Pericoloso e indecoroso. Urgente!

1 Commento

Abbiamo ricevuto in copia la seguente denuncia che volentieri rilanciamo:

 

Buongiorno,

ormai esausta segnalo ora a entrambi (in quanto uno responsabile II Municipio e l’altro come Polizia Municipale Gruppo II) , quanto già segnalato in precedenza ad ACEA (da mio marito)  la situazione di pericolo, oltre che di indecorosa e indecente situazione, che da purtroppo da anni (e non solo mesi) si protrae all’angolo tra viale Pinturicchio e via Giulio Romano. Ecco la descrizione.

Come documentato anche dalle foto in allegato del 16 luglio ultimo scorso, una specie di centralina della Acea viene puntualmente buttata  giù  per ignote cause o da ignoti soggetti, per ogni tanto su segnalazione di qualche cittadino i vigili appongono la protezione arancione e poi nulla accade, oppure qualche operaio arriva, la rialza ponendo qualche toppa di  (immagino) cemento sul marciapiede e dopo qualche giorno questa specie di centralina  cade nuovamente lasciando sempre in vista i fili allo scoperto e alla mercé di chiunque voglia tagliarli. per stupidità o altri motivi.

Inoltre, quando è per terra come visibile dalle foto, esce uno spunzone dove se qualcuno inciampa nelle vicinanze può rimanere infilzato o comunque pesantemente ferito.

Con l’occasione segnalo anche che sta sprofondando un punto del marciapiede quasi di fronte al civico 60-62 di Viale Pinturicchio, rendendo il marciapiede pericoloso per i pedoni che lo percorrono.

Spero che vogliate ognuno per le proprie responsabilità e competenze, provvedere al ripristino di una situazione decente, sicura e duratura, con una soluzione di qualità, di decoro estetico e duratura.

Ci riuscirete collegandovi tra voi? Lo spero come cittadina fiduciosa nelle istituzioni.

Cordiali saluti, in attesa di vostro gentile riscontro alla presente  teso alla soluzione dei problemi (e non di sollecitazione a me di scrivere a qualcun altro)

 

 

 

Nel ringraziare della segnalazione, non possiamo non collegare l’ormai cronica inefficacia di ACEA con le storie del suo presidente, ormai ex, Lanzalone, quello a cui il M5S ha dato come premio la presidenza ACEA perché aveva lavorato bene a Livorno.

Oppure ci riviene in mente l’imbarazzante intervento che fece il Sindaco Raggi all’ultima assemblea dei soci ACEA, quando invece di bacchettarli per le troppe strade al buio, per la malagestione delle fontanelle o delle cabine e scatole elettriche il Sindaco si esibì in un panegirico ridicolo e del tutto fuori luogo. Davvero curioso rivedere oggi con quanta deferenza il Sindaco trattava colui che qualche settimana fa si è ritrovato arrestato per corruzione nella vicenda dello stadio della Roma.

 

Vediamo un po’ se si riesce a risolverlo una volta per tutte il problema di questa centralina.

 

Articoli correlati

1 Commento

  1. Marco Pascucci

    Abito anche io al Flaminio e confermo al 100% quanto dice la signora che ha fatto la segnalazione. Quella situazione si protrae effettivamente da anni.
    Come la signora, anche io ho ancora fiducia nelle istituzioni. Vediamo adesso se qualche cosa si muove…

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Tra 15 giorni stop alle auto diesel euro3 nell'anello ferroviario. Ma #Atac ha ancora il 41% dei suoi bus euro3. Invece di accelerare l'acquisto di quelli a metano, la gara salta per la 4a volta. Ce lo racconta @MercurioPsi. @TplRoma @saveMetroC. diarioromano.it/?p=36594

I residenti di piazza Armellini, via Pisa e via Moroni chiedono il perché della soppressione di 110 posti auto. La caserma GdF parla di motivi di sicurezza ma sembrano pretestuosi. @Delbellotw. diarioromano.it/?p=36536

Chiude per ben 3 mesi la fermata Baldo degli Ubaldi per controllare le scale mobili. Una revisione che si poteva programmare senza bloccare la stazione. Ma @virginiaraggi se la prende con quelli di prima. La storia raccontata da @MercurioPsi. @saveMetroC diarioromano.it/?p=36584

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.