Pass disabili in aree pedonali

1 Commento

Circa un anno fa l’assessore Meleo pubblicò un post sulla sua pagina facebook documentando un intervento di rimozione veicoli in piazza Borghese (l’assessore scrisse erratamente Largo Fontanella Borghese).

 

 

Noi ne parlammo qualche giorno dopo documentando come quello fosse stato un intervento inutile, stante che dal giorno successivo la piazza ricominciò ad essere utilizzata come fosse un normale parcheggio per autoveicoli.

 

 

La situazione prosegue immutata e quindi nonostante le richieste dell’assessore ai vigili il fenomeno della sosta selvaggia nelle aree pedonali non è stato affatto sconfitto.

C’è però un dettaglio che va sempre tenuto presente riguardo questa problematica e riguarda il modo in cui vanno trattati i veicoli che espongono un permesso disabili. Recentemente siamo infatti ripassati per piazza Borghese e l’abbiamo trovata abbastanza libera con solo poche auto in sosta.

 

 

Guardando bene, quasi tutti i veicoli esponevano il permesso disabili.

 

 

 

Questi sono veicoli che i vigili né sanzionano né tantomeno rimuovono, stante che effettivamente da Codice della Strada gli è concesso il transito nelle aree pedonali. Come si capirà però, non è pensabile che un’area di pregio possa essere deturpata in maniera indiscriminata da chi pur può avere una legittima necessità; nel caso meglio sarebbe prevedere un’area limitata riservata alla sosta di questi veicoli (area che peraltro è già presente lì vicino).

Ma soprattutto, a Roma è notorio come vi siano abusi diffusissimi nell’utilizzo dei permessi disabili, con un’infinità di persone che approfittano della difficoltà di effettuare i controlli (la persona disabile dovrebbe infatti essere a bordo del veicolo o in prossimità).

Del problema ci siamo già occupati più volte e la speranza era che prima o poi qualcuno vi mettesse mano. Purtroppo con una città che continua a vivere in emergenze continue è comprensibile che una cosa del genere venga lasciata da parte, benché poi gli effetti siano che anche mobilitando l’esercito certe aree pedonali vedranno sempre la presenza di veicoli in sosta, la stragrande maggioranza delle volte senza che neanche ne abbiano diritto.

 

Articoli correlati

1 Commento

  1. Giovanni

    Grazie per esservi impegnati con quest’articolo ad approfondire l’argomento delle “soste selvagge” con il finto pass disabili o comunque senza diritto. Spero che possa contribuire a sensibilizzare la gente (e chi tratta da vicino la cosa pubblica). Talvolta basta davvero poco per un mondo migliore.

Partecipa alla discussione

La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono indicati con (richiesto)

Tweets

Vai di cartelloni! @virginiaraggi la riforma tenetela bella imboscata nei cassetti Retweeted by diarioromano

test Twitter Media - RT @aventinerome: Vai di cartelloni! @virginiaraggi la riforma tenetela bella imboscata nei cassetti https://t.co/6NBZyxsRzs

Fermate metro chiuse. Non basta revocare l'appalto alla ditta di manutenzione. Occorre individuare la responsabilità politica. @virginiaraggi dovrebbe chiedere le dimissioni di Linda #Meleo. diarioromano.it/?p=31547

Atac e @virginiaraggi stanno per revocare l'appalto alla ditta di manutenzione delle scale mobili. Ma i problemi nascono nel 2017 e già da allora l'impresa non rispetta il contratto. Gli scenari futuri sono ancora peggiori. Un articolo di @MercurioPsi diarioromano.it/?p=31548

test Twitter Media - Atac e @virginiaraggi stanno per revocare l'appalto alla ditta di manutenzione delle scale mobili. Ma i problemi nascono nel 2017 e già da allora l'impresa non rispetta il contratto. Gli scenari futuri sono ancora peggiori. Un articolo di @MercurioPsi https://t.co/cE5KU6hjSo https://t.co/xieirj7PPa

Allora @andreavenuto , riusciamo a far aggiornare le pagine @InfoAtac in tempo reale così che chi ha problemi deambulatori non finisca sequestrato in qualche stazione? @virginiaraggi : che altro occorre per congedare @LindaMeleo ? twitter.com/mercuriopsi/st…

Video diario
Newsletter
Rimani aggiornato! Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati.