada è occupato da auto in sosta a spina. Anche questa era una scelta provvisoria del Municipio presa 10 anni fa e diventata poi definitiva. Il grande parcheggio adiacente, sotto la fermata metro Annibaliano, resta ancora chiuso ma potrebbe ospitare centinaia di vetture. Il progetto prevede proprio la riduzione della sosta a raso su via Santa Costanza e lo spostamento delle macchine sottoterra. Vedremo se il Municipio avrà il coraggio di prendere una decisione non molto popolare.

lavori santa costanza4

 

Ad ogni modo, la buona notizia c’è. La riqualificazione dell’area non era più rinviabile. Un bel regalo di Natale per gli abitanti del quartiere che erano stanchi di aspettare.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

3 risposte

  1. Ma c’è modo di vedere qualche disegno di come verrà la piazza dopo i lavori?
    Passando di lì tutti i giorni, temo le solite soluzioni alla “romana”: la rotatoria mi sembra dimensionata in modo da lasciare troppo spazio per la carreggiata con presumibile auto in sosta.
    Speriamo comunque in qualcosa di decente

  2. Era ora!
    Finalmente la piazza sarà urbanisticamente degna del quartiere.
    Avrei comunque osato di più: ovvero costruire un segmento separatorio che potesse dare ordine alle macchine posteggiate a spina di pesce, lungo la via fino a Piazza Istria.
    Come hanno fatto a Viale Libia.
    Comunque, che la riqualificazione dia ordine e decoro.

  3. Ricapitolando, prima c’erano: alberi (e un po’ di verde), parcheggi, e rotatoria. Ora non ci saranno più gli alberi, non ci saranno più i parcheggi, rimarrà soltanto la rotatoria. Secondo voi, quelle auto dove si metteranno?
    Ricordo che il parcheggio sotto la metro è stato posto sotto sequestro ed è inagibile, per di più non è un parcheggio pubblico, sono box auto.
    Questa è una soluzione scellerata, che oltre ad imbruttire la piazza (bastava rimettere a posto la piazza, senza abbattere nulla e rifare il manto stradale), è uno spreco di soldi e peggiora la già critica situazione parcheggi della zona.
    Un perfetto esempio dell’idiozia del cattivo gusto e dello sperpero di denaro pubblico che la fanno da padroni in questa città ormai da troppo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I nostri ultimi Tweets

Il bilancio #Atac a confronto con quello di #Atm. Due mondi differenti. L'azienda milanese a parità di dipendenti offre un servizio migliore e investimenti cinque volte maggiori. Per Atac l'aiuto del #Comune è indispensabile. #Roma #4agosto ▪️ 👇📰 diarioromano.it/il-bilancio-at… Retweeted by diarioromano

Il bilancio #Atac a confronto con quello di #Atm. Due mondi differenti. L'azienda milanese a parità di dipendenti offre un servizio migliore e investimenti cinque volte maggiori. Per Atac l'aiuto del #Comune è indispensabile. #Roma #4agosto ▪️ 👇📰 diarioromano.it/il-bilancio-at…

La puzza e l’abbandono probabilmente sono voluti: così chi arriva a Roma capisce subito che questa non è una città come le altre. . #Roma #fotodelgiorno 📸

test Twitter Media - La puzza e l’abbandono probabilmente sono voluti: così chi arriva a Roma capisce subito che questa non è una città come le altre.
.
#Roma #fotodelgiorno 📸 https://t.co/z0M8ABrPuM

Il #distanziamento solo sui #treni dei ricchi. Dei pendolari non interessa a nessuno. Atac riduce le corse e la gente si accalca. Ma gli intellettuali da spiaggia si indignano solo quando si toccano i #Frecciarossa usati da manager e politici. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/il-distanziame… Retweeted by diarioromano

Il #distanziamento solo sui #treni dei ricchi. Dei pendolari non interessa a nessuno. Atac riduce le corse e la gente si accalca. Ma gli intellettuali da spiaggia si indignano solo quando si toccano i #Frecciarossa usati da manager e politici. ▪️ 👇📰 diarioromano.it/il-distanziame…

Suggerimenti di lettura
Ultimi commenti

Altri articoli nella stessa categoria

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close